Torino lancia la Sicari: vittoria in 2h29:50




 
La maratona italiana guadagna una protagonista nella splendida mattinata di Torino, baciata dal sole nel giorno della sua corsa cittadina. E' Vincenza Sicari, che si è imposta questa mattina nella Turin Marathon - Gran Premio La Stampa con il primato personale di 2h29:50 (prec.: 2h30:35, Padova 2007), una decina di secondi al in meno rispetto al tempo richiesto come base per la selezione olimpica. La lodigiana (romana d'adozione e tesserata per l'Esercito), contrariamente a quanto avvenuto nelle corse di Firenze dello scorso novembre e di Roma tre settimane fa, è riuscita a gestire le energie in maniera più saggia (passaggio a metà intorno all'1h14), evitando così di crollare nella parte conclusiva. Anche questa volta, in realtà, l'ultimo chilometro si è trasformato in un piccolo calvario (interminabili i trecento metri finali), ma il traguardo era ormai troppo vicino per riuscire a sprecare tutto. Secondo posto per la keniana Catherine Kurui (2h35:11), terzo per l’ucraina Oksana Sklyarenko (2h36:13). In campo maschile, la vittoria è andata al keniano Stephen Kibiwot con il tempo di 2h10:12, crono sufficiente ad avere ragione dell'ucraino Oleksandr Sitkovskyy, secondo in 2h10:17, e del connazionale Joseph Lomala (2h10:21). Nella giornata di festa (migliaia i partecipanti alla Junior Marathon), spicca la grande impresa di Gelindo Bordin, che ha festeggiato i vent’anni dalla vittoria olimpica di Seul 1988 tornando a correre una maratona, completando l'impresa con un eccellente 3h05. RISULTATI Uomini / Men 1. Stephen Kibiwot 1980 Kenia 2:10:12 2. Oleksandr Sitkovskyy 1978 Ucraina 2:10:17 3. Joseph Lomala 1982 Kenia 2:10:21 Donne / Women 1. Vincenza Sicari 1979 C.S. Esercito 2:29:50 2. Catherine Kurui 1976 Kenia 2.35.11 3. Oksana Sklyarenko 1981 Ucraina 2.36.13 Handbike 1. Cecchetto Paolo 1967 Team Pulinet 1:18:34 2. Podestà Vittorio 1973 Pgs Don Bosco Genova 1:20:43 3. Di Bari Saverio 1975 Ciclistica Bordighera 1:28:14 Nella foto d'archivio, Vincenza Sicari (Giancarlo Colombo per Omega/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: