Vizzoni esordio in Coppa Europa

14 Marzo 2012

Il vicecampione europeo del martello apre l'anno olimpico alla guida della squadra azzurra in partenza per l'evento continentale in Montenegro

 

Azzurri in partenza, venerdì 16 marzo, per la Coppa Europa Invernale di Lanci. Destinazione Bar sulla costa adriatica del Montenegro, dove nel week-end (17-18 marzo) si disputerà la dodicesima edizione dell'evento continentale. Quindici gli italiani convocati (9 uomini e 6 donne) con tre formazioni al completo: senior uomini e donne e under 23 maschile. Nella storia della manifestazione, l'Italia è salita sul podio per team 11 volte (5 con gli uomini e 6 con le donne) con la squadra femminile vittoriosa nel 2008 a Spalato (Croazia). Lo scorso anno a Sofia (Bulgaria) erano, invece, stati gli uomini a conquistare il bronzo. In quell'occasione c'era anche il vicecampione europeo del martello Nicola Vizzoni che in Montenegro sarà all'esordio stagionale: "Rispetto agli altri anni - esordisce il lanciatore delle Fiamme Gialle - sono un po' indietro di condizione anche perchè la programmazione è ovviamente tutta proiettata sull'estate e su Londra e perchè, a febbraio, ho dovuto combattere con un fastidio al gluteo che mi ha impedito di allenarmi come si deve per quasi tre settimane. Ecco il motivo per cui non ho partecipato agli Invernali di lanci di Lucca". "Il 2012 - prosegue il 38enne toscano - è un anno speciale, in cui si respira un'aria diversa, quella dei Giochi Olimpici. Saranno, come sempre, l'appuntamento che vale più di tutto. Intanto, in Coppa Europa, come squadra possiamo far bene e magari puntare nuovamente al podio. Resta il fatto che per me, vestire la maglia della Nazionale resta sempre un grande onore". Con quella di sabato, Vizzoni raggiungerà quota 53 volte in azzurro. "La squadra di Bar - commenta il responsabile tecnico dei lanci azzurri, Nicola Silvaggi - ha sicuramente delle valide prospettive a livello maschile con i senior che possono ambire a confermare il risultato del 2011. Anche a livello under 23 presentiamo un quartetto molto determinato anche se Daniele Secci risente di un dolore al polso. Tra le donne, schieriamo Silvia Salis che si è già espressa oltre i 70 metri nel martello e Chiara Rosa nel peso che, dopo la rinuncia ai Mondiali Indoor di Istanbul, ha più che mai voglia di gareggiare e dimostrare di valere subito certe misure".

Vizzoni non gareggia dallo scorso 25 settembre, quando aveva regalato una martellata da 71,34 alla suo club civile di provenienza, l'Atletica Livorno, in occasione della Finale A2 dei Societari Assoluti di Colle Val d'Elsa (SI). La passata stagione aveva visto il pluricampione tricolore del martello - 23 titoli assoluti in bacheca - all'ottavo posto dei Mondiale di Daegu, dopo che a giugno, a Firenze, era tornato ad esprimersi oltre gli 80 metri: 80,29. Ad affiancarlo in questa trasferta ci sarà l'emergente Lorenzo Povegliano.

Il carabiniere friulano, 28 anni da compiere a novembre, viene da un'annata che, dopo gli exploit giovanili (campione europeo juniores nel 2007 e quarto agli EuroUnder23 del 2005) e l'intervento al ginocchio del 2008, l'ha riportato alla ribalta. Per lui doppia soddisfazione nel 2011: prima il bronzo all'Universiade di Shenzhen e poi il nuovo primato personale, 76,96 a settembre a Pordenone. Il 2012 per lui è partito con il tricolore invernale a Lucca, frutto di un lancio lungo 75,50, anche se il vero obiettivo restano i 78 metri del minimo olimpico "A" per Londra. Il getto del peso vede, invece, il ritorno in azzurro di Paolo Dal Soglio. Il carabiniere veneto, 41 anni, è il veterano della specialità, ma ai recenti Assoluti Indoor di Ancona ha fatto comunque sua la venticinquesima maglia tricolore in carriera con 18,78 a dodici centimetri dallo stagionale (18,90). Sarà lui a giocarsi bonariamente con Vizzoni la fascia di capitano della spedizione azzurra a Bar. Dal Soglio, infatti, ha al suo attivo 54 presenze in Nazionale, tra le quali spiccano le due che nel 1996 lo videro Campione d'Europa indoor e quarto, per un centimetro, all'Olimpiade di Atlanta. Completano la formazione senior il campione italiano assoluto del disco Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) che ha esordito vincendo con 59,95 a Lucca dove il giavellottista Norbert Bonvecchio (Atl. Trento CMB) si era aggiudicato la convocazione in Nazionale con 73,16. A proposito di giavellotto da segnalare anche il 74,55 realizzato, sabato scorso a Montebelluna (TV), dall'aviere Leonardo Gottardo e che al momento lo pone in cima alle liste nazionali dell'anno. Nella categoria under 23, detto del pesista Secci, l'Italia scommette sul discobolo Eduardo Albertazzi (Fiamme Gialle) e sul martellista Simone Falloni (Aeronautica). Entrambi sono già stati protagonisti dell'Incontro Internazionale di Val De Reuil (Francia) dove hanno ribadito i progressi evidenziati in questo avvio di 2012 con il finanziere ascolano miglioratosi a 58,86 e l'aviere laziale salito a 71,48. Nel giavellotto, quindi, spazio al primatista e campione nazionale Promesse, Gianluca Tamberi (Fiamme Gialle).

Anche stavolta il cardine della squadra femminile è rappresentato dal quartetto delle Fiamme Azzurre: la giavellottista Zhara Bani, la discobola Laura Bordignon, la pesista Chiara Rosa e la martellista Silvia Salis. Per la Rosa è il rientro alle competizioni dopo l'infortunio patito nell'unica gara disputata quest'anno al meeting indoor di Nordhausen dove era comunque riuscita a lanciare 17,92. Poi la vucanica lanciatrice veneta, primatista nazionale asoluta della specialità, aveva fatto il possibile per tornare in forma in tempo per i Mondiali Indoor, rinunciando all'ultimo momento, in via precauzionale, alla convocazione.

Due finora, invece, le uscite della Salis - settima agli Euroopei 2010 e nona ai Mondiali di Daegu - culminate con l'acuto tricolore di Lucca da 70,20. Prestazioni che per entrambe le azzurre hanno rappresentato l'ottenimento del minimo "B" per i Giochi Olimpici di Londra, loro che nel 2011 avevano già conseguito lo standard "A". 61 metri sono quelli che servirebbero alla Bani per raggiungere lo stesso obiettivo. La giavellottista che a Lucca ha vinto l'unidicesimo titolo assoluto del suo palmarès con 57,81, nella passata stagione si era di nuovo affacciata oltre i 60 metri, grazie al 60,30 lanciato a giugno a Gorizia. Dieci centri tricolore quelli finora collezionati dalla Bordignon nel disco (PB 59,21 nel 2008) che con la trasferta in Montenegro raggiunge il numero 22 maglie azzurre. La grintosa martellista toscana Elisa Palmieri (Esercito) è, invece, alla sua seconda esperienza con la Nazionale assoluta e, considerato il 67,16 di Lucca (a 17 centimetri dal personale), potrebbe trovare in questa occasione di confronto internazionale lo spunto giusto per ulteriori progressi. Idem per la tricolore indoor del peso, Julaika Nicoletti (Forestale), approdata oltre i 17 metri al coperto (17,13).

a.g.

XII Coppa Europa Invernale di Lanci
Bar (Montenegro), 17-18 marzo 2012
La squadra italiana/Italian Team

Uomini/Men        
Peso/SP    Paolo DAL SOGLIO  (Carabinieri)
Disco/DT    Giovanni FALOCI    (Fiamme Gialle)
Martello/HT  Lorenzo POVEGLIANO (Carabinieri)
Martello/HT  Nicola  VIZZONI    (Fiamme Gialle)
Giavellotto/JT  Norbert BONVECCHIO (Atletica Trento CBM)
            
Uomini/Men U23        
Peso/SP    Daniele  SECCI    (Fiamme Gialle)
Disco/DT    Eduardo ALBERTAZZI  (Fiamme Gialle / Asa Ascoli Piceno)
Martello/HT  Simone FALLONI (Aeronautica Mil. / Atl. Studentesca CaRiRi)
Giavellotto/JT  Gianluca TAMBERI  (Fiamme Gialle / Bruni Pubbl. Atl. Vomano)
            
Donne/Women       
Peso/SP    Julaika NICOLETTI     (Forestale / Audacia Record Atletica)
Peso/SP    Chiara  ROSA            (Fiamme Azzurre)
Disco/DT    Laura   BORDIGNON  (Fiamme Azzurre)
Martello/HT  Elisa   PALMIERI      (Esercito)
Martello/HT  Silvia  SALIS           (Fiamme Azzurre / Cus Genova)
Giavellotto/JT  Zahra BANI          (Fiamme Azzurre)

File allegati:
- Le schede degli azzurri
- Le pagine EA sulla manifestazione
- LOC website

Silvia Salis (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: