Ancona: le Promesse cercano il titolo

02 Febbraio 2017

Nelle gare under 23 dei Campionati Italiani giovanili indoor, Folorunso sui 400 e Jacobs nel lungo con Randazzo. DIRETTA STREAMING su http://fidal.idealweb.tv


 

di Luca Cassai

Si torna ad Ancona, sabato 4 e domenica 5 febbraio, per i Campionati Italiani Juniores e Promesse indoor. Un fine settimana ricco di motivi interessanti, con tanti protagonisti delle ultime stagioni nel settore giovanile che si contenderanno i 26 titoli nazionali in palio nella categoria superiore, quella degli under 23. Tra i nomi più attesi, spiccano diversi atleti che hanno già recitato un ruolo di primo piano a livello assoluto come Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), finalista olimpica della 4x400 e stavolta in azione sui 400 metri. Nel lungo maschile Filippo Randazzo (Fiamme Gialle), bronzo europeo juniores nel 2015, quest’anno ha già saltato 7,84 e troverà Marcell Jacobs (Fiamme Oro), presente fuori classifica, che nel 2016 ha realizzato la migliore prestazione di sempre per un italiano (8,48 ventoso). Una sfida sulla stessa pedana dove Andrew Howe è rientrato domenica scorsa con un brillante 7,89. Nel peso attenzione a Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro), di nuovo sopra i 19 metri nello scorso weekend, e sui 3000 si metterà alla prova Yohanes Chiappinelli (Carabinieri), campione continentale under 20 delle siepi. Al femminile riflettori puntati anche sulla saltatrice Ottavia Cestonaro (Carabinieri), impegnata nelle gare di lungo e triplo dopo aver confermato il suo titolo italiano assoluto del pentathlon, invece nell’alto da seguire Erika Furlani (Fiamme Oro). Sarà la quarantaduesima edizione di una rassegna tricolore giovanile indoor, la numero 28 per le promesse: ad Ancona per la diciassettesima volta in totale e la decima consecutiva al Palaindoor del capoluogo marchigiano.

VELOCITA’ - Tanti pretendenti al podio dei 60 maschili, ma il favorito d’obbligo è Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946): il 19enne di origine dominicana ha corso in 6.66 sulla pista di Bergamo a metà gennaio, anche se con partenza al limite. Però il gigante sardo (1,93 per 84 kg) in batteria aveva realizzato il crono di 6.76, che gli consentirebbe di essere comunque al vertice delle graduatorie stagionali. Alle sue spalle, cercano spazio il campione in carica Simone Pettenati (La Fratellanza 1874 Modena) e Lodovico Cortelazzo (Assindustria Sport Padova), che due anni fa si è aggiudicato il titolo all’aperto dei 200, solo per citarne un paio. Non meno appassionanti i 400 metri con Daniele Corsa (Folgore Brindisi): il pugliese che si è guadagnato l’argento europeo under 20 della staffetta 4x400 dovrà fare i conti con i progressi di Alessandro Galati (Atl. Futura Roma) e con l’ex junior piemontese Brayan Lopez (Athletic Club 96 Alperia Bolzano). Anche nello sprint in rosa, la capofila dell’anno sui 60 metri viene da un recente exploit: la romana Elisabetta De Andreis (Acsi Italia Atletica) è riuscita a scendere fino a 7.47 nel rettilineo di Ancona, e si candida per il metallo più prezioso. Al via quindi Chiara Torrisi, la catanese del Cus Palermo che studia in Spagna e ha fatto segnare un 7.59 a Cartagena sui 60 all’aperto, e Flavia Torreti (Studentesca Rieti Milardi), a sua volta cresciuta con 7.63, insieme alla tricolore in carica Johanelis Herrera (Atl. Brescia 1950). Sui 400 una delle star dell’intero weekend: Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), che l’anno scorso aveva iniziato proprio da questa manifestazione il cammino che l’ha condotta a sfiorare il podio europeo dei 400 ostacoli (quarta nella finale di Amsterdam) e poi al record italiano nella 4x400 metri, con il sesto posto a cinque cerchi di Rio de Janeiro. Nello scorso fine settimana ha debuttato con il personale sui 60 (7.64 a Modena) e il successo nei 200 di Ancona in 24.02, davanti alle altre staffettiste azzurre.

Ma partirà con valide ambizioni di ben figurare anche la pugliese Lucia Pasquale (Brixia Atletica 2014), che quest’anno si è già migliorata con 54.26.

MEZZOFONDO - Arriva il momento per Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) di cimentarsi nei 3000 indoor. Per la prima volta in carriera, il campione europeo under 20 dei 3000 siepi scenderà in gara sulla pista di Ancona, dopo una brillante stagione di cross culminata con l’argento continentale juniores a Chia. Infatti la sua unica vera esperienza al coperto risale agli Assoluti di Padova, due anni fa, preceduta da qualche competizione disputata nell’impianto di Firenze su distanze più brevi. Con Yeman Crippa (Fiamme Oro) impegnato nella Coppa Europa per club di corsa campestre, e quindi non in gara alla rassegna tricolore in sala, al via gli azzurrini Dario De Caro (Cus Torino), Mattia Padovani (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) e Ahmed Ouhda (Atl. Casone Noceto), oltre al campione uscente Ahmed Abdelwahed (Cus Camerino). Nelle gare più veloci, il pronostico sembra invece apertissimo: iscritti fra gli altri Alessandro Dal Ben (Atl. Insieme New Foods Verona) sugli 800 e Lorenzo Pilati (Atl. Valli di Non e Sole), anche nei 1500 metri. Al femminile la tricolore degli 800 outdoor Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata) se la vedrà soprattutto con Elena Bellò (Fiamme Azzurre) e Chiara Ferdani (Atl. Spezia Duferco), entrambi classe ’97, mentre Giulia Aprile (Esercito) cercherà sui 1500 metri la conferma del titolo e nei 3000 è attesa Silvia Oggioni (Pro Sesto Atletica).

OSTACOLI - Probabile duello tra la campionessa italiana all’aperto Luminosa Bogliolo (Cus Genova) e la non ancora ventenne triestina Nicla Mosetti (Bracco Atletica), entrambe capaci quest’anno di abbassare il personale a 8.45. Ma non va sottovalutata Abigail Gyedu (Atl. Brescia 1950), che ha conquistato il titolo junior nella scorsa stagione. Al maschile, con 8.19 sulla pista di Magglingen, il più veloce nel 2017 è Gabriele Segale (Bergamo Stars Atletica): tre anni fa ad Ancona riuscì a stabilire la migliore prestazione italiana allievi, mentre non sarà al via per scelta tecnica il tricolore junior Nicola Cesca (Atl. Avis Macerata), che per ora non si è confrontato sulle barriere alte dei senior.

SALTI - Una gara che promette scintille. Nel lungo maschile farà il suo debutto stagionale Marcell Jacobs, dopo aver rotto il ghiaccio due settimane fa con 6.69 sui 60 metri di Udine. Il 22enne delle Fiamme Oro, atterrato a 8,48 con vento oltre la norma nel 2016, sarà presente fuori classifica. Per il titolo lotteranno invece il siciliano Filippo Randazzo (Fiamme Gialle), protagonista nel terzo weekend di gennaio ad Ancona con il personal best di 7,84, e il calabrese Gabriele Chilà (Studentesca Rieti Milardi), che l’anno scorso con 7,78 ha tolto proprio a Jacobs il primato italiano under 20. Curiosità nell’alto per vedere all’opera Christian Falocchi (Brixia Atletica 2014), vent’anni appena compiuti, salito a 2,21 sulla pedana di Bergamo per un progresso di sei centimetri in un colpo solo, mentre nel triplo il leader stagionale è Samuele Cerro (Studentesca Rieti Milardi). Nell’asta invece si rinnova la sfida tra due atleti provenienti dalla categoria juniores: Matteo Capello (Safatletica Piemonte) e Francesco Lama (La Fratellanza 1874 Modena), ma è iscritto anche Luigi “Gino” Colella (Fiamme Gialle). Tra le donne Ottavia Cestonaro (Carabinieri) punta a un altro bis: quello del triplo promesse, dopo aver vinto il pentathlon assoluto a Padova per il secondo anno consecutivo.

Ma la vicentina potrebbe fare doppietta nei salti, visto che si presenta da capolista nel lungo con 6,20 (PB al coperto). Sulla pedana dell’alto Erika Furlani (Fiamme Oro) viene dall’esordio di sabato a Sainte-Croix, in Svizzera, dove ha eguagliato il personale indoor di 1,86, invece Eleonora Omoregie (Atl. Malignani Libertas Udine) sta affrontando l’attività universitaria oltreoceano (1,85 nello scorso weekend) e tornerà in Italia per la stagione estiva. Nell’asta, dopo l’era segnata da Sonia Malavisi e Roberta Bruni, entra in gara da favorita la veronese Marta Ronconi (Us Quercia Trentingrana), 3,90 quest’anno a Padova.

LANCI - Tra gli obiettivi di Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) potrebbe esserci quello di avvicinare la sua migliore prestazione italiana under 23 in sala, stabilita nella scorsa edizione con 19,40 per aggiungere un centimetro al 19,39 dell’olimpionico Alessandro Andrei, dopo quasi 35 anni. Nello scorso weekend, a Schio, il giovane reatino è tornato a esprimersi non lontano da quei valori con 19,04. Da seguire poi Leonardo Fabbri (Atl. Firenze Marathon), che al primo anno da promessa ha già lanciato a 17,81, e Andrea Caiaffa (Fiamme Oro). In campo femminile guida l’entry list nel peso Claudia Bertoletti (Studentesca Rieti Milardi), campionessa italiana outdoor di categoria.

MARCIA - A pochi giorni di distanza dalla prima prova dei Societari su strada, un altro appuntamento tricolore per gli specialisti del tacco e punta. Tra gli iscritti il campione in carica Gianluca Picchiottino (Libertas Runners Livorno), il piemontese Stefano Chiesa (Atl. Cento Torri Pavia), l’ex junior Niccolò Coppini (Atl. Firenze Marathon) e il sardo Andrea Agrusti (I Guerrieri del Pavone). Tra le donne potrebbe difendere il titolo Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950), rimasta ai box nell’appuntamento dello scorso weekend, ma sono annunciate anche la romana Eleonora Dominici (Acsi Italia Atletica) e Giada Ciabini (Toscana Atl. Empoli).

DIRETTA STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta streaming su http://fidal.idealweb.tv/ per vivere le sfide e le emozioni di questa partecipatissima rassegna giovanile.  

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati Italiani Juniores e Promesse indoor di Ancona seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #indoor2017.

LEGGI ANCHE LA PREVIEW DELLE SFIDE JUNIORES DI ANCONA 2017

ISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

LISTE ITALIANE INDOOR ALL-TIME: PROMESSE | JUNIORES

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: