Paralimpici: Tapia mondiale nel disco

28 Aprile 2018

A Chiuro (Sondrio), il campione europeo e medaglia d’argento alle Paralimpiadi di Rio supera di quasi un metro il record del mondo per la categoria non vedenti F11 con 45,65


 

Arriva dall’atletica paralimpica lo squillo nella giornata in pista a Chiuro (Sondrio), in Valtellina, dove vola il disco di Oney Tapia. Nei Campionati regionali individuali e prima prova territoriale dei Campionati di Società FISPES, l’argento paralimpico di Rio mette la pesante firma di 45,65 sul record del mondo di specialità per la categoria non vedenti F11. Il lanciatore delle Fiamme Azzurre, che gareggia con la maglia dell’Omero Runners Bergamo solo per i Societari, raggiunge il prestigioso traguardo con la sesta e ultima misura di gara, preceduta da ben tre eccellenti tentativi sopra i 40 metri: 41,83 al primo, 44,27 al terzo, 43,04 al quarto.

La prestazione da record del campione europeo allenato da Guido Sgherzi supera di 99 centimetri il primato iridato stabilito l’anno scorso a San Paolo dal brasiliano Alessandro Rodrigo Silva (44,66) e migliora di 29 il personal best di 45,36 ottenuto nel mese di febbraio a Milano in una gara non sanzionata da World Para Athletics, la Federazione internazionale di atletica paralimpica. Nella riunione regionale assoluta FIDAL è ancora un lanciatore a ottenere il miglior risultato tecnico. L’under 23 Marco Simonini (Amici della Montagna Ponte in Valtellina), autentico enfant du pays del meeting, scaglia l’attrezzo a 15,40 nel getto del peso assoluto.

(hanno collaborato Giuliana Grillo/FISPES e Cesare Rizzi/FIDAL Lombardia)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: