Padova: vince la Cusma




 

Doppio giro di pista ancora una volta sotto il segno di Elisa Cusma. Al XXIII Meeting Città di Padova-Trofeo Banca Antonveneta, la portacolori dell'Esercito ha ribadito il suo buon momento di forma, dopo il sesto posto ai recenti Mondiali di Berlino, vincendo gli 800 metri in un tempo di poco superiore ai due minuti, 2'00"05. Gara impostata sul ritmo, con la Cusma che stacca nettamente le avversarie all'inizio del penultimo rettilineo, quando l'ucraina Mishchenko aveva appena terminato il suo compito di lepre, per conservare al traguardo un buon margine sulla cubana Yusneysi Santiusti, seconda in 2'01"29. Nei 100 maschili 10"19 per Simone Collio, che sigla la sua seconda miglior prestazione nel 2009 e si fa precedere soltanto nel finale dal giamaicano Ainsley Waugh, vincitore in 10"18. Jacques Riparelli si afferma nella finale B in 10"30, mentre Fabio Cerutti non fa meglio di 10"43 dopo un 10"41 in batteria.

Questa era anche l'edizione del ritorno di Manuela Levorato in un appuntamento internazionale. La velocista dell'Aeronautica ha tagliato il traguardo dei 100 metri al quarto posto in 11"65 ("Mi manca ancora la tenuta negli ultimi 30 metri", ha dichiarato subito dopo la gara). Successo della giamaicana Sherone Simpson, medaglia d'argento ai Giochi di Pechino e qui al personale stagionale (11"15). Nella pedana del peso, l'argento olimpico Natallia Mikhnevich conferma il suo feeling con lo stadio Euganeo lanciando a 19.27 metri nella prova in cui la padovana Chiara Rosa è terza (18.19) e al maschile prevale il russo Pavel Sofin con 19.54 su Paolo Dal Soglio (18.25). Sempre dalle pedane arriva il secondo posto della primatista italiana dell'asta Anna Giordano Bruno con 4.32, dietro alla russa Tatyana Polnova (4.52). Gli 800 maschili vanno al keniano Reuben Bett (1'45"21), con l'altoatesino Christian Obrist quarto in 1'47"03.

Sui 400 ostacoli si è imposto in 49"25 lo statunitense Bershawn Jackson, capace di salire sul terzo gradino del podio sia a Pechino che a Berlino. Nel salto in lungo, un po' sottotono il favorito Godfrey Mokoena (7.92) e affermazione per l'ucraino Makarchev (7.95), tra le donne è la statunitense Funmi Jimoh ad aggiudicarsi la gara con 6.60 (quarta Tania Vicenzino, 6.36). La giamaicana Nickiesha Wilson è prima sui 100 ostacoli in 12"93 (terza Marzia Caravelli in 13"53), nel giro di pista femminile 51"40 di Aliann Pompey (Guyana) e primato personale per Maria Enrica Spacca, settima in 53"53. La gara dei 400 metri maschili è stata vinta dal cubano William Collazo in 45"67, con Matteo Galvan a confermarsi sui buoni livelli dei Mondiali, dove aveva guadagnato l'accesso in semifinale. Per il vicentino un terzo posto in 46"09, mentre il sudafricano Oscar Pistorius ha chiuso sesto in 47"07, accolto dall'abbraccio caloroso dei dodicimila spettatori di Padova.


Nella foto: Elisa Cusma (Giancarlo Colombo per Omega/Fidal)

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: