Scotti 47.77: un lampo ai Tricolore U18

12 Febbraio 2017

Ai Campionati Italiani Allievi indoor il 16enne sbriciola la MPI dei 400 e si installa al vertice mondiale stagionale per la categoria. Roberta Gherca vola a 4,01 nell'asta.


 

di Raul Leoni

Si chiude la rassegna tricolore indoor degli allievi: titoli di testa per Edoardo Scotti, nuovo primatista italiano dei 400 metri con 47.77. L’atleta lodigiano, trasferitosi a Parma con la famiglia e ora attivo sulla pista di Fidenza con Giacomo Zilocchi, demolisce il precedente 48.86 di Vladimir Aceti edizione 2015: il suo tempo, lanciato da un passaggio perfetto da 23.5, è anche la miglior prestazione mondiale U18 dell’anno su pista regolare, visto che il 47.24 dello statunitense Brian Herron è stato ottenuto su anello “gigante” a Nashville. La protagonista al femminile è Maria Roberta Gherca, neo-azzurra nata in Romania e cresciuta atleticamente a Velletri, che sale a 4.01 e fallisce di pochissimo il secondo tentativo a 4.10: per lei la quarta misura mondiale della stagione (e seconda italiana all time). Brava anche la brianzola Laura Pirovano (PB 3.70). Diversi vincitori si installano nella parte alta delle liste di categoria: David Zobbio (21.77) è secondo solo ad Andrew Howe nei 200 metri, Camilla Vigato – già tricolore ieri nel lungo – fa doppietta nel triplo con 12.86 (davanti alla brava Alice Rodiani, 12.43) e diventa la terza di sempre, mentre la romana Chiara Gherardi, classe 2001, è la quinta in lista nei 200m eguagliando il suo recente 24.62. Nelle top-10 entrano anche il livornese Giacomo Belli nell’alto (2.09) e l’ostacolista di Montevarchi Vieri Righi, grazie al 7.97 nelle batterie dei 60hs (poi il toscano vince la finale in 8.12). Debutto in maglia tricolore anche per altri al primo anno allievi: nei 1000m il frascatano Francesco Guerra (2:34.00) e la bresciana Sophia Favalli (2:53.94). Ennesimo titolo giovanile per la bellunese Noemy Petagna nei 60hs (PB eguagliato a 8.59), mentre la finale del peso si risolve in un derby tutto pugliese tra Carmelo Musci di Bisceglie (17.97) e il leccese di Galatina Francesco Trabacca (17.49). Gara insolitamente “tattica” nei 400m allieve: grande agonismo tra Elisabetta Vandi (56.50), Letizia Tiso ed Eloisa Coiro (entrambe 56.60), ma non arrivano i miglioramenti cronometrici dopo le belle batterie di ieri. Il titolo del triplo maschile va a Fabio Pagan (14.42), fratello minore del lunghista azzurro Riccardo. In chiusura, girandola di staffette: nella 4x200m allieve, vittoria della Bracco (1:43.57 per il quartetto milanese, non lontano dal limite di club in possesso della Pro Sesto con 1:43.14). Assegnati anche gli scudetti per società, che vanno ad Atletica Vicentina (allievi) e Bracco Atletica (allieve).

FOTO/Photos - TUTTI I CAMPIONI 2017

ISCRITTI e RISULTATI - ORARIO/Timetable - NOTIZIE/News - LA CRONACA DELLA PRIMA GIORNATA

ALLIEVI SECONDA GIORNATA

Maschili

4x200m (finale) – Come tra le ragazze, sei serie anche in campo maschile: e stavolta si arriva all’ultimo start con l’eccellente punto di riferimento fornito in precedenza dalla Studentesca Rieti Milardi (1:32.70). Ai partenti nella serie conclusiva non riesce il sorpasso a distanza: e così il titolo va al quartetto composto da Riccardo Giordano, Riccardo Filippini, Michele Esposito e Claudio Bisegna, con appena 6/100 di vantaggio sugli spezzini della Duferco (1:32.76). 

Triplo (finale) – Si assegna l’ultimo titolo individuale, con un po’ di nostalgia per il fantastico spettacolo offerto un anno fa su questa pedana da Andrea Dallavalle: ma è giusto dire che Fabio Pagan (14.42) e Salvatore Angelozzi (14.36) hanno onorato l’impegno, entrambi con un nuovo primato personale. La vittoria del mestrino realizza anche la doppietta del tecnico Enrico Lazzarin nel triplo, dopo il successo di Camilla Vigato stamattina: ma per Fabio c’è anche un derby in famiglia, perché il fratello maggiore Riccardo è stato azzurro del lungo (sfortunato protagonista dei Mondiali allievi di Lille nel 2011). Quanto al teramano Angelozzi, curato da Claudio Mazzaufo, c’è da dire che lui si era tolto già una bella soddisfazione vincendo il tricolore cadetti a Sulmona due anni fa: là, dove Pagan era arrivato terzo.

60hs (finale) – Dopo quello che si era visto nei primi turni, forse ci si aspettava qualcosa di più dal cronometro: ma tutto considerato è probabile che i tesori di energie bruciati in mattinata abbiano fatto effetto. E così Vieri Righi vince, sì, nettamente, ma con il peggior tempo delle sue tre volate odierne (8.12). Il podio appare veramente galantuomo, almeno come piazzamenti: legittimo l’argento di Federico Piazzalunga (8.24), così come il bronzo di Giuseppe Filpi (8.26), anche qui con un appesantimento delle prestazioni mattutine.

200m (finale) – La magica sesta corsia del Palaindoor lancia David Zobbio verso la vittoria: il bresciano di Concesio, che aveva avuto il battesimo azzurro l’estate scorsa agli Europei di Tbilisi, è in una di quelle giornate dove tutto sembra possibile. Anche scendere a 21.77, molto meglio del PB all’aperto, per installarsi al secondo posto nelle liste di categoria dopo il nome illustre di Andrew Howe. Gli altri invece peggiorano il tempo della mattinata, ma rientra tutto nella logica: Lorenzo Ianes, il figlio d’arte trentino, si ferma a 22.37, la novità oristanese Lorenzo Patta (22.58) nuovamente in medaglia dopo l’argento dei 60m.

1000m (finale) – Mancano ancora 300 metri quando Francesco Guerra rompe ogni indugio e se ne va: d’altronde il frascatano classe 2001, portato già da Giorgia Di Paola al titolo dei 2000m cadetti a Cles, non è un tipo attendista, uno di quelli che si giocano la vittoria nelle volate brevi.

Quanto basta per vincere (2:34.00) la resistenza di un parco di rivali di un certo livello: dove spunta per l’argento (2:35.34) Hichame Jarine, bolognese di Molinella ma di famiglia marocchina trasferitasi in Emilia da prima della sua nascita.

Alto (finale) – La sorte cambia verso, premiando Giacomo Belli: finora il ragazzo livornese non poteva certo definirsi un atleta fortunato, frenato da infortuni di diversa gravità. Di scuola Libertas Runners – nelle rivalità cittadine è meglio distinguere – Giacomo è stato seguito da Andrea Bientinesi e da Vittorio Vece: qui, è il caso di dire finalmente, sboccia e sale col secondo tentativo a 2.09, PB ogni impianto (unico errore di una progressione immacolata, salvo poi i salti a 2.11). Il resto della classifica presenta tanti nomi nuovi e l’argento, a debita distanza (1.96), va al bolognese di origini ivoriane Yannick Touré.

400m (finale) – Primato, finalmente: 47.77, “Edo” Scotti non solo lo fa, ma demolisce il precedente 48.86 di Vladimir Aceti edizione 2015. Una prestazione super, costruita tutta da solo ed in modo perfetto, con un passaggio già solitario in 23.5 al primo giro: alla fine si intrecciano i riferimenti, che per la categoria non sono poi così definitivi. Tanto che il 47.24 dello statunitense Brian Herron è comunque frutto di una gara su pista gigante a Nashville: comunque se ne riparlerà, ora le prospettive della stagione potrebbero cambiare. Ad esempio, il lombardo – che da Lodi si è trasferito con la famiglia a Parma – potrebbe decidersi ad affrontare la trasferta mondiale a Nairobi: dove lo seguirebbe il tecnico Giacomo Zilocchi, mentre a scoprirlo – a Lodi – era stata Lella Grenoville. Per la cronaca, il secondo è stato l’aquilano Leonardo Puca, PB a 49.69: il distacco dice già tutto.

60hs (semifinali) – Nel turno intermedio non si scende sotto gli otto secondi: ma Vieri Righi è ancora il più veloce (8.01). A questo punto la “pole” è decisamente in pugno all’ex tricolore cadetti: dietro tutti nel giro di un pugno di centesimi. Intanto si migliora Federico Piazzalunga (8.21), ma gli altri sono tutti lì, compresi i vari Filpi, Albano e Cecchet: due corsie di finale occupate da “nuovi italiani”, Ousseni Bara – arrivato a Roè Volciano dal Burkina Faso – e Edwin Ebem, potente nigeriano nato a Padova.

200m (batterie) – Tra le altre possibilità, David Zobbio sceglie i 200m: e non si può dire che l’allievo dell’ex sprinter azzurra Marinella Signori abbia fatto una scelta sbagliata, almeno a giudicare dal 21.98 di questa mattina (parliamo della terza prestazione di sempre). Per il titolo, stasera, i giochi non sono ancora fatti: un altro azzurro degli Europei di Tbilisi, Lorenzo Ianes, scende sull’anello al coperto fino a 22.24 e ci terrebbe molto ad imitare il suo “gemello” Paissan. E poi c’è la rivelazione proprio dello sprint di ieri, Lorenzo Patta: 22.46 non è davvero male per un semiesordiente sulle piste indoor.

Peso (finale) – Gran bel duello in pedana, tra due pugliesi che si ritrovano un po’ amici e un po’ rivali fin dalle garette regionali: quello che finora ha avuto le maggiori soddisfazioni è ovviamente Carmelo Musci, che arriva da una trionfale stagione tra i cadetti. Però qui il ragazzo di Bisceglie deve vedersela con i progressi di Francesco Trabacca, scovato un anno e mezzo fa a Gallipoli dalla coppia di tecnici leccesi formata da Giuseppe (padre) e Marco (figlio) Felice, entrambi già lanciatori di buon livello nazionale: e allora Francesco – già bella struttura (1m93 x 113kg, quasi gemellare rispetto a Carmelo) – prova a prendere la testa col PB di 17.49 al secondo turno, prima di assistere alla reazione del neo-campione (17.97, PB al coperto per Musci).  

60hs (batterie) – Si va subito forte per merito di Vieri Righi, che scende per la prima volta sotto la barriera degli otto secondi e con 7.97 diventa il settimo allievo di sempre. Dietro il toscano di Montevarchi c’è da sgomitare per trovare spazio: forse quello che impressiona di più fin dalla mattinata (8.27 senza spingere fino in fondo) è Federico Piazzalunga, bergamasco di Almenno San Bartolomeo che si allena a Brembate Sopra con il gruppo di Angelo Alfano. Poi il campano Giuseppe Filpi (8.28), attivo ad Agropoli, e il bellunese di Sedico Christopher Cecchet (8.29): entrambi già buoni protagonisti delle ultime due rassegne cadetti.  

Femminili

4x200m (finale) – Si arriva all’ultima delle sei serie con la leadership provvisoria dell’Acsi Italia (1:45.06), tirata al traguardo dalla doppia finalista Chiara Gala: e qui nella seconda frazione cade l’Atletica Vicentina, una delle naturali favorite, che poi ripete la gara da sola con l’ottavo tempo complessivo. Vince così la Bracco, il sodalizio milanese che non è certamente nuovo ad imprese collettive: 1:43.57 – con Beatrice Invernizzi, Valeria Paccagnella, Tisiye Zuniga e Rachele Merisio – non è affatto lontano dall’1:43.14 della Pro Sesto, MPN di club.

60hs (finale) – La maglia tricolore finisce ancora una volta sulle spalle di Noemy Petagna, non è certo una novità: il feeling che questa bellunese mostra nei confronti delle finali importanti è davvero confortante, al di là del livello tecnico delle prestazioni. Che, detto per inciso, è tutt’altro che disprezzabile: 8.59 eguaglia al centesimo il PB della vincitrice – solidamente nella top-10 di categoria – e poi c’è un altro progresso (8.76) da parte di Costanza Donato, la friulana che si allena a Codroipo con l’ex ostacolista Cornelio Giavedoni.

Poi il bronzo di Veronica Crida (8.84), la biellese di Camburzano che ieri aveva strappato l’argento nel lungo.

Asta (finale) – Oggi il sorriso di Maria Roberta Gherca fa dimenticare il pianto di Tbilisi: quello che l’aveva travolta dopo una sfortunata finale europea dalla quale lei si aspettava moltissimo, fors’anche una medaglia. Tutto passato, qui ad Ancona questa ragazza nata a Iasi, in Romania, e poi arrivata a Velletri, si è lasciata davvero tutto alle spalle: si ricomincia da questa bella misura, 4.01, che rappresenta qualcosa anche a livello internazionale (quarta allieva al mondo nell’anno), oltre che la seconda prestazione italiana all time. Bravissima la ragazza scoperta da Gabriele Ruggiero e seguita anche tecnicamente nel centro sportivo di Ostia da Emanuel Margesin. Bella gara, comunque: si migliora anche Laura Pirovano (3.70), la brianzola che l’anno scorso aveva vinto il tricolore cadette, e poi troviamo (3.60) Francesca Zafrani – umbra di Trevi, seguita da Giacomo Befani – che era stata un po’ frenata dagli infortuni dopo aver stabilito lo scorso anno la MPN cadette indoor.  

200m (finale) – Seconda tacca tricolore per Chiara Gherardi: i 300 metri a Cles tra le cadette, i 200 metri indoor al debutto tra le allieve. Resta la curiosità – almeno in prospettiva – di vedere questa romana ben strutturata anche sul giro di pista, finora inesplorato. Al momento va bene così, perché la ragazza della Garbatella che si allena alle Terme si eguaglia ancora a 24.62: il che significa la quinta allieva di sempre, al primo anno di categoria (tra le sedicenni avevano fatto appena meglio Ilaria Verderio e Alessia Pavese, punti di riferimento importanti). Alle spalle della portacolori della Studentesca Rieti Milardi non spunta Eleonora Alberti, come ci si aspettava: bensì Giorgia Bellinazzi, una veneziana di Portogruaro che fa la pendolare con San Vito al Tagliamento per allenarsi con l’ex velocista Andrea Fogliato.

1000m (finale) – Le prime tre sono classe 2001, un dato che conta a questi livelli: nelle prime due serie si era corso a buoni ritmi – non lontanissimi dai tre minuti – e perciò le ragazzine più accreditate partono all’arma bianca. Come si diceva, primo anno: in effetti Sophia Favalli (2:53.94), Assia El Maazi (2:56.78) ed Elisa Ducoli (2:57.21) trovano già modo di inserirsi nella top-10 allieve e solo pochi mesi fa erano state tutte ottime protagoniste dei Tricolori cadette a Cles. La prima e la terza – Sophia (buon 200 finale, 32.8) ed Elisa – sono compagne di allenamento nel Bresciano, di preferenza a Rezzato: Assia, di famiglia marocchina ma ormai con cittadinanza acquisita, è attiva a Volpiano. 

400m (finale) – In partenza si pensava soprattutto al cronometro, ma poi – se così si può dire per una finale sui 400 metri – la componente tattica ha avuto il sopravvento: 27.4 il passaggio alla campana, certamente non da scoppiare, e alla fine non arrivano PB per nessuna delle ragazze, che pure avevano dato l’anima ieri in batteria. Stavolta schermaglie ripetute, con i tentativi di passare a filo di gomito, all’interno e all’esterno: erano tre le favorite e sono state loro – Elisabetta Vandi (56.50), Letizia Tiso (56.60) ed Eloisa Coiro (56.60) – a dividersi le medaglie. In una competizione indoor, e con questi presupposti, ci sta: resta magari impregiudicato il discorso sulle prestazioni, che di qui alla fine della stagione al coperto potrebbero anche tornare in gioco per definire le gerarchie della categoria.

60hs (semifinali) – Sempre un po’ complicato, il turno di mezzo, ma c’è anche chi si esalta in caccia della finale: in ogni caso la più veloce – 8.70, qualcosa peggio della mattinata – è ancora Noemy Petagna, mentre rialza la testa anche Rebecca Menchini (8.83). Entrambe però dovranno fare i conti con Costanza Donato, la friulana di Basiliano che sembra in eccellente giornata e ora scende a 8.81. Tutte le aspiranti finaliste vanno sotto i nove secondi, cosa che fa sempre piacere: oltre all’argento del lungo di ieri, Veronica Crida, c’è pure l’ennesima figlia d’arte Alice Muraro, vicentina di Bressanvido (papà Lorenzo è stato un buon specialista soprattutto sui 400hs).

Triplo (finale) – Contenuti tecnici importanti: Camilla Vigato sapeva di poter sfruttare le potenzialità di questa pedana e lo fa nel migliore dei modi, doppiando il successo di ieri nel lungo e riscrivendo anche il PB con 12.86 (passando gli ultimi tre turni). Il che significa che la mestrina allenata da Enrico Lazzarin è ora la terza allieva di sempre al coperto, dopo i nomi illustri della categoria Ottavia Cestonaro e Benedetta Cuneo. Torna il sorriso anche ad Alice Rodiani: pur se la mantovana di Goito, 12.43 e una buona serie a referto, resta al di sotto del suo primato cadette al coperto stabilito un anno fa. Il terzo posto (11.89) va ad una goriziana con ascendenti calabresi, Deborah Tripodi, seguita al Fabretto dagli ex saltatori Alessandro Brondani e Lorenzo Biaggi: ma a pari misura c’è pure Linda Pircher, meranese di Postal scoperta dall’ex decatleta azzurro Hubert Indra.  

200m (batterie) – A vedere i riscontri stagionali, si direbbe un “one-woman-show”: Chiara Gherardi, romana della Garbatella con indosso i colori della Studentesca Reti Milardi, rispetta i pronostici in questo primo turno. Il 25.05 della campionessa uscente dei 300m cadette – anche piuttosto tranquillo, in verità – è di gran lunga il miglior crono della mattinata. Però, c’è un però: dopo il titolo di ieri sui 60m, Eleonora Alberti si presenta pronta a dar battaglia anche sulla distanza più lunga, 25.46 in quella che è la prima esperienza della varesina sugli anelli indoor. Trova una corsia nella migliore finale anche Veronica Zanon (25.80), uscita delusa ieri dalla pedana del lungo che le aveva regalato il titolo cadette nel 2015.

60hs (batterie) – Eccola lì, quando si sente profumo di tricolore Noemy Petagna rifiorisce d’incanto: 8.65 e miglior tempo delle batterie per la bellunese di origini campane. La ghanese di Castenedolo Joan Adu, campionessa cadette uscente, tiene fede alle sue credenziali e fa 8.89, poi Costanza Donato (8.92): ma in vista delle semifinali c’è già grande sostanza e soprattutto profondità, visto che con 9.25 c’è chi resta fuori dalle prime 24.

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it


Camilla Vigato (foto Renai/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: