Pazza idea Warholm: 400hs e 400

03 Agosto 2018

Sogno-doppietta agli Europei di Berlino per il norvegese, una "belva libera dai lacci". Dalle prove multiple da ragazzino, ai due podi di Bydgoszcz, fino al titolo mondiale di Londra.


 

di Giorgio Cimbrico

I 400 sono durissimi, i 400hs anche di più, ricoperti di etichette minacciose. A Berlino Karsten Warholm, campione del mondo a 21 anni, ha deciso di prendersi un bello spazio in scena andando a cercare una doppia corona unica: sugli ostacoli non avrà grandi problemi (il più vicino, il turco-cubano Yasmani Copello, gli dista sei decimi), sui piani avrà a che fare con il britannico Matthew Hudson-Smith, finalista olimpico, vicecampione per il momento in carica e reduce da uno dei più fruttuosi sesti posti della storia: 44.63, un cent dietro l’abituale avversario di Karsten, il qatarino-mauritano Abderrahman Samba.

Di doppiette europee sul giro di pista con e senza ostacoli ne infilò due (quasi tre) Harald Schmid tra il ’78 e l’86 ma il quarto di miglio senza barriere era sempre quello della staffetta alla quale il baffuto di Hanau dava sempre una grossa mano. Schmid è avanti a Warholm nella somma dei record personali, ma non si sa ancora per quanto: 44.92 e 47.48 il tedesco, 44.87 e 47.65 il norvegese, salito al quarto posto nella lista europea di sempre, dietro Stephane Diagana, Schmid e Fabrizio Mori. Il vertice è stato toccato a Londra quando, liberato dalla presenza di Samba, il 22enne Karsten è tornato a riassaporare il gusto della vittoria in fondo alla sua solita corsa coraggiosa, a tratti pazza.

Un primo abbozzo era stato offerto un anno fa, agli Europei under 23 di Bydgoszcz: tranquillo 46”70 in batteria; esordio nei 400hs in 50”88, semifinale vinta in 46.06 e, al terzo giorno di fatiche, 49.29. Due ore dopo, finale dei 400 dominata dallo sloveno Luka Janezic, 45”33. E Karsten lontano secondo in 45.75. L’indomani, titolo sugli ostacoli in 48.37, l’annuncio di quanto sarebbe avvenuto a Londra quando la distanza stava per chiudere la lunga zona d’ombra in cui era finita.

Warholm è quello che un vecchio giornalista e scrittore d’atletica definiva una belva libera da lacci. Sin da ragazzino, una gara via l’altra per trasformarsi in una specie di leggenda del nord: nel 2013, capionati giovanili indoor di Norvegia, otto vittorie, nello sprint breve e prolungato, nei 400, negli ostacoli, nei salti.

Nella carta geografica dell’atletica norvegese, gli Ingebrigtsen, clan che spazia su molte distanze e che a Berlino punterà a spazzare la concorrenza su 1500 e 5000, sono di Stavanger, sudovest; il ritirato e gloriosissimo Andreas Thorkildsen è di Kristiansand, a sud; Vebjorn Rodal, il cacciatore, l’uomo delle montagne e dei boschi di Berkak, è del centro; Karsten, di Ulsteinvik, il punto più occidente di quella costa frastagliata, il Vestlandet.

Un magnifico tuttofare che ai Mondiali giovanili di Donetsk fu campione dell’octathlon, tenendo una media da 800 punti, la porta d’accesso alla prova multipla per eccellenza. Le tracce lasciate sono numeri che val la pena riportare: un totale di 7764 punti e un contorno fatto di 10”52, 21”09, 4’44”73, 14”30, 7,66. Nel 2014 gli capita più o meno quel che capitò a San Paolo: lui non ha la rivelazione cadendo da cavallo ma correndo un convinto 400, 46”31, record junior norvegese. E’ la prima conversione. La seconda arriva quando, imitando l’Ashton Eaton dell’anno sabbatico, decide di affrontare il giro di pista disseminato di dieci barriere.

Agli Europei di Amsterdam, 48.84 in semifinale, record nazionale. Nel 2017, 44.87 a Floro (quando un europeo scende sotto i 45” c’è sempre da tracciare un circolino rosso attorno al risultato e al nome dell’autore) e 48.25 al Bislett: deve essere stato in quel momento che è scattata l’operazione Bydgoszcz. Si è rifatto con iperbolici interessi a Londra e si è proiettato nel 2018 a passo di carica, incocciando nell’implacabile Samba, l’unico, dopo Kevin Young, ad aver infranto la barriera dei 47. Ora, tra ambizione e grinta, eccolo all’Olympiastadion.

LE SCHEDE DELLA SQUADRA ITALIANA (PDF) - RISULTATI/Results - ISCRITTI/Entries - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team - TUTTE LE NOTIZIE/News - LE PAGINE EA SUGLI EUROPEI - IL SITO DEL COMITATO ORGANIZZATORE

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: