Scattano gli Euromaster indoor, azzurri in 154




 
Cinquantuno medaglie. La spedizione azzurra per i Campionati Europei Indoor Master che scattano giovedì ad Helsinki per concludersi domenica parte da questo numero. E’ il consuntivo della precedente edizione, nella quale la rappresentativa italiana fece faville. Non sarà assolutamente facile ripetersi, per i 121 uomini e le 33 donne che fanno parte della comitiva italiana, ma l’impegno è forte in tutti ed è chiaro che ci si proverà. D’altronde la spedizione italiana ha forti elementi guida, come ogni squadra ha i suoi gregari e le sue punte, ossia quegli atleti che partono per la Finlandia convinti di poter difendere il proprio blasone. Un esempio? Emma Mazzenga, l’indomabile W70 che vuole mantenere il titolo sui 400, oppure Enrico Saraceni, due anni fa dominatore dai 60 ai 400 ma che stavolta rinuncia alla distanza più breve per concentrare tutte le sue energie su giro e doppio giro di pista. Cosa dire poi di Bruno Sobrero, il nonnino volante torinese che a Helsinki a dispetto della sua età (fa parte degli M85) si è iscritto a 60, 200, salto in lungo e addirittura il pentathlon. C’è poi Bruno Baggia, che oltre a 1500 e 3000 cerca gloria nel cross dopo l’inopinata sconfitta ai Tricolori di domenica a Torino. Proprio Saraceni e Baggia rispettivamente con quattro e tre titoli a testa furono tra i protagonisti assoluti due anni orsono. Saranno nel complesso 11 gli italiani che ad Helsinki difenderanno il loro titolo vinto due anni fa. Non va dimenticato che la rassegna continentale per i Master comprende anche prove al di fuori dell’impianto al coperto, come le gare di cross country e di lanci. In tutte la squadra italiana può raccogliere legittime soddisfazioni, sia in campo maschile che femminile. Non è cosa da poco. g.g. Nella foto: una porzione dell’impianto finlandese che ospiterà le gare europee (foto organizzatori) File allegati:
- IL PROGRAMMA ORARIO
- LA SQUADRA AZZURRA MASCHILE
- LA SQUADRA AZZURRA FEMMINILE



Condividi con
Seguici su: