GGG: formazione e aggiornamento

30 Novembre 2014

In atto una serie di corsi e di iniziative di approfondimento per il Gruppo Giudici Gare

 

La breve pausa autunnale rappresenta per il Gruppo Giudici Gare il momento tradizionalmente dedicato alle iniziative di formazione e di approfondimento. La città di Riccione è stata la location dell’ultimo stage di formazione per i cinquanta corsisti nazionali che il 17 gennaio prossimo sosterranno, presso la sede federale, l’esame per entrare nei ruoli di Giudice Nazionale, il livello base da cui partire per raggiungere le successive specializzazioni. Oggetto dello stage sono stati il controllo della marcia, il ruolo del giudice di partenza e le gare no-stadia. Durante lo stage, che ha visto la partecipazione attiva dei discenti, sono state fornite le indicazioni per i prossimi due anni in tema di reclutamento. Giudici di marcia, partenza e UTNS (no-stadia) sono e saranno al centro di una intensa attività tesa a ringiovanire e rafforzare gli albi operativi nazionali.

La “retraining session” per Direttori di Gara, Arbitri Call Room, Capi servizio Tic e Arbitri alle partenze ha visto invece la presenza di 35 giudici dei ruoli nazionali che hanno esaminato video, situazioni concrete e la casistica emersa dall’attività internazionale dell’anno che si va concludendo. Il metodo di lezione, che ha visto i partecipanti esporre problematiche specifiche e fattispecie realmente avvenute, con soluzioni interpretative fornite da tutta l’aula, ha consentito di meglio definire e caratterizzare queste figure che, con l’innalzamento del livello organizzativo dei maggiori eventi nazionali, hanno assunto un ruolo fondamentale nell’economia di una manifestazione.

Nel corso di questo week-end a Padova è andata invece di scena la sessione di aggiornamento e verifica quadriennale per tutti i giudici dell’area Nord-Est. Ad essere interessati sono stati 35 Giudici nazionali provenienti da tutto il Triveneto e dall’Emilia-Romagna che si confronteranno su Regolamento e casistica, al fine di operare un livellamento verso l’alto delle conoscenze e delle tematiche applicative. Nel frattempo si sono svolti, nelle undici regioni che hanno portato a termine il programma, gli esami per l’abilitazione alla mansione di Giudice Regionale oltre che delle singole specializzazioni. Al termine degli stessi sono stati abilitati 64 nuovi Giudici Regionali, 20 Delegati Tecnici Regionali Stadia e 11 no-stadia, nuova linfa per l’attività agonistica regionale e un piccolo segnale positivo in un quadro di oggettiva difficoltà di reclutamento a livello locale.

(da comunicato a cura del Gruppo Giudici Gare)

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: