Strada e montagna, i protagonisti delle corse




 

Il keniano Ezekiel Kemboi ha vinto, domenica 29 maggio, la XXXIX Scalata al Castello di Arezzo sui 10 km. Il campione olimpico e mondiale si è imposto con una spettacolare volata finale a sei, precedendo i connazionali Erastus Chirchir ed Ezekiel Meli. Nella prova femminile sui 5 km (5 giri) successo autoritario di Docus Inzikuru (Uga), la campionessa mondiale dei 3000 Siepi di Helsinki 2005 ha allungato solo nei 500 metri finali staccando Soumiya Labani (Mar), quarta con un buon finale Marzena Michalska. Prima delle due gare in circuito oltre 500 amatori hanno preso parte alla Scalata al Castello in linea di 10 km con i successi di Simone Falomi (Avis Perugia) e Maria Chiara Parigi (Amat. Pod. Arezzo).

ORDINE D'ARRIVO - Donne 5 km: 1. Inzikuru (Uga) 16’32”, 2. Labani (Mar) 16’43”, 3. Chebet (Ken) 17’04”, 4. Michalska (FF.OO Pd) 17’11”, 5. Finielli (Runner Team 99) 17’27”, 6. Janat (Mar) 17’35”, 7. Mancini (Runner Volpiano) 17’39”, 8. V. Facciani (Runner Team 99) 17’44”; Uomini 10 km: 1. Kemboi (Ken) 28’38”, 2. Chirchir (Ken) 28’39”, 3. Meli (Ken) 28’40”, 4. Negewo (Eth) 28’41”, 5. Erre (Eth) 28’42”, 6. El Asri (Mar) 28’43”, 7. Rugut (Ken) 28’51”, 8. Adhanom (Eri) 29’02”, 9. Yonas (Eri) 29’12”, 10. Tsege (Eri) 29’21”,… 16. Ricatti (Aeronautica) 30’02”, 17. Curzi (CC Bo) 30’06”, 19. Goffi (Cc Bo) 30’09”.   

E’ stato un successo tecnico e di partecipazione la 5ª edizione del Memorial Antonio Fava, la corsa su strada di 11,8 km disputato a Roccasecca. Il paesino della Ciociaria, che ogni anno ricorda la prematura scomparsa del medico sportivo Antonio Fava, per oltre vent'anni responsabile sanitario del Centro di preparazione Olimpica del Coni di Formia, ha visto ancora una volta il dominio degli atleti magrebini che nella prova maschile hanno monopolizzato il podio con il marocchino Zain Jaouad (34:42) davanti al keniota Eric Chirchir (34:53) e il ruandese Sylvain Rukundo (35:35). E’ del Marocco anche il successo nella prova femminile con il bis della marocchina Miriam Lamachi  che ha anche stabilito il record della corsa con 40:19. Alle sue spalle test più che positivo per l’azzurra delle Fiamme Gialle Rosalba Console (con 40:37 anche lei sotto il primato del tracciato), in vista dell’appuntamento di fine settimana a Oslo con la Coppa Europa dei 10.000 in pista. La corsa assegnava anche il primo titolo italiano riservato ai laureati in medicina e chirurgia andato a Angelo Mastracco di Alatri e Annunziata Castaldo della Marathon Frattese. Record di partecipanti con oltre 660 arrivati.

RISULTATI (km 11,8) - Uomini: 1. Jaouad (Mar) 34:42, 2. E. Chirchir (Ken) 34:53, 3. Rukundo (Rwa) 35:35, 4. Laalami (Mar) 36:00, 5. Zaid (Mar) 36:11, 6. Lamachi (Mar) 36:27, 7. Caliandro (FF.GG.) 36:37, 8. Adim (Mar) 36:41, 9. MAZZA (FF.GG.) 36:51, 11. LA BELLA (Esercito) 37:07, ...14. DI MARIO (Pol. Molise) 37:34, 16. DFE NARD (FF.GG.) 37:50. Donne: 1. Lamachi (Mar) 40:19, 2. CONSOLE (FF.GG.) 40:37, 3. Mukasakindi (Rwa) 42:10, 4. Laaroussi (Mar) 43:17, 5. ROCCO (Atl. Futura) 43:34, 6. D’ORSI (Atl. Training) 46:31, 7. PETREI (Atl. Teramo) 46:38, 8. DI DIONISIO (Atl. Futura Roma) 47:34, 9. FAIOLA (Atl. Futura Roma) 48:03, 10. SOINTU (Runners Velletri) 48:12. CAMPIONATO ITALIANO MEDICI - Uomini: 1. Mastracco (Atl. Alatri) 48:50, 2. Comanzo (Atl. Stracagnano) 59:01, 3. Infusi (Lazio Atletica) 59:02; Donne: 1. Castaldo (Marathon Frattese) 57:36. SOCIETA': 1. Podistica il Laghetto 67, 2. Atl. Amatori Velletri 37, 3. Road Runners Maddaloni 37, 4. Marathon Frattese 35, 5. Fiamme Argento 30, 6. LBR Sport Team 28, 7. Napoli Nord Marathon 27, 8. Poligolfo Formia 25.

Il maratoneta azzurro Ruggero Pertile si aggiudicato al fotofinish con il tempo di 1h07:17 la prima edizione della Moonlight Half Marathon, la nuova mezza maratona veneziana che si è disputata, sabato 21 maggio, da Cavallino Treporti a Jesolo. Dietro di lui, appaiati con lo stesso tempo sono finiti il marocchino Issan Zaid e il keniano Mark Bett Kipkinyor. In campo femminile, vittoria della marocchina Meryem Lamachi in 1h16:28 davanti al campionessa italiana in carica di maratona Marcella Mancini che ha chiuso in 1:19.27. Terza la svizzera Cristina D'Ignazio (1h29:48).

ORDINE D'ARRIVO - Uomini: 1. Ruggero Pertile (Assindustria Sport Padova) 1h07:17, 2. Issan Zaid (Mar) 1h07:17, 3. Mark Bett Kipkinyor (Ken) 1h07:17, 4. Isaack Kiprotich Tanui (Ken)1h07.40, 5. Said Boudalia (Ita) 1h08:44; Donne: 1. Meryem Lamachi (Mar) 1h16:28, 2. Marcella Mancini (Runner Team 99) 1h19:27, 3. Cristina D'Ignazio (Sui) 1h29:48, 4° Lauren Irwin (Gbr) 1h30:53, 5. Genny Fratini (Spotorni Run) 1h30:54.

Domenica a Bari i più veloci sono stati Rodolfo Guastamacchia (15:45) tra gli uomini, Sabatina Oziosi per le donne in rosa e Antonia Mele (21:47) nella categoria femminile. Ma la quinta edizione barese della "Race for the Cure  -  di corsa contro il tumore al seno" di vincitori ne ha avuti 12.000, cioè tutti i runners che hanno preso parte alla manifestazione organizzata nel capoluogo da Komen Italia sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Insomma un altro grande successo per questa rassegna in rosa che farà ancora tappa il 25 settembre a Bologna e il 9 ottobre a Napoli. A Pisa, la terza tappa del circuito The R.U.N., con la vittoria del marocchino Khalid Ghallab (Gruppo Città di Genova/32:26) che ha preceduto nell'ordine Salah El Ghizlany (Il Fiorino/32:33) e El Mostafa Rachhi (Acsi Campidoglio Palatino/32:36). Tra le donne davanti a tutte Laura Baldanzi (Team Cellfood/38:32) seguita da Paola Sanna (AssoSport/38:34) e Ilaria Bianchi (Team Cellfood/38:43). Gara nel cuore del centro cittadino, attraversando i punti più caratteristici, spettacolari e suggestivi della città come piazza Dei Miracoli, costeggiando il Duomo e la famosa Torre Pendente. Alla XXXI Corsa podistica del Foglia, finale in volata per la prova maschile vinta dal keniano Solomon Kirva Yego (SEF Stamura Ancona/30:29) su Youness Zitouni (Anna Baby Runner/30:30) e Adil Lyazali (Casone Noceto/30:32). Sui 10km di Montecchio di S. Angelo in Lizzola (PU), la prima donna al traguardo è stata Laura Giordano (Industriali Conegliano/36:20) davanti ad Ana Nanu (GS Gabbi/36:31) e Sonia Cionna (Atl. Potenza Picena/38:17). 

MONTAGNA - Eritrera sugli scudi alla VI Merano 2000. In Alto Adige sui 10km del percorso (1300 metri di dislivello) la pattuglia degli africani è andata subito all'attacco con Kidane Habtom Abraham vincitore in 57:06, nuovo primato della corsa. Dietro di lui sono finiti i connazionali Azerya Teklay Weldemariam e Shaku Petro Mamu. Quinto l'azzurro Gabriele Abate (GS Orecchiella Garfagnana), 59.18. Tra le donne successo italiano con la forestale Antonella Confortola (1h13:33) che ha staccato nettamente Edeltraud Thaler e Gertraud Höllrigl. Al XXIX Trofeo Jack Canali, tradizionale appuntamento di 6,7 km da Albavilla (CO) alla cima del Monte Bollettone, affermazione di Tommaso Vaccina (Athletic Terni) su Filippo Ba (Atl. Riccardi) e Alex Baldaccini (GS Orobie).




Condividi con
Seguici su: