Stop assistenza dopo due ''missing test''

28 Febbraio 2014

Il Consiglio vara un provvedimento di prevenzione del doping. Tra le altre decisioni, il via alla ''Pit Lane Rule'' nella marcia giovanile

 

Nuovo provvedimento in materia di prevenzione del doping varato quest’oggi dal Consiglio federale. Agli atleti che per due volte dovessero rendersi responsabili del mancato rispetto del programma “Whereabout” del CONI e/o della IAAF/WADA (in particolare per quanto attiene il tema dei cosiddetti “missing test”, i controlli saltati) verrà cancellata ogni forma di assistenza federale. Gli stessi atleti che dovessero venire meno a due controlli antidoping prima della convocazione ad un impegno della squadra nazionale, dovranno sottoporsi a proprie spese a controlli medici indicati dal Settore Sanitario Federale.

Il DTO Massimo Magnani ha presentato al Consiglio la squadra nazionale azzurra che prenderà parte alla quindicesima edizione dei Campionati del Mondo indoor, in programma a Sopot (Polonia) da venerdì a domenica prossima (7-9 marzo): a vestire l'azzurro saranno 12 atleti, tre uomini e nove donne. Nel corso della riunione è stata anche presentata la Convention Nazionale dell’Atletica, la riunione in programma a Formia il 14 e 15 marzo e dedicata alla illustrazione del nuovo modello tecnico in corso di attuazione.

Approvata la prima variazione al bilancio preventivo 2014, per complessivi 693.250 Euro. I minori costi assommano a 459.000 Euro, mentre i maggiori ricavi (tra i quali, la quota di diritti tv destinati agli organizzatori di manifestazioni) 234.250 Euro; a completare la variazione al preventivo, maggiori costi per 496.250 Euro (legati al finanziamento per la realizzazione di attività programmate), e minori ricavi per 197.000.  

Via libera al regolamento relativo alla distribuzione dei diritti tv: agli organizzatori andranno complessivamente 216.250 Euro, con un aumento rispetto al 2013 valutabile in circa il 20 per cento; l’incremento toccherà sia gli organizzatori della pista che quelli di manifestazioni su strada. Il testo integrale del regolamento sarà pubblicato nei prossimi giorni su Fidal.it.

Delibera quadro relativa alle candidature italiane all’organizzazione di manifestazioni internazionali europee tra il 2015 e il 2017. Verranno presentate alla EAA le seguenti candidature (già proposte alla FIDAL dai rispettivi Comitati promotori): Chia (Cagliari, Coppa Europa dei 10000m 2015; Campionati Europei di cross 2016); Rieti (Campionati Europei Under 18 2016); Arco (Trento, Campionati Europei di corsa in montagna 2016); Grosseto (Campionati Europei Under 23 2017).

Recepita la normativa IAAF, relativa alle gare di marcia, denominata “Pit Lane Rule”: la nuova regola, che nasce con l’obiettivo di ridurre (se non di eliminare del tutto) le squalifiche, sarà applicata nelle gare delle categorie Ragazzi e Cadetti.  In sostanza, agli atleti che verranno colpiti da tre proposte di squalifica, verrà comminata una sosta a tempo, in una zona specifica della pista o del circuito di gara denominata “pit lane”; nelle prove fino a 5km inclusi, lo stop sarà di 60 secondi, mentre nelle gare da 5 a 10km sarà di 120 secondi. Trascorso il tempo della penalizzazione, l’atleta potrà rientrare in gara. Alla quarta proposta, l’atleta verrà squalificato. Ove la terza proposta dovesse arrivare all’atleta nella parte finale di gara, e fosse materialmente impossibile notificargli lo stop nella “penalty area”, al tempo finale verrà aggiunta la penalità prevista.

In tema di campionati federali, il Consiglio ha infine deliberato di modificare il punto 4.4 del regolamento della rassegna individuale su pista promesse (Torino, 6-8 giugno, insieme a quella Juniores), cancellando, a causa della vicinanza con i Il Trofeo Mediterraneo, in programma solo pochi giorni dopo, i turni di qualificazione dei concorsi. La norma resta invece in vigore per la categoria Juniores. Ancora sul fronte delle modifiche regolamentari, è stato istituito il campionato individuale Promesse dei 10000 metri.



Condividi con
Seguici su: