Multistars, occasione imperdibile per gli azzurri




 
Trenta uomini e trentaquattro donne si affronteranno sabato e domenica a Desenzano del Garda nel classico Multistars, ossia la tappa italiana del Grand Prix Iaaf di prove multiple. Quest’anno la manifestazione bresciana ha indubbiamente un fascino particolare per il fatto che è, inutile nasconderlo, l’occasione più ghiotta per staccare il biglietto per i Giochi Olimpici di Pechin0o. Obiettivo dichiarato in particolare di William Frullani, che deve aggiungere 16 piccoli punti al suo primato personale per raggiungere il muro degli 8.000 e quindi il biglietto per la Cina. Il compito, inutile nasconderselo, è difficile, anche perché la concorrenza che Frullani (ma ricordiamo anche gli altri italiani come Casiean reduce dall’incoraggiante vittoria nel campionato regionale toscano e i due altoatesini Lanthaler e Gallizio) si troverà di fronte è di primissimo ordine. A cominciare dal pettorale numero 1, il kazako Dmitriy Karpov che si può a buon diritto considerare candidato al podio olimpico e che vanta un personale di 8.725 punti. I suoi principali avversari saranno l’americano Jake Arnold (8.215) e il russo Arady Vasilyev (8.179) ambedue con un primato personale più “fresco” di quello di Karpov. Le Nazioni rappresentate saranno 18, tra cui Iran, Nuova Zelanda e Madagascar. In campo femminile è davvero difficile trovare una favorita anche se la Francia presenta la sua nazionale maggiore guidata dalla 35enne Marie Collonvillé, veterana di mille battaglie. La lotta per la vittoria potrebbe riguardare in particolare l’americana Diana Pickler, la kazaka Irina Naumenko, l’olandese Laurine Hoss. In campo italiano è Elisa Trevisan la punta e anche da lei ci si attende lo sfruttamento dell’occasione internazionale, ossia un progresso nel suo punteggio. Le gare inizieranno sabato alle 10,30 con la prova dei 100 metri maschili. Venerdì sera invece, alle ore 21, presso il “The Garda Village” si terrà un convegno allestito dal settore tecnico delle prove multiple in collaborazione con il Centro Studi & Ricerche della Fidal dal titolo “Le esperienze italiane degli ultimi 15 anni nell’eptathlon femminile, con relatore Francesco Butteri e interventi di Riccardo Calcini, Aldo Lorenzato e Karl Schoepf. g.g. Nella foto: la britannica Jessica Ennis, vincitrice dell’edizione 2007 (foto organizzatori) File allegati:
- IL PROGRAMMA DI GARE



Condividi con
Seguici su: