Societari, Vizzoni e La Mantia OK nella pioggia




 

Seconda giornata della prima fase regionale dei Campionati Italiani di Società 2011 all'insegna del maltempo. Pioggia e vento hanno causato parecchi disagi in diverse sedi di gara, costringendo in alcuni casi al rinvio di alcuni concorsi o, come a Pordenone, dell'intera manifestazione. A Colle Val d'Elsa, l'argento europeo del martello Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle/Atl. Livorno), nonostante le condizioni meteo non ideali, ha messo a segno un 75,86 vincente. Restando ai lanci, a Rieti, lo junior Daniele Secci (Fiamme Gialle) ha collezionato un nuovo primato nel getto del peso: 18,27 con l'attrezzo da 7,260 kg, ovvero 4 centimetri meglio del precedente limite under 20 (18,23) stabilito da Paolo Dal Soglio nel 1989 a Mestre. Maltempo anche a Palermo dove l'azzurra Simona La Mantia (Fiamme Gialle/Cus Palermo), ieri protagonista di un eccellente 14,43 nel triplo, oggi si è limitata ad un solo salto di 6,25 nel lungo. Specialità che al maschile ha visto atterrare a 7,75 (ma con 3.4 metri di vento a favore) il triplista Fabrizio Schembri (Carabinieri/Atl. Rovellasca) a Busto Arsizio, mentre Emanuele Formichetti (SM Esercito/CaRiRi) a Rieti ha saltato 7,52 (+0.9). Schembri in settimana aveva preso parte al meeting di Daegu, sulla pedana dei prossimi Mondiali, finendo quinto nel triplo con 16,65. Sempre in Lombardia, vento anche sui 200 di Diego Marani (Fiamme Gialle/Atl. Riccardi), primo in 21.17 (+3.0), ma "battuto a distanza" dall'aviere Davide Manenti, 21.15 (-0.5) a Torino. Sui 5000 di Marcon, successo del maratoneta azzurro Ruggero Pertile (Assindustria Sport Padova) in 14:35.06. Intanto, oggi al meeting francese di Montgeron, ritorno alle competizioni - dopo l'intervento al tendine d'Achille destro della scorsa estate - per il velocista Matteo Galvan. Il 22enne vicentino delle Fiamme Gialle, oro con la 4x400 azzurra agli Euroindoor di Torino 2009, si è cimentato nei 250 metri, imponendosi in 27.18. Nella riunione francese OK anche la campionessa italiana assoluta dei 100hs Marzia Caravelli. In finale l'atleta del CUS Cagliari è giunta terza in 13.36 (+1.6), dopo aver corso in 13.32 (+1.3) la batteria. Secondo sui 110hs il tricolore Stefano Tedesco (Fiamme Gialle) che ha fermato il cronometro ad un ventoso 13.78 (+3.4), preceduto da un 13.80 (+1.0) regolare in batteria. Di seguito, una breve sintesi dalle principali sedi dei Societari Assoluti.

ABRUZZO - Pescara
In luce gli atleti militari del club campione d'Italia 2010, la Bruni Pubblicità Atl. Vomano. Il campione europeo Under 23 Daniele Greco (Fiamme Oro) inaugura la stagione all'aperto con 15,98 (+0.1). Nel disco il compagno di squadra Nazzareno Di Marco lancia 57,55, mentre nei 10000 di marcia la promessa Riccardo Macchia ha avuto la meglio in 42:35.19 sull'aviere Fortunato D'Onofrio (43:12.64). A causa delle avverse condizioni meteo, il programma gare della seconda giornata sarà recuperato lunedì 16 maggio. 

CALABRIA  - Reggio Calabria
Nel peso sfiora il primato personale (13,79) l'allieva, campionessa tricolore in carica del peso, Monia Cantarella. La giovane lanciatrice della Nuova Atletica Fiamma Aranca ha scagliato la palla di ferro da 4kg a 13,72, misura ottenuta al quarto lancio di una serie tutta abbondantemente sopra i 13 metri.

CAMPANIA - Napoli
Oggi a Napoli, sulla pedana del rinnovato Campo Virgiliano, 7,33 (-0.4) nel lungo per l'aviere Stefano Tremigliozzi, in casacca Libertas Amatori Atl. Benevento. Per lo stesso club vincono anche Angelo Iannelli (Fiamme Azzurre), 14:24.65 sui 5000, e l'aviere Pellegrino Delli Carri, 68,20 nel martello. Ieri nei 100, 10.88 (-1.3) per lo junior Ciro Riccardi (Lib. Pol. Amat. Benevento), mentre i 5 km di marcia affermazione dell'under 20 Carmela Puca (Enterprise Sport & Service) in 24:48.00. Lanci stranieri con il disco del lettone Oskars Vaisjuns (Enterprise Sport & Service) a 55,88 e il martello della compagna di squadra moldava Marina Marghieva, atterrato a 67,14 m.
(Enzo Miceli - CR FIDAL Campania)

EMILIA ROMAGNA - Imola (BO)
Mezzofondisti protagonisti. Nei 5000 il più veloce con 13:50.32 è il marocchino dell'Edera Forlì, Rachid Kisri seguito, nell'altra serie, dai connazionali del Cus Parma, Hamid Denguir (14:17.69) e Yassine El Fathaoui (14:29.86). Subito dietro di loro si sono piazzati il campione junior di cross Andrea Sanguinetti (Edera Forlì), 14:30.69, e la promessa Davide Uccellari (La Fratellanza 1874), 14:31.49. Negli 800 lo junior Marco Zanni (La Fratellanza 1874) è secondo in 1:51.51, alle spalle del compagno di squadra Mohamed Moro (1:51.22) e a soli 22 centesimi dallo standard federale per i prossimi Europei under 20 di Tallin. Sul doppio giro di pista femminile, invece, 2:07.46 per Maria Vittoria Fontanesi (Cus Parma). I 200 metri vedono, quindi, le affermazioni del carabiniere Luca Galletti (Imola Sacmi Avis), 21.71 (-0.2) sullo junior Luca Valbonesi (Imola Sacmi Avis/21.99), e di Tiziana Grasso (Cus Parma), 24.64 (+1.7). Lungo al poliziotto Alessio Guarini (SEF Virtus Emilsider Bologna) con 7,38 (0.0), mentre i concorsi di alto uomini e asta donne sono stati rinviati a mercoledì prossimo causa maltempo. 

FRIULI VENEZIA GIULIA - Pordenone
La seconda giornata non si è disputata a causa del maltempo e verrà probabilmente recuperata in settimana. Ieri la junior, vicecampionessa olimpica dell'alto, Alessia Trost (Brugnera Friulintagli) ha dato il La al suo 2011 all'aperto con 1,82 alla prima e tre assalti senza fortuna ad 1,86. Seconda, a 1,74, l'allieva Desirée Rossit (Udinese Malignani). Passando al mezzofondo il finanziere Patrick Nasti (Maraton Trieste) si è aggiudicato i 3000 siepi in 9:00.32, mentre i 1500 hanno visto fronteggiarsi il marocchino Mohamed Mouaouia (Brugnera Friulintagli/3:57.78) e Andrea Seppi (Fiamme Gialle/Marathon Trieste 3:58.76). Nel disco, 55,43 di Fabio Cuberli (Fiamme Gialle/Udinese Malignani).

LAZIO - Rieti
Copertina della seconda giornata - all'insegna di pioggia e maltempo - per lo junior Daniele Secci. Il giovane finanziere si è, infatti, impossessato della migliore prestazione italiana under 20 del getto del peso con l'attrezzo da 7,260 kg. Secci ha scagliato la palla di ferro a 18,27, superando il 18,23 ottenuto da Paolo Dal Soglio il 22 ottobre del 1989 a Mestre. Secci che detiene anche il record nazionale con l'attrezzo di categoria (20,00 con peso da 6 kg), aveva conquistato nel 2010 anche l'omologo primato junior al coperto con 18,38, "spodestando" anche in quel caso Dal Soglio. Scontro tra Promesse nei 200 maschili. Ad avere la meglio è l'atleta di casa Lorenzo Valentini (Studentesca CaRiRi) 21.62 a 21.85 (-0.7) sul finanziere Valerio Rosichini. Sfida a tre nella prova femminile vinta da Ilenia Draisci (Esercito/Audacia Record Atl.) in 24.51 (-1.2) su Rita De Cesaris (Esercito/Stud. CaRiRi), 24.61, e Chiara Cervasi (Audaci Record Atl.), 24.79. Nel lungo, affermazione senza problemi per Emanuele Formichetti (SM Esercito/Stud. CaRiRi), autore di un miglior balzo da 7,52 (+0.9). Nei 400hs, quindi, successi della primatista d'Italia Benedetta Ceccarelli (Carabinieri/Audacia Record Atl.) in 58.15 seguita dalla junior Flavia Battaglia (Audacia Record Atl./1:01.00 e, in campo maschile, dello junior Francesco Patano (Fiamme Gialle) in 53.81. Completano, invece, il quadro dei risultati della prima giornata, il 13,37 (+0.1) nel triplo della junior ucraina, in attesa di cittadinanza italiana, Dariya Derkach (Audacia Record Atl.) e il 10:16.53 di Giulia Martinelli (Forestale/Studentesca CaRiRi), che ha sfiorato il primato italiano under 23 dei 3000 siepi (10:16.02 di Giorgia Robaudo nel 2006). Nel martello femminile (gara extra), 67,03 della toscana dell'Esercito, Elisa Palmieri, e 16,43 della forestale Julaika Nicoletti (Audacia Record Atl.) nel peso. Vittoria con 56,13 dell'aviere Marco Zitelli (Stud. CaRiRi) nel disco e di Simone Fusiani (Stud. CaRiRi) nell'asta con 5,00.

LOMBARDIA (Uomini) - Busto Arsizio (VA)
Una seconda giornata dei CdS assoluti maschili all’insegna di un vento molto forte che ha disturbato senza tregua le gare. Nei 200, con vento a favore, vittoria di Diego Marani (Riccardi) con 21.17 (+3.0)  davanti a Davide Pelizzoli (Easy Speed 2000) con 21.37 e Gualtiero Bertolone (Cento Torri PV) con 21.39. Seguono i due juniores Sebastiano Spotti (Cremona Arvedi) con 21.52 e Giacomo Tortu (Riccardi) con 21.59.  Negli 800 vittoria del senegalese del Cus Pro Patria Milano, Seck Mor che ha chiuso in 1:49.37 davanti a Dario Ceccarelli (Pro Sesto – Fiamme Oro) con 1:50.88 mentre nei 5000 oro ancora, dopo quello di ieri sui 1500, per Abdellah Haidane (NA Fanfulla) con 14:20.76 sull’italo-serbo Goran Nava (Cus Pro Patria Milano) che ha finito in 14:23.18.  Fabrizio Schembri, carabiniere in gara per l’Atl. Rovellasca, di ritorno ieri dal meeting a Daegu, ha marcato presenza effettuando tre salti nel lungo vincendo con 7.75 (+3.4) davanti alle promesse Gregory Bianchi (Pro Sesto) con 7.59 (+3.4) e Federico Chiusani (Riccardi) con 7.40. Problemi metereologici anche nell’alto dove Silvano Chesani (Cento Torri) si è fermato a 2.13 davanti a Francesco Cernuschi (Atl. Monza) con 2.10. Ritmica difficile da mantenere  nei 400hs vinti da Giacomo Panizza (Lecco Colombo) in 51.91 davanti ad Andrea Gallina (Cento Torri PV) con 52.71. Nei lanci successo di Lorenzo Rocchi (Cento Torri) nel martello con 67.40 davanti ad Alessandro Beschi (Riccardi) con 62.25, mentre nel peso è Alessandro Castelli della Riccardi a lanciare più lontano con 15.60. I ragazzi dell’Atletica Bergamo 59 Creberg si sono infine guadagnati la vittoria nella 4x400 con 3:15.28 precedendo di 23 centesimi la Cento Torri Pavia (3:15.51).
(Giuliana Cassani - CR FIDAL Lombardia)

LOMBARDIA (donne) - Lodi 
A Lodi il vento ha persino messo fuori uso un anemometro. Sempre il vento, opposto nei 200 metri, ha causato pesanti disagi anche nell’asta che è stata sospesa. Verrà recuperata domenica prossima nell’ambito del meeting di Chiari (BS).  Nei 200 successo di Elena Bonfanti (Lecco Colombo) con 24.62 davanti a Michela D’Angelo (Camelot) con 24.66. Da segnalare nel lungo la prestazione di Cinzia Nicassio, portacolori dell’Atl. Brescia 1950 seguita da Chicco Porta, che è atterrata a 6.07. Negli 800 la promessa seguita da Saro Naso, Isabella Cornelli (Bergamo 59 Creberg)  ha chiuso vincendo in 2:13.45 e nei 400hs un’altra vittoria bergamasca con Paola Gardi (Bergamo 59) in 1:02.04. In evidenza infine nei 5000 Silvia Casella (Brescia 1950 Ispa), ieri seconda nei 1500, senza rivali in 16:51.57.
(Giuliana Cassani - CR FIDAL Lombardia)

LIGURIA - Imperia
I due acuti della prima giornata arrivano ad opera di Silvia Salis (Fiamme Azzurre/CUS Genova), 69,12 nel martello (serie: 68,47; 69,12; 66,38; N; N; 66,33), ed Emanuele Abate (Fiamme Azzurre/CUS Genova), 13.82 (-1.2). Abate si è poi ripetuto il giorno seguente vincendo i 200 in 21.32 (+0.9) su Enrico Demonte (Fiamme Oro/US Maurina Olio Carli), 21.63. Nei 5000, ad una settimana di distanza dall'esordio in maratona, successo di Emma Quaglia (CUS Genova), 17:08.86.

MARCHE/UMBRIA - Macerata
Sui 200 metri, volata vincente del pesarese Lorenzo Angelini: 21”71 con vento nullo per lo junior dell’Avis Macerata, ad appena un decimo dal minimo per gli Europei di categoria. Alle sue spalle si piazza l’aviere Alessandro Berdini, compagno di squadra in quest’occasione e secondo in 21”99. Nei 400 ostacoli, in una giornata condizionata dalla pioggia, si mette alla prova uno specialista della distanza più breve, John Mark Nalocca (Tecno Adriatletica Marche): il carabiniere coglie il successo in 53”59, davanti a Lorenzo Veroli (Atl. Maxicar Civitanova), 53”71 e non troppo lontano dallo standard per la rassegna continentale under 20. Bis nel mezzofondo di Stefano Massimi (Asa Ascoli Piceno), azzurro in questa stagione ai Mondiali di cross juniores: dopo la gara di ieri sui 1500 metri, si aggiudica gli 800 in 1’52”43, mentre un’altra doppietta arriva per merito del keniano Josphat Kimutai Koech (Atl. Recanati), già vincitore dei 3000 siepi e primo anche nei 5000 in 14’10”00, con la piazza d’onore per il maratoneta azzurro Denis Curzi (Carabinieri/Tam), 14’40”84. Il martello vede l’affermazione del carabiniere ascolano Massimo Marussi, che lancia 61.18. Tra le donne, 25”18 con assenza di vento sui 200 per la junior Elisa Pacilli (Cus Perugia), invece nel lungo si impone Silvia Del Moro (Tam), 5.47. A causa del maltempo, non disputati l’alto maschile e l’asta femminile.
(Luca Cassai - CR FIDAL Marche)

PIEMONTE - Torino
Nei 200 si fa notare il 21.15 (-0.5) vincente dell'aviere Davide Manenti (Atl. Piemonte) seguito dal 21.70 dello junior Michele Tricca (Atl. Susa). Nel mezzo giro di pista femminile, prima la promessa Martina Amidei (CUS Torino), 24.43 (+0.6). Sui 400hs successo dello junior Marco Gadaleta (Cus Torino), senza rivali in 53.74, così come nei 5000 il marocchino, in attesa di cittadinanza italiana, Marouan Razine (Cus Torino), 14:10.7. Nell'alto, complice il maltempo, l'azzurro Marco Fassinotti (Aeronautica/Atl. Piemonte) si ferma a 2,22, quota superata al primo assalto. Nell'analogo concorso femminile, 1,70 per l'allieva Debora Sesia (Atl. Cuneo), mentre nel lungo il finanziere Kevin Ojiaku (Atl. Canavesana) salta 7,01 (-0.6).

PUGLIA - Bari
Interessanti riscontri dalle gare di marcia. Sui 10km degli uomini si impone lo junior, convocato per la Coppa Europa di Olhão, Massimo Stano (Aden Exprivia Molfetta), 42:52.88, mentre al femminile l'altra azzurrina in partenza per il Portogallo, Sara Loparco (Olimpia Club) è seconda in 24:04.53 alle spalle di Nicoletta Dell'Aquila (Alteratletica Locorotondo/23:58.23). 

SARDEGNA - Oristano
Sui 100hs, affermazione della promessa Francesca Albiani (SG Amsicora), prima in 13.92 (+0.7), e poi leader anche dei 200 in 24.06 (+3.4). Nel giavellotto si è imposta nettamente la campionessa italiana assoluta Zahra Bani (Fiamme Azzurre/CUS Cagliari), 54,05.

SICILIA - Palermo
Il maltempo ha condizionato i risultati della seconda giornata dei Societari a Palermo. Un solo è bastato così a Simona La Mantia per vincere il lungo con 6,25, rinunciando alle altre prove. Sugli 800 s'è rivisto l'ex azzurro Andrea Longo vincere per i colori della Libertas Catania. I risultati. Uomini. 200 (- 0.7): 1. Cavallaro (Libertas Ct) 21"77; 2. Mensah (Cus Pa) 21"87. 800: 1. Longo (Lib. Ct) 1’56". Lungo: 1. Pankins (Sport Club Ct) 7,40 (-0.5); 2. Iucolano (Cus Pa) 7,37 (- 2.0). Alto: Pupols (Sport Club Ct) 2,13. 400 hs: 1. Filipponi (Sport Club Ct) 54"28. 5000: Kemboi (Sport Club Ct) 13'59"55. Giavellotto: Alains (Sport Club Ct) 59,93. Donne. 200 (-2.3): 1. Raffaldi 25"28. 400 hs: 1. Gentili 57"93. Alto: Randazzo (Cus Pa) 1,55.
(Lorenzo Magrì)

TOSCANA - Colle Val d'Elsa (SI)
Nella prima giornata, il quarto frazionista della 4x100 azzurra, argento europeo e record italiano a Barcellona, Maurizio Checcucci (Fiamme Oro/Assi Giglio Rosso Firenze) è primo in un tranquillo 10.73 (-0.1). Nello sprint femminile, Audrey Alloh (Fiamme Azzurre/Firenze Marathon) supera 11.92 a 12.08 (-1.3) l'azzurrina junior Anna Bongiorni (CUS Pisa Atl. Cascina). 400 metri in 47.61 per la promessa Filippo Costanti (Monte Paschi UISP Atl. Siena), mentre il disco dell'aviere Federico Apolloni (Atl. Firenza Marathon) finisce a 56,75. Nella seconda giornata, nonostante freddo e maltempo, l'argento continentale del martello Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle/Atl. Livorno) va a segno con un imbattibile 75,86. Vento sui 200 metri. Al femminile, la più veloce è la quattrocentista dell'Esercito - componente della 4x400 azzurra primatista d'Italia - Chiara Bazzoni (Toscana Atl. Empoli), prima in 24.11 (+2.1). Dietro di lei la junior Bongiorni (24.23) e la Alloh (24.41). Nel mezzo giro di pista maschile 21.60 per lo junior Filippo Bruschi (Firenze Marathon), ma alle sue spalle l'anemometro registra vento a +4.1 m/s. Nel lungo, quindi, 6,08 (+1.9) per la junior Anna Visibelli (Firenze Marathon), mentre il disco di Anna Salvini (CUS Pisa Atl. Cascina) atterra a 51,09. Negli 800 successo dello junior Joau Junior Neves (Atl. Livorno), 1:53.61.
(Andrea Bruschettini - CR FIDAL Toscana)

TRENTINO/ALTO ADIGE - Borgo Valsugana (TN)
A Borgo Valsugana vince il freddo: sono 10 i gradi che accompagnano la seconda giornata della fase regionale del Trentino Alto Adige e di conseguenza i risultati individuali ne risentono. Proprio per questo va sottolineato il 6,05 (vento +0,5) che ha consentito ad Elisa Zanei (Gs Valsugana Trentino) di primeggiare nel lungo, mentre il ritorno in pista di Giordano Benedetti (Atletica Trento cmb - Fiamme Gialle) è stato bagnato da un discreto 1'49"55 nel doppio giro di pista, maturato con apparente facilità davanti al senegalese di Pergine Valsugana Abdulaye Wagne (Athletic Club 96 Ae Spa, 1'49"79). Prima uscita stagionale all'aperto anche per il campione italiano allievi di salto in alto Stefano Nadalini (Gs Valsugana Trentino) fermatosi ad un intirizzito 2,01 mentre il coetaneo Marco Lorenzi (Gs Valsugana) si imponeva nei 200 metri con un 21"99 figlio di una sensibile folata contraria (-2,3). Impegno tranquillo anche per Lorenza Canali (Gs Valsugana Trentino - Fiamme Azzurre) che senza premere troppo sull'acceleratore ha fatto suo il primo 800 stagionale correndo in 2'11"41. Interessanti i lanci delle due ventenni valsuganotte Greta Zin (disco, 47,02) e Letizia Marchi (45,08 nel giavellotto) mentre nel lungo il bolzanino Pierluigi Putzu (Athletic Club 96 Ae Spa) ha sfruttato al meglio una folata da +2,4 per planare a 7,15 metri. Mezzofondo prolungato di chiaro stampo africano con i 5000 firmati dalla tanzaniana Zakia Mrisho (Gs Valsugana Trentino, 6'16"02) e dal keniano Mark Bett (Athletic Club 96 Ae Spa, 14'41"75). A fine giornata, nel freddo trovano di che sorridere le ragazze del Gs Valsugana Trentino che con 22693 punti vedono già confermata la loro presenza nella Finale Oro mentre le gialloverdi della Quercia Trentingrana dovranno completare l'opera nella seconda fase, per raggiungere la quota di 21500 punti a partire dai 20955 collezionati in queste due giornate di Borgo Valsugana. Al maschile invece la prima fase premia l'Athletic Club 96 Ae Spa di Bolzano con 20462 lunghezze davanti ai 18860 punti dei ragazzi della Quercia Trentingrana.
(Luca Perenzoni - CR FIDAL Trentino)

VENETO - Marcon (VE)
Un esercizio di velocità a poco più di un mese dalla sua ultima maratona. Oggi, a Marcon, nella seconda giornata della prima fase veneta dei campionati italiani di società si è visto anche Ruggero Pertile. Il maratoneta di Assindustria Padova ha vinto i 5.000 in 14’35”06, staccando nettamente il marocchino Bazhar (14’53”87) e il giovane Simion (14’54”67). In un pomeriggio condizionato dal maltempo (vento, scrosci di pioggia e temperatura quasi invernale), che ha causato anche il rinvio dell’alto maschile e dell’asta femminile, è stato soprattutto il mezzofondo a fornire prestazioni degne di nota. Nei 5000 femminili vinti dalla Giordano (17’12”20), bel terzo posto della junior Titon (17’20”06). La cubana Santiusti Caballero ha vinto gli 800 in 2’05”49; Bobbato si è imposto allo sprint nella gara maschile in 1’53”93. Nei 200 vittorie di Da Canal (21”45) e della junior Hooper (24”44), ma con vento fuori norma.  
(Mauro Ferraro - CR FIDAL Veneto)

RISULTATI - CDS ASSOLUTI 2011 - SEDI FASE REGIONALE 1ª PROVA: ABRUZZO: Pescara; TRENTINO/ALTO ADIGE: Borgo Valsugana; CALABRIA: Reggio Calabria; CAMPANIA/MOLISE: Napoli; EMILIA ROMAGNA: Imola; FRIULI VENEZIA GIULIA: Pordenone; LAZIO: Rieti; LIGURIA: Imperia; LOMBARDIA: Lodi (donne) / Busto Arsizio (uomini); MARCHE/UMBRIA: Macerata; PIEMONTE/VALLE D'AOSTA: Torino; PUGLIA/BASILICATA: Bari; SARDEGNA: Oristano; SICILIA: Palermo; TOSCANA: Colle Val d'Elsa; VENETO: Marcon

(hanno collaborato Alberto Milardi, Giorgio Rizzoli)




Condividi con
Seguici su: