Studenteschi a Roma con Kinder+Sport




 

Non solo Compeed Golden Gala. Dopo il grande successo dello scorso anno, sul piano organizzativo come per numero di partecipanti, Roma torna capitale dell’atletica studentesca ospitando ancora una volta le finali nazionali della massima rassegna scolastica voluta dal Ministero dell’Istruzione e dal CONI. I Giochi Sportivi Studenteschi, legati come da tradizione al marchio Kinder+Sport, saranno uno degli eventi di richiamo della “Settimana dell’Atletica” che animerà gli impianti del Foro Italico: e, dal 24 al 26 maggio, lo Stadio della Farnesina ospiterà quasi 800 giovani atleti, ai quali si aggiungeranno i ragazzi delle categorie paralimpiche. Insomma, il traguardo dei 1000 iscritti non è poi così lontano. Un enorme sforzo organizzativo: tanto più che dopo moltissimi anni la medesima sede sarà teatro delle competizioni per entrambe le fasce di età scolastiche, quella dei cadetti (corrispondente agli istituti di 1° grado) e quella degli allievi (istituti di 2° grado). Mentre nel recente passato le finali nazionali delle due categorie sono sempre state disputate separatamente e nella passata edizione l’incomparabile scenario dello Stadio dei Marmi - ora riservato agli allenamenti del Compeed Golden Gala - fece da sfondo alle sole gare cadetti: rivelando peraltro interpreti del calibro di Eleonora Vandi, la pesarese freschissima primatista di categoria dei 1000 metri, e del trentino di origini etiopiche Yemeneberhan Crippa.

Quest’anno l’ottica della partecipazione è parzialmente diversa, perché tra i criteri di qualificazione si è data priorità all’attività collettiva degli istituti rispetto al potenziale dei singoli: solo nella marcia e negli ostacoli  è stato possibile iscrivere individualisti, mentre nelle altre prove il confronto agonistico vero e proprio sarà tra i vari enti scolastici ammessi alla finale dopo la trafila delle fasi territoriali. La grande kermesse targata Kinder+Sport non sarà quindi una replica dei campionati federali individuali delle categorie giovanili: a conferma dell’autonomia che viene riconosciuta alla manifestazione sotto il profilo promozionale e istituzionale. Questo non vuol dire che mancheranno protagonisti da copertina, come già è stato in occasione della rassegna di corsa campestre che si è celebrata a Nove nel mese di marzo: una dimostrazione della perdurante vitalità nel settore del mezzofondo giovane che ha cominciato col tempo a portare i suoi frutti anche a livello assoluto.  I nomi più noti saranno ovviamente quelli della categoria allievi (indicativamente nati nel 1994/95/96), mentre tra i cadetti saranno in gara atleti giovanissimi, per lo più nati negli anni 1997/98.

Nella velocità pura sarà presente in rappresentanza dell’IIS Sansi-Leonardi lo spoletino Filippo Pecchioli, che ha iniziato la stagione migliorando la MPN cadetti dei 150 metri (16”65 a Terni il 1° maggio) e potrebbe diventare il primo sprinter di sempre a scendere sotto gli 11” sui 100 metri al limite dei 15 anni. Al femminile, la più accreditata sembra la marchigiana Martina Piergallini (Liceo Classico Rinaldini di Ancona), che ha già esordito nella nazionale azzurra “under 18” e vanta un personale di 12”10 sulla distanza. Molto interessante il 49”67 segnato due settimane fa sul giro di pista dal cremonese Davide Carpani, portacolori dell’IIS Galilei di Crema e cresciuto nel vivaio bergamasco dell’Atletica Estrada. Sui 300 metri cadette c’è un 41”9 di tutto rispetto ottenuto dalla 14enne parmense Alice Branchi (IC di Felino, la sua città di residenza). Il meglio del mezzofondo sui 1000 metri allieve, con due ragazze che vantano personali inferiori ai 3’ quali la livornese Sara Froglia (PL Cecioni) e la pavese Beatrice Dallera (Liceo Scientifico Taramelli). Due nomi di spicco negli ostacoli allievi: quelli del primatista italiano cadetti dei 300hs Luca Cacopardo (IIS Galilei di Crema), capolista anche nel lungo, e del trentino Matteo Mazzola (ITI Marconi di Rovereto), anch’egli protagonista della rassegna nazionale di Cles nello scorso ottobre. Certo è che il 13”9 messo a segno sui 110 con barriere da Mattia Contini (ITIS Galilei di Livorno) nella finale regionale toscana di Pisa merita ogni considerazione. Uno stagionale da 2.00 nell’alto: autore l’emiliano Luca Ferretti (LSS Aldo Moro di Reggio Emilia). Ma sull’omologa pedana femminile si concederà una licenza anche l’argento dell’asta allieve degli ultimi Tricolori indoor di Ancona, Clara Ermacora (LS Marinelli di Udine), accreditata di 1.66. Una campionessa in carica sulla pedana del peso: la torinese Daisy Osakue (IMS Regina Margherita), vincitrice un anno fa tra le cadette e anche valida ostacolista. Nel disco allievi primeggia nella lista iscritti del disco il foggiano Valerio Maiorano (ITI Saverio Altamura), argento negli ultimi Campionati Italiani cadetti di Cles alle spalle di Andrea Caiaffa. Prospetti di rilievo anche tra gli “individualisti” della marcia allievi: il marchigiano Michele Antonelli, scuola Avis Macerata, e la friulana Giorgia Menis (ISIS Da Ronco di Gemona), hanno segnato in stagione i migliori “crono” sulla prevista distanza dei 3000 metri.

La rassegna si articolerà su tre sessioni mattutine (sempre a partire dalle ore 9.00, dal 24 al 26 maggio) e due sessioni pomeridiane (il 24 dalle 17.20 e il 25 dalle 16.00): nella serata del 26 maggio i partecipanti potranno assistere alle imprese dei campioni impegnati nel  “Compeed Golden Gala” dalle tribune dello Stadio Olimpico. Il programma tecnico della manifestazione è il seguente:
ALLIEVI/E: 100m, 400m, 1000m, 110hs/100hs, alto, lungo, triplo, peso 5kg/4kg, disco 1.5kg/1kg, marcia 3000m, staffetta svedese (100+200+300+400m)
CADETTI/E: 80m, 300m, 1000m, 100hs/80hs, alto, lungo, peso 4kg/3kg, vortex, marcia 2000m, 4x100m

Raul Leoni

Nelle foto, due immagini della passata edizione della Finale Nazionale dei GSS a Roma (Giancarlo Colombo/FIDAL)

File allegati:
- ISCRITTI/Entries



Condividi con
Seguici su: