Juniores prove generali di Europei

13 Giugno 2013

Sono 812 gli under 20 protagonisti della rassegna tricolore di Rieti che dal 18 al 21 luglio accoglierà anche la rassegna continentale di categoria

 

di Raul Leoni

L’edizione numero 56 dei Tricolori Juniores, dal 14 al 16 giugno, ritrova per la quarta volta nell’ultimo decennio la pista del “Guidobaldi”: un impianto rinnovato, quello di Rieti, che attende di ospitare la rassegna europea della categoria tra poco più di un mese (18/21 luglio), ma ciò che si augura lo staff tecnico diretto da Stefano Baldini è anche ritrovare quelle certezze che in questa prima parte della stagione sono state intaccate da qualche infortunio di troppo. A cominciare dai guai primaverili sofferti da Roberta Bruni che purtroppo constringeranno la primatista italiana assoluta indoor a saltare la rassegna tricolore under 20. L'astista della Studentesca CaRiRi ha comunque sfruttato la prima uscita all’aperto a Formia per togliere alla rivale Sonia Malavisi (Acsi Italia) il primato italiano dell’asta – 4.40 contro 4.36 della romana – e installarsi così al vertice anche nella lista continentale outdoor della specialità.

Altro duello da piani alti delle graduatorie europee è quello del triplo, tra Ottavia Cestonaro (Atl. Vicentina) e Francesca Lanciano (Cus Pisa Atl. Cascina): la vicentina è stata finora molto più avanti sul piano della condizione, mettendo a segno anche una prestazione di assoluto valore nelle prove multiple (titolo dell’eptathlon junior a Busto Arsizio, 5304 punti, davanti alla romana Flavia Nasella) e tuttavia la salentina, primatista italiana all’aperto (13.59), ha preferito affrontare un avvio di stagione più tranquillo. La gara tricolore di Rieti è l’occasione giusta per fare il punto della situazione.

Dati alla mano, le pedane dei salti al femminile offrono quindi gli spunti più spettacolari. Ma ecco gli altri temi della rassegna tricolore juniores, dalla quale i tecnici federali contano di avere le ultime indicazioni per la formazione da presentare tra un mese su questa pista: una spedizione che vuole essere competitiva ed anche rappresentativa del movimento, tanto che si punta a portare agli Europei oltre 60 atleti.

A RIETI ANCHE RIGAUDO E BANI - Sabato 15 giugno, su indicazione della Direzione Tecnica Federale, ci saranno anche due big della Nazionale assoluta in gara a Rieti. Alle 9:15 il bronzo olimpico di Pechino 2008, Elisa Rigaudo (Fiamme Gialle) si cimenterà in un test nei 10000 metri in pista nel corso della gara Promesse. Nella giornata d'apertura (ore 19:40) in pedana nel giavellotto è attesa la pluricampionessa italiana Zahra Bani (Fiamme Azzurre).

VELOCITA’ E OSTACOLI - Sulla scorrevolezza della magica pista reatina puntano in modo convinto gli sprinter e gli ostacolisti: in grande evidenza nel suo approccio stagionale Lorenzo Perini (approdato all’Aeronautica dall’Osa Saronno), capace di scendere sui 110hs a 13”56, seconda prestazione europea dell’anno in questo momento. E poi c’è da chiarire il potenziale delle staffette azzurre: l’intento federale è quello di coprire tutti e quattro i quartetti, approfittando dell’impegno casalingo e – per almeno tre formazioni – i giochi sembrano ormai fatti. Con il buon rientro di Silvia Corbucci (Cus Bologna), mai così in palla dalla sua prima stagione tra le allieve, e con i progressi del pugliese al primo anno Luca Cassano (Firenze Marathon), il gruppo delle staffette veloci appare rinforzato: buono il primo test in gara, nel Meeting di Gavardo il 19 maggio (40”33 per i ragazzi, 46”02 rivedibile per le ragazze).  Notevole il potenziale di base in campo maschile: con la sicurezza Eseosa Desalu (Fiamme Gialle) e con un veterano ritrovato come Lorenzo Bilotti (Atl. Imola Sacmi Avis), sono usciti finora miglioratissimi nomi come Roberto Rigali (Atl. Vallecamonica) o Simone Pettenati (Modena Atl.), mentre il reatino Enrico Nobili (Stud. Cariri) si è riproposto su distanze più brevi con ottimi risultati. Da vedere l’ex tricolore cadetti Jacopo Spanò (Atl. Calvesi), ora di stanza negli Usa (High School nello Utah) con ottime credenziali.

Tra le ragazze, attenzione anche alla veronese di origini domenicane Johanelis Herrera (Bentegodi), con le reduci dei Mondiali di Barcellona 2012 Sabrina Galimberti (Atl. Rovellasca), Francesca Scapin (Atl. Vicentina) e Martina Piergallini (Sef Stamura Ancona). Per quanto riguarda la velocità prolungata, prospettive discrete per la 4x400m femminile – con Irene Morelli (Osa Saronno) leader provvisoria sul piano e sugli ostacoli – mentre al momento nessuno è in possesso del minimo sul giro di pista in campo maschile: e qui deve soccorrere l’anello reatino, anche se il miglior tempo stagionale è di Ivan Nichik (Cus Parma), non selezionabile in azzurro perché di nazionalità russa. Di certo appare più solida la posizione delle ragazze, che possono contare sulla dominatrice della stagione indoor Lucia Pasquale (Olimpia Club) e sulla pluricampionessa italiana cadette e allieve Ilenia Vitale (Lib. Friul Palmanova): curiosità per il rientro dall’estero di Raphaela Lukudo (Mollificio Modenese). A parte i progressi dei citati Perini e Morelli, le distanze con barriere hanno finora offerto pochissimi sprazzi: buona la recente uscita di Giada Carmassi (Gemonatl.) in Slovenia, 14”00 al Meeting di Velenje.

MEZZOFONDO - Il settore più penalizzato dagli infortuni è proprio quello del mezzofondo, colpiti due protagonisti di una frizzante stagione invernale segnata da miglioramenti a ripetizione dei record nazionali: il feltrino Emilio Perco potrebbe forse recuperare dal suo infortunio muscolare in tempo per gli Europei, ma ben difficilmente ci riuscirà Federica Del Buono, afflitta da un grave problema alla caviglia. Fortunatamente questo avvio di stagione ha confermato le doti dei gemelli livornesi Lorenzo e Samuele Dini (Atl. Livorno), che possono ambire al podio europeo sulle distanze più lunghe e dopo i Campionati Italiani decideranno anche come dividersi la partecipazione tra 5000 e 10000 metri. Non solo: gli 800 metri hanno proposto un elemento interessante come Enrico Riccobon (Athletic Club Belluno), già in evidenza nelle categorie giovanili per le spiccate doti tattiche e in questa ottica capace di farsi valere soprattutto nelle gare titolate. Alla resa dei conti, la distanza più inflazionata è proprio quella degli 800: con Perco e Riccobon si presentano in gran spolvero dopo l’esibizione di Caprino Veronese la novità Stefano Migliorati (S.Rocchino) ed anche la giuliana con origini nella Sierra Leone Joyce Mattagliano (Brugnera Friulintagli). In seconda schiera la siciliana di stanza in Toscana Giulia Aprile (Firenze Marathon) e la vincitrice della prova giovanile del Golden Gala, Silvia Pento (Atl. Vicentina). Sulle distanze più lunghe al femminile, finora la più brillante è stata Anna Stefani (Asv Sterzing VB): ma il potenziale - soprattutto della classe ’95 - appariva solo un anno fa molto più alto.  Le siepi pagano i ritardi di condizione di Sveva Fascetti e di Italo Quazzola, azzurri ai Mondiali juniores 2012 con prestazioni allora piuttosto convincenti: e i ritardi burocratici che tengono ancora i gemelli tunisini Osama e Ala Zoghlami (Cus Palermo) lontani dalla maglia azzurra.

MARCIA - Come i mezzofondisti, anche i marciatori si ritroveranno prima degli Europei a Moena: l’elemento trainante per quanto fatto vedere in questa metà dell’anno è sicuramente Vito Minei (Atl. Don Milani), bronzo nella prova su strada valida per la Coppa Europa di Dudince. E comunque in buona ripresa, soprattutto sul piano della convinzione, è apparsa l’ex olimpionica giovanile Anna Clemente (Fiamme Gialle). Sempre in chiave pugliese un outsider di lusso come Francesco Fortunato (Enterprise Sport & Service), con un bel ritorno ai vertici tra le ragazze della reggina Alessia Costantino (Atl.

Reggina) – già brillante al debutto nei Mondiali U18 di Lille 2011 – e i progressi stagionali della romana Mariavittoria Becchetti.

SALTI – Detto dei mezzofondisti Perco e Del Buono, un altro primatista nazionale al coperto che si attende in via di recupero verso gli Eurojuniores è Marcel Jacobs (Virtus CR Lucca), 7.75 il suo eccellente record nel lungo indoor: il texano di Desenzano del Garda è in forse per la gara di questo fine settimana, ma potrebbe essere in grado di rispondere alla convocazione in tempo per il raduno pre-campionato di Rieti che inizierà ai primi di luglio. Certo è che in campo azzurro si lavora anche per riproporre a buon livello i due finalisti del lungo al Mondiale allievi di Lille 2011: quello Stefano Braga (Atl. Piacenza) che strappò addirittura il bronzo e anche Riccardo Pagan (Coin Venezia), che in quell’occasione venne fermato da un infortunio nella sua corsa al podio. Come pure si guarda all’attuale condizione dell’argento femminile di quella edizione iridata, la sassarese Anastassia Angioi (Forestale), nelle quinte dopo il debutto indoor. Finora i salti hanno offerto le cose migliori proprio al coperto: in particolare l’alto femminile, che aveva portato tre ragazze oltre l’1.81 durante i mesi invernali – si tratta di Desirée Rossit (Fiamme Oro), Anna Pau (Atl. Prato) e Debora Sesia (Sisport Fiat) – ma anche i salti in elevazione maschili (l’alto con il figlio d’arte cagliaritano Eugenio Meloni e l’asta con il prodotto del vivaio gialloverde di Ostia Francesco Sinno).

LANCI - Il settore punta soprattutto sul discobolo Martin Pilato (Atl. Ravenna) e sul martellista Marco Bortolato (Udinese Malignani): due ragazzi che avevano dimostrato di farsi valere nelle occasioni che contano, con la finale conquistata due anni fa ai Mondiali U18 di Lille. Al gruppo si unirà dopo la conclusione dell’anno scolastico anche il pesista-discobolo italo-peruviano Gian Piero Ragonesi, visto da noi nella stagione al coperto: per ora a Rieti si prospetta un bel duello tra il marchigiano Lorenzo Del Gatto (Tecno Adriatl. Marche) ed il campano Rocco Caruso (Atl. Gran Sasso). In possesso del minimo continentale c’è pure Andrea Caiaffa (Fiamme Oro) nel disco. In campo femminile - con la veterana delle giovanili azzurre, la pesista reggina Monia Cantarella (Stud. Cariri) – una bella novità è rappresentata dalla varesina di Cantello Silvia Zanini (N. Atl. Varese), in progresso esponenziale nel disco alle spalle di una primatista italiana allieve, Mariantonietta Basile (Enterprise Sport & Service) tornata a ridosso dei 50 metri. Da rivedere il resto, con un momento di impasse soprattutto nel giavellotto: il materiale umano per la verità sembra esserci, bisognerà lavorarci sopra.

TV e DIRETTA STREAMING - La tre giorni dei Campionati Italiani Juniores e Promesse di Rieti sarà trasmessa integralmente in diretta streaming attraverso l'apposito servizio www.fidal-live.tv. Una sintesi televisiva, anch'essa autoprodotta dal FIDAL, andrà in onda nei prossimi giorni su RaiSport. Gli orari saranno comunicati in seguito. 

LISTE ITALIANE JUNIORES ALL-TIME

SEGUICI su Twitter [@atleticaitalia] #rieti2013 | Facebook

CAMPIONATI EUROPEI JUNIORES - Rieti (ITA) 18-21 Luglio - Criteri FIDAL - Sito Web

CAMPIONATI EUROPEI U23 - Tampere (FIN) 11-14 Luglio - Criteri FIDAL (aggiornati al 3/5/2013) - Sito Web

CAMPIONATI MONDIALI 2013 - Mosca (RUS) 10-18 Agosto - Criteri FIDAL - Sito Web

File allegati:
- ISCRITTI/Entries


Condividi con
Seguici su: