Mondiali: le dichiarazioni degli azzurri




 

E' un sorriso parlante quello che illumina il viso di Elisa Cusma subito dopo la vittoria in semifinale, grazie a cui diventa la prima ottocentista nella storia dell'atletica italiana in una finale iridata: "Sono partita dopo aver visto i tempi e le gare delle altre. Avevo un po'di paura per avversarie come la Okoro o la Vessey, ma ancora una volta ho scelto di fare la mia gara in testa. Ho sentito la Okoro sempre molto vicina, poi all'ultimo cambio di ritmo ai 600 mi sono reso conto che potevo restare davanti fino in fondo. Ho fatto un po' di fatica, ma penso di recuperare per il terzo turno. E' la mia prima finale mondiale e il traguardo di una grande stagione. Fino a qualche anno fa non l'avrei mai detto di poter arrivare fin qui. Eppure ci sono e non con l'obiettivo di arrivare ottava. Ci proverò. Non so se sarà una gara da 1:55-56, ma di sicuro bisognerà correre forte. Penso di rendere meglio su ritmi da 1:57-58 che in una gara tattica. Con me qui a Berlino ci sono il mio  allentore Claudio Guizzardi e mio cugino Davide. Mio padre ha guardato la gara da casa in tv e penso che abbia provato una grossa emozione nel vedermi vincere la mia semifinale. Stamattina mi avrà telefonato in continuazione per darmi la carica ed incitarmi."   

Grande amarezza nelle parole del martellista Nicola Vizzoni: "Non ne faccio tanto una questione di 2 nulli o di 2 centimetri, ma di quasi due settimane di allenamento perse prima di Berlino per colpa delle ferita alla mano rimediata al controllo antidoping degli Assoluti. Del resto la tecnica non si improvvisa. Stavo bene, il martello girava e i ritmi c'erano solo che mi mancavano i tempi giusti per tenerlo dentro. Il primo lancio è finito fuori di meno mezzo metro, poi mi sono un po' spostato per provare a piazzare il secondo, ma non è andato dove volevo. A quel punto nel terzo mi sono preoccupato più di fare una misura valida. Peccato perchè dopo aver superato la qualificazione che era l'obiettivo minimo di questi Mondiali, pensavo che la sfortuna di Milano se ne fosse andata e di potermi giocare una bella finale. Invece si è ripresentata in finale. Questo è lo sport. Vorrà dire che Berlino avrà portato più fortuna al mio corregionale Marcello Lippi con la Nazionale di calcio che a me. Mi dispiace perchè il bronzo era a 78 metri."

a.g.

Programma Orario - Martedì 18 agosto (4^ giornata)
Sessione mattutina/Morning session
10:05   M       200 Metri       Batterie/Heats
10:05   M       Disco/DT        Qualificazione/Qualification
10:20   W       Alto/HJ         Qualificazione/Qualification    DI MARTINO
11:05   M       400 Metri       Batterie/Heats                  GALVAN
11:35   M       Disco/DT        Qualificazione/Qualification
12:05   W       1500 Metri      Batterie/Heats

Sessione pomeridiana/Afternoon session
18:05   M       Triplo/TJ       FINALE/FINAL
18:10   W       100 Metri Hs.   Batterie/Heats
18:55   M       200 Metri       Quarti di finale/Quarter-Final
19:25   W       Giavellotto/JT  FINALE/FINAL
19:35   W       400 Metri       FINALE/FINAL
19:50   M       3000 Metri St.  FINALE/FINAL
20:15   W       400 Metri Hs.   Semifinale/Semi-Final
20:50   M       400 Metri Hs.   FINALE/FINAL

Nella foto in alto, il martellista Nicola Vizzoni; in quella in basso Elisa Cusma (Giancarlo Colombo per Omega/FIDAL)

File allegati:
- Le foto dei Mondiali / Photos



Condividi con
Seguici su: