Scudetti allievi, doppietta dei club romani




 
Quattro sedi nazionali per le finali dei Societari allievi. Al "Perraro" di Vicenza si registra il dominio dei club romani in chiave scudetto, grazie al successo delle Fiamme Gialle Simoni con gli uomini e della Fondiaria Sai con le ragazze. Sul piano individuale, da segnalare le doppiette di Alessia Trost a Majano (5.66 nel lungo, dopo l'1.80 in alto della prima giornata) e di Anna Bongiorni a Saronno (24"70 nei 200, facendo seguito al 12"02 sui 100), ma c'è soddisfazione soprattutto per il vittorioso rientro agonistico dopo lungo infortunio di Giovanni Galbieri, lo sprinter veronese già bronzo iridato dei 100 metri un anno fa a Bressanone.

Finale A - Vicenza: doppietta dei club romani nella classifica per società, grazie alle Fiamme Gialle Simoni con i ragazzi e alla Fondiaria Sai in campo femminile. Entrambe le formazioni laziali erano in testa fin dalla prima giornata, ma si è rivelato più agevole il successo dei giovani gialloverdi, mentre le ragazze romane hanno penato fino alle ultime battute per aver ragione delle milanesi dell'Italgest (seconde come lo scorso anno ad Abano Terme). Sul podio la Cariri di Andrea Milardi in entrambe le classifiche, a conferma della continuità del vivaio reatino. Numerosi i risultati di rilievo a livello individuale: tra i maschi il somalo di Sezze Mohad Abdikadar (1'54"42) si impone in un 800 metri ad alta intensità sulla novità stagionale Cristiano Zingales (1'55"44 per il figlio d'arte palermitano, dominatore dei recenti Giochi delle Isole alle Azzorre); doppietta peso-martello per Patrizio Di Blasio (15.56/65.06, qui davanti a Marco Bortolato con 62.46), che riscatta la sfortunata esibizione negli EYOT di Mosca; dominano nei salti gli atleti veneti, con Davide Spigarolo (2.00 nell'alto) e Francesco Turatello (7.04/+1.1 nel lungo). Si fanno notare le ragazze modenesi, con la campionessa in carica dei 400hs Silvia Gianaroli prima negli 800 (2'18"52), mentre nella sua gara ha lasciato spazio a Raphaela Lukudo (63"90, vicinissima al personale): entrambe hanno poi contribuito alla cavalcata vittoriosa della staffetta 4x400 (3'59"48); discreto il 25"02 (+0.9) nei 200 della 16enne toscana Eleonora Volani, davanti all'ex campionessa cadette dei 300hs Flavia Battaglia (25"22); da segnalare anche il 3.55 della romana Roberta Bruni, nell'asta per i colori della Cariri.

CLASSIFICA ALLIEVI: 1.FIAMME GIALLE G. SIMONI 180, 2.ATL. RICCARDI MILANO 151, 3.ATL. STUDENTESCA CARIRI 150, 4.CUS PALERMO 149, 5.ATL. VICENTINA 143, 6.ATL. BERGAMO 1959 CREBERG 141, 7.ATL. MIZUNO PIEMONTE 134.5, 8.G.A. BASSANO 115.5, 9.ATL. CENTO TORRI PAVIA 107, 10.ATL. CAPANNE PRO LOCO 90, 11.ATL. UDINESE MALIGNANI 82, 12.TOSCANA ATL. CARIPIT 72
CLASSIFICA ALLIEVE: 1.FONDIARIA - SAI 165.5, 2.ITALGEST ATHLETIC CLUB 158, 3.ATL. STUDENTESCA CARIRI 153, 4.ATL. VICENTINA 148, 5.G.A. BASSANO 136, 6.CUS TRIESTE 123.5, 7.ATL. BERGAMO 1959 CREBERG 120, 8.MOLLIFICIO MODENESE CITTADELLA 114, 9.TOSCANA ATL.EMPOLI NISSAN 111.5, 10.ATL. UDINESE MALIGNANI 102, 11.ATL. FIRENZE MARATHON 98, 12.SISPORT FIAT 87.5

Finale A1 - Majano: dopo lo scontato successo nel "suo" salto in alto, Alessia Trost fornisce un doppio contributo alle sorti della Brugnera Friulintagli vincendo anche il lungo (5.66, con +0.4: la pordenonese vanta un primato di 5.97 in questa specialità). Tra gli azzurri qualificati per gli YOG di Singapore è presente anche Luca Valbonesi (3° a Mosca sui 200 metri): il portacolori della Sacmi Imola Avis non tradisce e segna 21"76, trascinando al personale il catanese Gaetano Di Franco, per la prima volta sotto i 22" (21"94 con vento al limite, +2.0). Classifiche di società: in campo maschile prevale l'Atl. Lecco-Colombo (147), davanti a Fratellanza Modena 1874 (143) e Sacmi Imola Avis (136.5), mentre tra le ragazze il successo va alla Nuova Atl. Varese (150), di misura sul Cus Torino (149) con la Bentegodi Verona sul terzo gradino (139).

Finale A2 - Saronno: se la vetrina individuale è tutta per la campionessa europea Anna Bongiorni, che dopo i 100 domina anche i 200 (24"70, vento +0.8), c'è soprattutto da salutare il rientro in pista di Giovanni Galbieri, bronzo iridato dei 100 un anno fa a Bressanone. Il veronese, bersagliato dalla sfortuna negli ultimi mesi, aveva condotto alla vittoria il quartetto dell'Insieme New Foods in chiusura della prima giornata, ma oggi ha occasione di gioire singolarmente nei 200 (22"74 il suo tempo, -1.2). Nel peso, 16.54 del romano Adriano Cafiero. Classifiche per club: in campo maschile, vince l'Ana Feltre a pari punteggio con l'Amatori Atl. Acquaviva (137), con la Virtus Lucca al terzo posto (134.5); tra le ragazze, netta affermazione del Cus Genova (148), davanti all'Atl. Brescia 1950 (129) e al Cus Palermo (128).

Finale A3 - Fano: dominio delle formazioni del Nordest, con la vittoria dell'Atletica Alto Friuli in campo maschile (148 punti, davanti ad Alto Lazio 141.5 e Pro Sesto 139) e della Vis Abano nel settore femminile, sia pure a pari punti con il Porto Torres (seguono padovane e sarde le ragazze della Sangiorgese a quota 131). A livello individuale, da segnalare il 38.76 della discobola Chiara Centofanti, che doppia il successo di ieri nel peso.

Raul Leoni

Nella foto (Giancarlo Colombo/Fidal): la primatista italiana allieve e juniores dell'alto, Alessia Trost, vittoriosa anche nel salto in lungo a Majano.

 




Condividi con
Seguici su: