La ''Regola del Motus'' da Papa Francesco

05 Novembre 2014


 

Lo scorso week-end il Motus Castegnato,società bresciana (che oggi conta circa 130 tesserati: un centinaio del settore giovanile fino agli Allievi e i restanti legati al mondo Master) ha portato a termine quella che ha definito “Operazione Franciscus”. Ha consegnato in Vaticano la propria carta di intenti legata all’atletica in oratorio, cui il sodalizio giallorosso è legato da sempre grazie alla parrocchia di San Filippo Neri a Castegnato (BS). «L’atletica in oratorio è stata una sorta di nostra scommessa, volevamo rendere pubblica la “Regola del Motus” anche a Roma e consegnarla anche alla FIDAL e al CSI» ha spiegato il presidente della società Francesco Foletti.

La “Regola del Motus” (vedi allegato: pag. 4-5) indica una serie di approcci costruttivi allo sport: ciascuno dei cinque approcci è simboleggiato da un cerchio di colore diverso. La delegazione del Motus Castegnato partita giovedì 30 ottobre per fare rientro in Lombardia domenica 2 novembre: ha consegnato la propria Regola ad una campionessa di sempre della velocità azzurra come Marisa Masullo, a don Alessio Albertini (in rappresentanza del CSI) e al  Re, che ha poi fatto pervenire il documento e una maglietta del sodalizio a Papa Francesco. Il Santo Padre ha salutato i ragazzi del Motus Castegnato al termine dell’Angelus di sabato 1° novembre.

(Cesare Rizzi - CR FIDAL Lombardia)

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: