Scudetti allievi FFGG Simoni e Cariri

09 Giugno 2013

A Roma dominano i club laziali, ma la protagonista è la giavellottista Ilaria Casarotto con 56,97, mondiale stagionale di categoria.

 

di Raul Leoni

Vanno alle Fiamme Gialle Simoni (allievi) e alla Studentesca Cariri (allieve) gli scudetti di categoria in palio alla Farnesina: ma la tribuna dell’impianto romano concede un giusto applauso soprattutto ad Ilaria Casarotto, la giavellottista vicentina che demolisce il precedente limite allieve con un lancio di 56.97 (miglior misura mondiale 2013 per U18, scalzando il 55.15 della sudafricana Jo-Ane Van Dyk). Con le conferme degli altri migliori prospetti della categoria in gara a Roma – 52”30 sui 400hs per Giuseppe Biondo (Cus Palermo), 5.99 (+0.8) nel lungo per Benedetta Cuneo (Firenze Marathon), 2’12”12 in cavalcata solitaria per Elena Bellò (Atl. Vicentina) sugli 800m (passando coraggiosamente in 1’01”0 alla campana) – la finale per club saluta anche i “minimi” mondiali dell’italo-brasiliano Federico Ayres da Motta (Vis Abano) nell’alto, 2.03 per far compagnia a Filippo Lari, e del lunghista lombardo Alessandro Li Veli (Riccardi) con 7.22, vento +1.1 (importante perché l’unico altro azzurro in possesso del minimo, Andrea Aldeghi, è al momento infortunato). Passi iridato anche per Elisa Rovere (Udinese Malignani), che con il nuovo PB di 62”32 sui 400hs trascina la veronese Jessica Peterle (Lib. Valpolicella) a 63”05. L’impresa di Ilaria Casarotto oscura le discrete prestazioni ottenute dagli altri lanciatori: la pesista Claudia Bertoletti (Stud. Cariri) doppia nel disco con 39.15, il giovanissimo romano Tiziano Di Blasio (Fiamme Gialle Simoni) domina il martello (65.43) e sulla pedana del peso si consuma l’atteso confronto tra Sebastiano Bianchetti (Stud.Cariri) e Leonardo Fabbri (Firenze Marathon), che il reatino fa suo 18.21 contro 17.15. Ultimo lampo di giornata una bellissima serie di 4x400 allieve, con tre formazioni sotto il “muretto” dei 4 minuti: Atl. Bergamo 59 Creberg (con in formazione la vincitrice dei 200m, Federica Putti) 3’55”76, Acsi Italia 3’57”84 e l’Atl. Vicentina (con l’instancabile Elena Bellò in ultima frazione) 3’58”57. Il podio di società: (allievi) 1.Fiamme Gialle Simoni 171, 2.Stud.Cariri 164, 3.Firenze Marathon 152; (allieve) 1.Stud.Cariri 172, 2.Atl.Vicentina 170, 3.Atl.Bergamo 59 Creberg 167.

fiammegiallesimoni

Nella foto (di Maurizio De Marco), gli Allievi delle Fiamme Gialle Simoni

LA GIOIA DI ILARIA CASAROTTO

E’ nata a Vicenza il 9 febbraio 1997 la miglior giavellottista U18 al mondo del 2013: al suo arrivo alla Farnesina, Ilaria Casarotto deteneva la MPN di categoria con 49.79, stabilito sulla pedana di casa lo scorso 29 maggio. Gran struttura per la sua età (1.77m x 72kg), Ilaria si divide tra il campo di atletica (sotto la guida di Sergio Cestonaro, ossia il babbo della pluriprimatista italiana giovanile Ottavia), gli allenamenti di basket (nell’AS Vicenza) ed il baseball, nella sua versione femminile, come interbase – il ruolo di Derek Jeter nei NY Yankies - oppure come esterno centro (con i colori del Palladio Softball). Quindi il braccio è bene allenato, in ogni caso. Non nuova a miglioramenti “mostruosi” – lo scorso anno vinse a Jesolo il titolo cadette passando in un colpo da 45.40 a 51.42 – Ilaria (serie completa: 45.08 42.44 46.30 48.10 52.48 56.97) aveva già migliorato a Roma il suo precedente record con 52.48: “Ed è proprio questo che mi ha stupito di più – commenta lei a fine gara – In genere fatico a trovare continuità dopo aver ottenuto un buon risultato: stavolta ho mantenuto la concentrazione e sono andata ancora meglio. Sì, mi rendo conto che una simile misura ai Mondiali di Donyetsk potrebbe significare addirittura il podio: il fatto è che questa giornata mi ha completamente cambiato, mi ha posto dei nuovi limiti e quindi non sento neanche più la pressione”.

LE FINALI “B” INTERREGIONALI

CAMPI BISENZIO (gruppo “Tirreno”) – Arrivo in volata sia tra gli allievi (Intesatletica Latina 147, Campidoglio Palatino 141) sia, ancor più, in campo femminile (Fiamme Gialle Simoni 156, Atl. Grosseto Banca Maremma 155). Discrete le prove di 800m, che pure non sfuggono completamente alla logica del tatticismo: Marco Scantamburlo (Atl. Grosseto) 1’55”10 e Silvia Ingrassia (Cus Palermo) 2’16”35. Nella velocità, contro vento, il meglio è il 25”25 di Alessia Niotta (Atl. Sestese Femm.) nei 200m (-1.1), mentre il tiburtino Emanuele Grossi (Servizi Atl. Futura) completa la sua doppietta (22"56/-0.4) ed Emilio Marconi (Atl. Livorno) fa 55”95 sui 400hs. In pedana, un po’ scarico il primatista cadetti dell’alto Filippo Lari (Atl. Livorno), che si ferma a 1.93: meglio il 62.45 del consocio Eric Fantazzini nel martello e il 6.81 (+1.1) di Simone Forte (Campidoglio Palatino) nel lungo. RISULTATI

IMOLA (gruppo “Adriatico”) -  La classifica di società vede in testa i locali dell’Atl. Imola Sacmi Avis (160.5) tra gli allievi e le ragazze del Mollificio Modenese Cittadella (156). In campo individuale brilla Eleonora Vandi, che doppia il successo di ieri vincendo gli 800m in 2’14”34: da segnalare il 3.50 di Francesca Semeraro (Alteratl. Locorotondo) nell’asta, 63”76 di Eleonora Marchiando (Atl. Calvesi) sui 400hs e 25”35 (+0.5) di Annalisa Torquati (Tecno Adriatl. Marche) sui 200m, mentre nel settore maschile Francesco Lama (Atl. Imola Sacmi Avis) fa 6.92 nel lungo con vento nullo. RISULTATI

TRENTO (gruppo “Nord Est”) – Qui dominano Udinese Malignani in campo maschile (165) e Vis Abano (161) in campo femminile. Buon 25”07 (+0.2) per Anna Schena (Insieme New Foods) sui 200m e le prestazioni dei saltatori, 2.01 in alto per Marco Sordi (Udinese Malignani) e 7.03 (+2.0) in lungo per Edoardo Cipriano (Atl. Monza). Nelle gare dei 400hs l’ex primatista dei 300hs cadette Miriam Martini (Cus Trieste) si ritrova a 64”65, mentre Giacomo Zuccon (Trevisatl.) doppia con 55”26 la vittoria di ieri sulle barriere alte. Nel settore lanci il meglio arriva dal giavellotto, 41.91 di Annamaria Fisicaro (Vis Abano) e dal peso, 16.19 di Luciano Boidi (Trevisatl.). RISULTATI

BUSTO ARSIZIO (gruppo “Nord Ovest”) -  Tra i club successi speculari – a quota 152 punti – per Atl. Cento Torri Pavia (allievi) e Atl. Lecco-Colombo Costruzioni (allieve): ma è il quartetto tricolore della Pro Patria Busto a concedere un brivido alla tribuna di casa, mancando per meno di un secondo il primato italiano di società nella 4x400 che chiude la tenzone. Formazione più che consolidata – Camilla Colombo a lanciare le tre gemelle Troiani, nell’ordine Serena, Virginia e Alexandra – arrivata in fondo con 3’50”95, contro il 3’49”99 della Stud. Cariri edizione 2003. Per il resto, bella doppietta della Bernatese con Antonino Zampaglione, 55”82 sui 400hs, e Gianluca Vaccaro, 6.81 (+0.1) nel lungo. Sugli 800m si rivede l'ex campionessa italiana cadette Chiara Ferdani (Spectec Atl. Carispe), 2’19”75 sugli 800m. RISULTATI

cariri_allieve

Nella foto (di Maurizio De Marco), la squadra della Studentesca CaRiRi

SEGUICI su Twitter [@atleticaitalia]  | Facebook

File allegati:
- RISULTATI / Results


Condividi con
Seguici su: