Gli Invernali dei lanci, test in proiezione contin




 
Primo importante appuntamento stagionale per gli specialisti dei lanci (peso a parte, inserito nel programma delle prove indoor). Dopo le fasi regionali che hanno già offerto interessanti spunti, il campo scuola Mauro Bracciolani di Ascoli Piceno ospita sabato e domenica i Campionati Italiani Invernali, test fondamentale per la costituzione della squadra azzurra che parteciperà alla Coppa Europa di lanci in programma il 18 e 19 marzo a Tel Aviv. E’ chiaro che quest’anno la manifestazione continentale assume un’importanza diversa da quella delle altre stagioni, perché sarà una sorta di antipasto degli Europei di Goteborg, il massimo appuntamento del 2006. Proprio pensando, però, alla manifestazione svedese, alcuni big italiani hanno scelto di “passare la mano” e prolungare la preparazione senza test agonistici. Si tratta di quegli atleti che vengono da piccoli o grandi infortuni e che non vogliono rischiare nulla per costituire l’ossatura della squadra azzurra in Svezia. La gara principale, in base all’elenco di partecipanti e ai precedenti, sembra essere il martello femminile, intanto perché lo scorso anno Ester Balassini piazzò subito una bordata oltre i 70 metri, poi perché Clarissa Claretti ha ottenuto nella fase regionale 67,45 metri, misura che la inserisce all'11° posto al mondo quest’anno. La lotta fra le due (ma andranno seguite con attenzione anche le giovani Salis e Gibilisco) potrebbe farle salire notevolmente nella graduatoria mondiale, capeggiata dalla russa Khanafeyeva con 71,60. Nel disco femminile difficile pensare a una sconfitta della Bordignon, anche perché la Checchi è sempre più concentrata sul peso, mentre nel giavellotto sono ancora ferme in infermeria Coslovich e Marin, che rivedremo in pedana in primavera. Disco verde quindi per Zahra Bani, che proprio agli Invernali dello scorso anno a Vigna di Valle prese l’abbrivio per una stagione splendida, culminata con il quinto posto ai Mondiali di Helsinki. In campo maschile defezione dell’ultim’ora è quella di Nicola Vizzoni, che a meno di recuperi miracolosi non dovrebbe essere in gara ad Ascoli dopo aver accusato un piccolo risentimento in allenamento. Il capitano azzurro vuole però essere della partita a Tel Aviv. La gara di lancio del martello sarà comunque interessante per vedere se Marco Lingua, tricolore lo scorso anno, si confermerà contro i nuovi talenti capeggiati dall’ex campione europeo juniores Povegliano. Nel disco l’unica assenza di rilievo è quella di Stefano Lomater, il che non inficia l’incertezza della competizione nella quale Andrei, Fortuna e Kirchler partono tutti con l’ambizione di vincere. Nel giavellotto fari puntati su Francesco Pignata, che potrebbe subito piazzare una misura interessante inserendosi in un panorama internazionale già piuttosto ricco di nomi e di Nazioni. Non ci sarà invece il giovane Gottardo, al suo primo anno juniores, alle prese ancora con qualche fastidio alla spalla di lancio. Si comincia sabato con le gare di martello e giavellotto. g.g. Nella foto: Clarissa Claretti, undicesima nelle graduatorie mondiali stagionali con 67,45 metri (foto Omega/FIDAL) File allegati:
- IL PROGRAMMA ORARIO
- L'ELENCO DEI QUALIFICATI
- LA SITUAZIONE MONDIALE AL 28 FEBBRAIO


Condividi con
Seguici su: