Tortu: ''Che orgoglio, l'Italia in finale nei 100''

28 Settembre 2019

Parla l'azzurro settimo ai Mondiali di Doha: "Mi sono allenato come un matto per farcela". La delusione di Jacobs: "Potevo esserci anch'io". Stecchi sorride: "Condizione al top"


 

“Essere il settimo al mondo nei 100 metri fa un effetto stupendo - le parole di Filippo Tortu dopo la finale dei 100 metri - Ieri non ho fatto una bella gara e dovevo fare molto meglio oggi. Sono molto orgoglioso di aver rappresentato l’Italia in questa finale, e non sono presuntuoso nel dire che quest’anno sono uno dei migliori al mondo. Mi fa piacere aver fatto lo stagionale qui a Doha, anche se mi scoccia finire questa stagione senza aver corso sotto i dieci secondi. Tutto il mio staff, il mio allenatore, ai fisioterapisti e alle persone che mi seguono fuori dalla pista, hanno fatto un buon lavoro. Scherzando dico che avrei voluto correre piano la finale per godermela il più possibile. C’era tutta la mia famiglia qui per sostenermi: non li ringrazio mai abbastanza. Ho corso per loro. I Mondiali non sono finiti, c’è ancora la staffetta. E da ottobre, dopo un periodo di stacco, si comincia a lavorare per Tokyo 

FILIPPO TORTU: "ORGOGLIOSO DI AVER RAPPRESENTATO L'ITALIA IN FINALE"

FILIPPO TORTU (dopo la semifinale): “È stata la gara migliore della mia vita, forse non dal punto di vista tecnico, ma da quello mentale sicuramente sì. Mi sono allenato come un matto per ottenere questo risultato. Sapevo di valere più di ieri. Gareggiavo contro tutti gli atleti che durante la stagione mi hanno battuto, e oggi li ho messi dietro quasi tutti. Ora vado a riscaldarmi nuovamente e a pensare alla finale: me la immagino più veloce possibile, voglio tornare sotto i 10 secondi, e non voglio pormi limiti”.

MARCELL JACOBS: “Molto amareggiato - non si nasconde Marcell Jacobs, eliminato con 10.20 (-0.3) - la finale era ampiamente alla mia portata. Purtroppo oggi si è fatto sentire quest’ultimo mese e mezzo senza allenarmi al 100%: due turni uno dietro l’altro, e ho fatto fatica. Ma quello che mi ha destabilizzato sono stati quei due appoggi che ho messo male in partenza, li ho messi 'piatti' e mi sono dovuto alzare subito e fare una gara a rincorrere: 10.10 era fattibilissimo, sento di aver perso un’occasione, potevamo essere due italiani in una finale mondiale e la cosa mi dà fastidio. Con Filippo non posso che congratularmi, è stato bravissimo, dopo la batteria di ieri non corsa benissimo ha tirato fuori quello che aveva. Con la staffetta 4x100 si può fare bene, possiamo qualificarci per Tokyo, ma di questo ne parliamo la settimana prossima, adesso vado a sbollire…”

CLAUDIO STECCHI: “L’obiettivo era entrare in finale e ce l’abbiamo fatta - le parole di Claudio Stecchi, avanti con 5,75 -anche se avrei preferito fare un paio di salti in meno. I miei salti mi sono piaciuti tutti, forse addirittura meglio i nulli rispetto a quelli riusciti, che invece ho fatto ‘di esperienza’. Essere in una finale mondiale in una stagione così piena di rallentamenti è stata quasi una fortuna, perché sono entrato in condizione più tardi e a fine settembre mi sento nella migliore condizione possibile. Il podio penso sia blindato ma tutte le altre posizioni sono aperte. Mi piacerebbe fare più di 5,75 e… scalare”.

4x400 MISTA: Il quartetto italiano della staffetta 4x400 mista è il primo degli esclusi dalla finale: quinto posto in batteria con 3:16.52 per Edoardo Scotti, Giancarla Trevisan, Raphaela Lukudo e Brayan Lopez, nono tempo complessivo del turno.

GIOVANNI FALOCI: Ad aprire la giornata azzurra a Doha era stato Giovanni Faloci: turno di qualificazione senza acuti nel disco (59,77).

A cura di Nazareno Orlandi, ha collaborato Luca Cassai

START LIST E RISULTATI/Results - FOTO/PhotosISCRITTI/Entries - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team - TV E STREAMINGTUTTE LE NOTIZIE/News - LE PAGINE IAAF SUI MONDIALI

TEAM GUIDE CON SCHEDE DEGLI AZZURRI (PDF)

LE PRESENTAZIONI GARA PER GARA: SPRINTMEZZOFONDO - MARATONA E MARCIA - OSTACOLI E MULTIPLESALTILANCI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 CAMPIONATI MONDIALI su PISTA