Palmisano, 20km bronzo anche a Berlino!

11 Agosto 2018

La pugliese (1h27:30) bissa il terzo posto dei Mondiali di Londra 2017 e riporta le azzurre sul podio dopo dodici anni. Trapletti nona con il PB (1h29:57), Giorgi squalificata  


 

di Nazareno Orlandi - interviste video di Alessio Giovannini

Un fiore tra i capelli, un soffio di bronzo sulle strade di Berlino. Terza medaglia per l’Italia ai Campionati Europei: Antonella Palmisano è una garanzia nella 20km di marcia e bissa il terzo posto ottenuto lo scorso anno ai Mondiali di Londra. La 27enne tarantina delle Fiamme Gialle, allenata da Patrizio Parcesepe a Ostia, completa la sua prova con il primato stagionale di 1h27:30, alle spalle della spagnola Maria Perez, oro in 1h26:36 (record dei campionati) e della ceca Anezka Drahotova, argento in 1h27:03. La gara era cominciata con un’ora e cinquanta di ritardo a causa di una fuga di gas lungo il percorso, che aveva reso necessari controlli di sicurezza all’ombra della Gedächtniskirche. Grazie alla marciatrice con il fiore tra i capelli, sempre preparato da mamma Maria ma con l'aggiunta del tricolore tedesco accanto al verde-bianco-rosso, il tacco-e-punta femminile torna sul podio continentale a distanza di dodici anni dal bronzo di Elisa Rigaudo a Göteborg 2006. È da applaudire anche il nono posto di Valentina Trapletti con il personale di 1h29:57 che migliora il precedente limite di 1h30:18 dei Mondiali a squadre di Taicang, in maggio. Non arriva a destinazione Eleonora Giorgi, fuori per tre proposte di squalifica quando era già staccata dalle migliori e debilitata dai problemi fisici accusati nella scorsa settimana. Per la spedizione azzurra è il terzo bronzo dopo quelli di Yeman Crippa nei 10.000 e di Yohanes Chiappinelli nei 3000 siepi.

PALMISANO: "IMPORTANTE CONFERMARSI" - “Sono molto contenta soprattutto di essermi confermata - esulta "Nelly" - non era facile vincere un'altra medaglia un anno dopo, soprattutto sapendo di non essere nella stessa condizione della scorsa stagione. È stata una gara tosta, un continuo variare su un’atleta e l’altra, non si capiva chi potesse prendere il ritmo giusto. Non ho la stessa forma di Londra perché quest’anno abbiamo cambiato un po’ di cose nei chilometri della preparazione invernale, ma era importante farlo nel 2018, in una stagione più facile, in previsione dei Giochi di Tokyo. Per me questa medaglia significa tanto, è la ciliegina sulla torta. Tra un mese mi sposo, mamma sta finendo di preparare l’abito da sposa. I preparativi mi hanno tolto qualcosa dal punto di vista atletico, ma come donna mi stanno regalando veramente tanto. All’altare non ci andrò marciando, adesso devo imparare la cosa più difficile: portare i tacchi!”.

VIDEO | LA GIOIA DI ANTONELLA PALMISANO 

MARCIA NUZIALE - Si sposerà a settembre nella sua Mottola (Taranto) con l'altro marciatore del #ParceTeam Lorenzo Dessi, corso ad abbracciarla dopo l'arrivo. Si sono conosciuti grazie all'atletica e sarà una festa ancora più bella, con il bronzo al collo. Il viaggio nella capitale tedesca di Antonella Palmisano si era aperto con gli auguri di tutta la squadra azzurra per i 27 anni compiuti il 6 agosto e finisce con un altro podio, a un anno da Londra, dove era stata la migliore delle europee, e a ventiquattro mesi dal quarto posto dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Quest'anno ai Mondiali a squadre di Taicang si era dovuta accontentare della diciassettesima piazza, fiaccata dalla febbre. Oggi, invece, la marciatrice sbocciata nell'Atletica Don Milani di Tommaso Gentile firma la seconda prestazione in carriera nella 20km (1h27.30), un tempo superiore soltanto a quello timbrato sul The Mall londinese (1h26:36). Dodici chilometri attaccata alle migliori, un po' di sofferenza per il cambio di passo imposto dalla Drahotova con la Perez, e poi un finale a denti stretti. "Mi mancava velocità a questi ritmi, però dovevo rimanere lì e crederci", racconta. Può sorridere anche Valentina Trapletti: la 33enne milanese dell'Esercito seguita da Enzo Fiorillo scende per la prima volta in carriera sotto la soglia dell'ora e mezzo e nel finale si garantisce la top ten. Di contro, la primatista italiana Eleonora Giorgi vive una giornata "no" che segue un avvicinamento alla rassegna continentale a dir poco travagliato. La 28enne milanese delle Fiamme Azzurre allenata da Gianni Perricelli resta nel gruppo delle front-runner fino a metà gara, poi non regge il forcing delle prime della classe e quand'è nona con oltre due minuti di ritardo dalla Perez si vede sventolare la terza proposta di squalifica che mette fine alla sua prova a poco più di un chilometro dal finish.

AZZURRE, 8 MEDAGLIE EUROPEE NELLA MARCIA - Sale a otto medaglie il bottino azzurro agli Europei nella marcia femminile, specialità inserita nel programma soltanto a Stoccarda 1986: nel palmares luccicano gli ori nella 10km dell’indimenticabile Annarita Sidoti, campionessa d’Europa nel 1990 a Spalato (dove fu bronzo Ileana Salvador) e nel 1998 a Budapest (con l’argento di Erica Alfridi per l’inedita doppietta), titoli intervallati dall’argento di Helsinki nel 1994 sempre nella 10km. Gli ultimi brindisi azzurri prima del cin cin della Palmisano erano i terzi posti della Alfridi a Monaco 2002 e di Elisa Rigaudo a Göteborg 2006 nella 20km.

VIDEO | LA PREMIAZIONE DI ANTONELLA PALMISANO

TRAPLETTI: "PB IN UNA GARA TOSTISSIMA" - "Ho fatto di nuovo il personale, e in una gara tostissima - riflette Trapletti - Era estremamente fresco e le partenze sono state velocissime. Anche l'inconveniente del ritardo è stato snervante perché abbiamo dovuto ricominciare il riscaldamento e non ha aiutato. Sono rimasta da sola quasi per tutta la gara, speravo non accadesse. All'inizio ero col gruppo ma il ritmo era altissimo, ho tenuto più che ho potuto. Da Berlino 2009 a Berlino 2018 tanti infortuni: mi era stato detto che ero un'atleta finita e invece è stato un rientro fantastico". 

VIDEO | PARLA VALENTINA TRAPLETTI

I PASSAGGI

20KM (arrivo) - Cede la ceca Anezka Drahotova e la strada è spianata per la spagnola Maria Perez. Antonella Palmisano stringe i denti e conserva il terzo posto con 29 secondi di vantaggio sulla lituana Brigita Virbalyte-Dimsiene. Ripresa la Vaiciukeviciute, tra il dodicesimo e il tredicesimo chilometro era ripartita al contrattacco la Drahotova e si era formato un gruppo di testa a tre, completato da Palmisano e Perez, quest'ultima con una proposta di squalifica. Fino a quel punto era proprio la ceca la più brillante del trio (1h05:33 ai 15km, Palmisano 1h05:36), prima che la spagnola argento europeo under 23 prendesse la scena dal sedicesimo chilometro facendo selezione e allargando il gap fino al traguardo.

10KM - Tentativo di fuga per la lituana Zivile Vaiciukeviciute, 22 anni, sorella di altre due marciatrici. Al passaggio a metà gara (43:59) può contare su un vantaggio di otto secondi sul gruppo delle inseguitrici guidato da Antonella Palmisano (44:07). Stesso tempo per Eleonora Giorgi, gravata da due avvertimenti, più indietro Valentina Trapletti, tredicesima con un passaggio di 44:37.

5KM - Vento a tratti e qualche goccia di pioggia. Trenta marciatrici al via della 20km sulle strade di Berlino, in un tracciato di un chilometro da ripetere per venti volte. Le maglie azzurre si fanno subito notare nelle posizioni di testa del gruppo. La longilinea ceca Drahotova, bronzo europeo di quattro anni fa, inizia a scoprire le carte allungando già al quarto chilometro e passando per prima ai 5km (22:09), con le azzurre in scia: seconda la primatista italiana Eleonora Giorgi con un proposta di squalifica (22:12), stesso tempo per il bronzo mondiale Antonella Palmisano, 22:14 per Valentina Trapletti.

IN SERATA 5 FINALI - Nella sessione serale degli Europei di Berlino tre finali individuali con gli azzurri: il campione in carica e primatista italiano Gianmarco Tamberi nell’alto alle 20, Daisy Osakue nel disco alle 20.20 e Yeman Crippa nei 5000 alle 20.55 dopo il bronzo conquistato martedì sera nei 10.000. A chiudere, le finali delle due staffette 4x400 con i quartetti azzurri: gli uomini alle 21.30, le donne alle 21.50.

FOTO/PhotosLE SCHEDE DELLA SQUADRA ITALIANA (PDF) - START LIST - RISULTATI/Results - ISCRITTI/Entries - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team - TUTTE LE NOTIZIE/News - GLI EUROPEI IN TVNUMERI E STATISTICHE (DAL 1934 AL 2016)LE PAGINE EA SUGLI EUROPEI - IL SITO DEL COMITATO ORGANIZZATORE

DIRETTA TV E STREAMING - Tutte le emozioni degli Europei di Berlino sono trasmesse sui canali Rai (Rai2, RaiSport, RaiSport+HD e la piattaforma RaiPlay), sui canali Eurosport (Eurosport 1, Eurosport 2 ed Eurosport Player) e in streaming sul portale Eurovision al seguente link: www.eurovisionsports.tv/EuropeanChamps18/athletics

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Antonella Palmisano (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: