Leiria, "prima" sul podio per le donne in azzurro




 

Un'occhiata alle statistiche, per chiudere il discorso sulla prima edizione dell'Europeo per Nazioni, andato in scena a Leiria lo scorso fine settimana. La classifica globale, che ha assegnato il trofeo alla Germania, contiene al suo interno elementi molto interessanti. A partire dalle classifiche suddivise per sesso, non ufficiali nella nuova formula, ma comunque significative per chi si è sfidato su questo terreno per oltre tre decenni. Buone e cattive notizie per l'Italia. Le donne salgono sul podio continentale, da terze, per la prima volta nella storia. In testa, l'imprendibile Russia, con 181 punti (13 podi su 20 gare); seconda, ma staccata, la Germania, con 163; a quattro sole lunghezze dalle tedesche, ecco l'Italia, che migliora così il quarto posto della finale Super League di Madrid 1997. Uomini, al contrario, col fiato corto: per ritrovare una formazione italiana maschile all'ottavo posto in una finale A (come accaduto a Leiria), bisogna tornare indietro addirittura al 1977, la bellezza di 32 anni fa, quando la maggior parte di coloro che hanno gareggiato sabato e domenica doveva ancora nascere. Le ragazze hanno raccolto i frutti di una due giorni molto positiva, con ben sette podi nelle 20 gare del programma (una vittoria, quella di Libania Grenot nei 400 metri); nessuna vera controprestazione, e anzi, un paio di assenze (Romagnolo, in particolare, e Cattaneo) che hanno limitato la piena capacità della squadra. Discorso diametralmente opposto per i ragazzi, nel cui tabellino, alle due belle vittorie di Nicola Vizzoni e della 4x100, fanno da contraltare addirittura 3 ultimi posti (in torale, 5 podi in 20 gare). Le assenze in questo caso sono ancora più dolorose (alcuni nomi: Howe, Licciardello, Galvan, lo stesso Donato, seppur sostituito da un ottimo Schembri), anche se non possono spiegare da sole il rovescio portoghese. Per concludere, altri numeri interessanti: i tempi intermedi ufficiali delle staffette del miglio, così come comunicati da ST e Omega all'indomani delle gare.

m.s.

Le classifiche a squadre per sesso

Uomini
GBR                 166.5
GER                 163.5
FRA                 152.5
ESP                 152
POL                 142
RUS                 139
UKR                 124
ITA                 119
POR                 110 (2 vittorie)
GRE                 110 (0 vittorie)
CZE                 102.5
SWE                 75

Donne
RUS                 181
GER                 163
ITA                 159
FRA                 148.5
POL                 147
UKR                 141.5
GBR                 136.5
CZE                 111
GRE                 106.5
ESP                 105
POR                 90
SWE                 63

ITALIA                 3:06.35
JUAREZ, Isalbet                 47.75 stimato
RAO, Domenico                 46.47 stimato
VISTALLI, Marco                 46.37
FONTANA, Domenico                 45.76
 

ITALIA                 3:28.77
REINA, Daniela                 52.94 stimato
SPACCA, Maria Enrica                 53.27 stimato
MILANI, Marta                 51.97
GRENOT, Libania                 50.59
 

Nella foto, Libania Grenot in azione a Leiria (Giancarlo Colombo per Omega/FIDAL)



Condividi con
Seguici su: