Tricolori della montagna a Pian delle Betulle

13 Agosto 2021

A Margno (Lecco), sabato 14 agosto, la seconda e decisiva prova dei campionati italiani. Dopo la prima tappa, in testa a livello assoluto Davide Magnini e Francesca Ghelfi

 

Una giornata tricolore sabato 14 agosto a Margno (Lecco) dove va in scena la seconda e decisiva prova dei Campionati italiani individuali assoluti, promesse e juniores di corsa in montagna, che completerà i verdetti della prima tappa disputata il 30 maggio a Roncone (Trento). Come già accaduto nel 2017 sarà Pian delle Betulle ad assegnare i titoli attraverso una prova di sola salita: in testa alla classifica ci sono Davide Magnini (Atl. Valli di Non e Sole) e Francesca Ghelfi (Pod. Valle Varaita) a livello assoluto, Luca Merli (Valchiese) e Vivien Bonzi (Falchi Olginatesi) tra gli under 23, Elia Mattio (Pod. Valle Varaita) e Martina Falchetti (Sportclub Merano) per gli under 20. Sarà anche la terza e conclusiva tappa dei Campionati di società assoluti e juniores, dopo Roncone e le staffette del 6 giugno a Lanzada (Sondrio). In tutto iscritti 270 atleti nella manifestazione organizzata dal Cs Cortenova.

UOMINI - Scatterà con il pettorale numero uno Davide Magnini (Atl. Valli di Non e Sole) che nel primo round ha vinto nei confronti di Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe), di recente eccellente terzo alla Sierre-Zinal (dove Magnini è stato quinto) e pronto a giocarsi le proprie carte nella gara tutta in ascesa in Valsassina al pari di Alex Baldaccini (Gs Orobie) e di Xavier Chevrier (Atl. Valli Bergamasche Leffe), terzo e quarto in Trentino. Il circoletto rosso per la vittoria di giornata e una possibile rimonta in classifica generale va sul nome di Henri Aymonod (Us Malonno), grimpeur di razza reduce dal trionfo tricolore nel chilometro verticale al PizTriVertikal davanti a Tiziano Moia (Gemonatletica), nono nella prima tappa e anch’egli chiamato al recupero in classifica. Ci sarà quindi Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana), ottavo a Roncone: quattro anni fa Chevrier e Puppi furono primo e terzo sempre a Pian delle Betulle, quando però si correva su percorso “up&down”.

Da seguire anche Martin Dematteis (Sportification) e il terzetto attualmente sul podio tra le promesse dopo una sola prova, composto da Luca Merli (Valchiese), Isacco Costa (Gs Quantin Alpenplus) e Manuel Zani (Gs Orobie): a proposito di under 23, Zani e Costa sono reduci dai primi due posti nella rassegna tricolore promesse di chilometro verticale ma Merli è stato il migliore italiano al FlettaTrail e quindi è sicuramente in possesso di un’ottima condizione. La gara scatterà alle ore 10.00 su un percorso di 10,2 km con 1160 metri di dislivello positivo.

DONNE - Dopo aver vinto in coppia a Lanzada nei campionati italiani di staffette, le sorelle Francesca Ghelfi ed Erica Ghelfi, portacolori della Podistica Valle Varaita, sono tra le più attese protagoniste anche stavolta nella gara “only up” di 8040 metri con un dislivello positivo di 1028 metri. Francesca ha dominato la prima prova sul tracciato di salita-discesa e di recente è stata terza assoluta e prima italiana al FlettaTrail, invece la sorella Erica ha conquistato il 31 luglio a Malonno (Brescia) il titolo italiano assoluto delle grimpeur, mostrando quindi un’invidiabile forma nelle gare in ascesa dopo la quinta piazza nella tappa tricolore individuale d’apertura nelle Valli Giudicarie. A Malonno in chiave azzurra si sono mosse bene anche Alessia Scaini (Atl. Saluzzo), Vivien Bonzi (Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi) e Camilla Magliano (Podistica Torino), rispettivamente settima, sesta e decima nella gara di Roncone. Tutte e tre avranno la chance di inseguire il podio assoluto, per il quale sono in lizza inoltre la valtellinese Alice Gaggi (La Recastello Radici Group), Lorenza Beccaria (Atl. Saluzzo) e Cecilia Basso (Orecchiella Garfagnana), arrivate dal secondo al quarto posto nella prima prova. Per la vittoria di giornata un nome da inserire di default tra le super favorite è quello di Lucy Wambui Murigi, keniana che compete per l’Atletica Saluzzo nella terza e ultima tappa del campionato di società.

Bonzi e Scaini, prima e seconda under 23 a Roncone, sono anche le maggiori indiziate a giocarsi il titolo italiano promesse nella classifica finale (se in Trentino svettò Bonzi, a Malonno fu invece Scaini la prima atleta di categoria). Per il podio vanno però considerate anche Katia Nana (La Recastello Radici Group) e Gaia Bertolini (Atl. Alta Valtellina).

JUNIORES - Su un tracciato da 5,4 km con 800 metri di dislivello positivo (via alle ore 9.15) il favorito numero uno per il successo maschile ha l’aria d’essere Elia Mattio (Podistica Valle Varaita), vincitore della tappa d’apertura nelle Valli Giudicarie e ampiamente il migliore under 20 al traguardo del PizTriVertikal dove ha chiuso con oltre due minuti di margine su Devid Caresani (Atl. Valle di Cembra), quinto a Roncone. Al via tutti gli altri giovani in top five nella prima prova: il lombardo Matteo Bardea (As Lanzada), Ilian Angeli (Gs Orecchiella Garfagnana) e Simone Giolitti (Podistica Valle Varaita). Al femminile, lo Sportclub Merano propone come da tradizione una notevole forza d’urto: ci sarà la vincitrice del primo round Martina Falchetti, insieme a Lisa Kerschbaumer e Veronika Hoelzl, rispettivamente quarta e quinta in Trentino. Da percorrere 4 km con 380 metri di dislivello in cui andranno seguite anche la seconda e terza forza della tappa inaugurale Manuela Pedrana (Atl. Alta Valtellina) e Irene Aschieris (Atl. Susa Adriano Aschieris) e due azzurrine in pista negli ultimi Europei under 20: l’argento della WMRA International Youth Cup 2019 Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra) e Aurora Bado (Freezone), impegnate in Estonia rispettivamente su 5000 metri e 3000 siepi.

Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia) - foto Biasioni/FIDAL Trentino

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI


Condividi con
Seguici su: