Folorunso 52.99 sui 400 della Finale Oro

24 Settembre 2016

Nella finale-scudetto di Cinisello Balsamo (Milano) l'ostacolista azzurra demolisce il PB sul giro di pista. Dopo 11 gare al comando i campioni uscenti di Riccardi Milano e Bracco Atletica.


 

di Alessio Giovannini

Conclusa allo Stadio "Gaetano Scirea" di Cinisello Balsamo (Milano), la prima giornata della Finale Oro dei Campionati Italiani Assoluti di Società. Dopo undici gare guidano le classifiche i club campioni in carica ovvero gli uomini dell'Atletica Riccardi Milano (62 punti su Enterprise S&S 59,5 e CUS Palermo 37) e le donne della Bracco Atletica (67 punti su Acsi Italia 61 e Atl. Brescia 1950 38). L'acuto di oggi arriva dai 400 metri a firma dell'ancora 19enne Ayomide Folorunso che vince con il personal best limato di ben 28 centesimi a 52.99 correndo in prima corsia. Per la quattrocentista ad ostacoli, quarta agli Europei di Amsterdam e semifinalista a Rio, è il terzo PB in tre gare: meno di due settimane fa si era migliorata anche sui 200 (23.53) e sui 100 metri (11.83). Dietro di lei altre due componenti della 4x400 nazionale sesta alle Olimpiadi, ovvero Maria Enrica Spacca (53.23) e Maria Benedicta Chigbolu (53.76). Domani la ritroveremo in pista nella sua specialità d'elezione. Ultimo confronto di fine stagione nell'alto con Alessia Trost che supera 1,86 a 1,82 la corregionale Desirèe Rossit con cui ha condiviso l'esperienza della finale a cinque cerchi. Nei 1500 vittoria in solitaria del bronzo europeo indoor Federica Del Buono (4:12.06) in un gara che ha visto al terzo posto la vicecampionessa continentale di mezza maratona Veronica Inglese (4:27.51 PB). Nei 100 metri successi di Federico Cattaneo (10.63/-0.5) e Audrey Alloh (11.98/-0.3). Nei 100hs la primatista italiana Veronica Borsi mette tutte in fila controvento in 14.00 (-1.7), mentre il 22enne Ala Zoghlami va a segno in volata sui 3000 siepi in 8:42.21. Primato personale, infine, nei 5000 metri di marcia per Valentina Trapletti (21:40.45) con la gara maschile di 10.000 metri vinta da Francesco Fortunato (40:52.39). Domani, a partire dalle ore 9, la seconda e conclusiva giornata della rassegna tricolore con l'assegnazione degli scudetti 2016.

RISULTATI/Results - FOTO/Photos - ORARIO/Timetable

TV e STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta streaming su fidal.idealweb.tv. Inoltre una sintesi televisiva, autoprodotta dalla FIDAL, andrà in onda su RaiSport nei prossimi giorni.

IL RACCONTO DELLA PRIMA GIORNATA

10.000m marcia uomini - Quest'anno, se il bersaglio è tricolore, Francesco Fortunato non si lascia sfuggire l'occasione per andare a segno. Il finanziere dell'Enterprise Sport & Service oggi dà vita ad un bel duello con il veneto Leonardo Dei Tos (Athletic Club 96 AE) che tiene le redini della gara per quasi 8 chilometri. Poi l'ancora 21enne pugliese - nel 2016 campione italiano assoluto indoor e outdoor - prende progressivamente il largo e va a vincere in 40:52.39. Il passaggio dei battistrada a metà gara è di 21:14.0, con Dei Tos che chiude in seconda posizione nel tempo di 41:01.75. Terzo il cinquantista azzurro Teodorico Caporaso: 43:59.26 per l'ingegnere dell'Enterprise S&S davanti a Jean Jacques Nkouloukidi (E.Servizi Futura Roma) 44:58.40.        

5000m marcia donne - La campionessa d'Italia Valentina Trapletti ritocca per la quarta volta in un anno il PB sui 5000 metri. Oggi la 31enne lombarda della Bracco Atletica conquista agevolmente la vittoria fermando il cronometro a 21:40.45, guadagnando più di un secondo rispetto al suo precedente limite (21:42.05 il 26 luglio a Trento). Progresso ancora più considerevole per la ventenne bergamasca Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950) che migliora da 23:14.16 a un 22:28.37 che le vale il secondo posto. Terza Diana Cacciotti (ACSI Italia) con 22:55.96 "in volata" su Sibilla Di Vincenzo (Bracco Atletica) 22:55.98.

Triplo uomini - Il 27enne lettone Elvijs Misans (Enterprise S&S) ribalta in suo favore le sorti della gara grazie ad un hop-step-jump da 16,12 (+1.0) con cui passa al comando al terzo turno di salti. Ha al suo attivo un personale di 16,77 (8,08 nel lungo) e quest'anno agli Europei di Amsterdam è arrivato nono. Dietro di lui, il tricolore assoluto Daniele Cavazzani (Studentesca Milardi Rieti) con 15,51 (+0.2) e lo junior Mohamed Chahboun (Cento Torri Pavia) con 15,25 (+1.1).

4x100 donne - Netta vittoria per la Bracco Atletica, con oltre mezzo secondo di vantaggio sulle avversarie: Annalisa Spadotto Scott, Daniela Tassani, Marta Maffioletti e Martina Lorenzetto chiudono in 46.24.

La volata tra Gs Valsugana Trentino (Abigail Gyedu, Marinella Maggiolo, Monica Lazzara, Silvia Corbucci) e il team capitolino dell’Acsi Italia Atletica (Elisabetta De Andreis, Dariya Derkach, Veronica Borsi, Ilenia Draisci) finisce 46.78 a 46.79 nella prima serie, per gli altri due gradini del podio.

4x100 uomini - Anche quest’anno gli sprinter della Riccardi Milano si aggiudicano la staffetta veloce della Finale Oro, stavolta con il quartetto composto da Federico Cattaneo, Simone Tanzilli, Giacomo Tortu e Giovanni Galbieri in 40.71. Alle loro spalle ci prova il Cus Palermo (Erasmo Caruso, Samuel Zappalà, Andrea Spezzi, Federico Ragunì), che lotta fino al traguardo per chiudere poco distante in 40.88, mentre il terzo crono (41.16) arriva dalla prima serie con l’Enterprise Sport & Service (Giampaolo Ippolito, Ciro Riccardi, Gaetano Di Franco, Elvijs Misans).

Giavellotto uomini - Bel botta e risposta tra il campione italiano assoluto Roberto Bertolini (Cento Torri Pavia) e il lettone, bronzo mondiale junior 2008, Ansis Bruns (Enterprise S&S). Succede tutto al quarto turno di lanci dove l'azzurro, fino a quel momento al comando con 71,80, si vede superato dal 75,46 dell'avversario. Bertolini prova a reagire, ma il suo 72,66 all'ultima prova non è abbastanza per riprendersi gli 8 punti. Terzo il 21enne Roberto Orlando (Virtus CR Lucca) con 65,23.

Peso donne - Uno-due dell'ACSI Italia a firma di Julaika Nicoletti (15,52) e della capitana discobola Laura Bordignon (14,74). Terza la 24enne Francesca Stevanato (Atl. Brescia 1950) con 14,34.

3000 siepi uomini - Si decide sull'ultima barriera il testa a testa tra Ala Zoghlami (8:41.21) e Hosea Kimeli Kisorio (8:42.02). Il giovane siepista azzurro che corre per il Cus Palermo lo affronta con maggior decisione e negli ultimi metri ha ancora la forza per scavalcare il keniano della Virtus Lucca. Più staccato Soufiane Elkounia (8:48.99) dell'Athletic Club 96.

3000 siepi donne - La tricolore assoluta Francesca Bertoni (La Fratellanza 1874) mette tutte in fila in una gara vissuta da protagonista e conclusa in 10:33.66 (passaggi: 3:35.1/1000m e 7:01.6/2000m). Dietro di lei è la volta di Federica Casati (Bracco Atl.) 10.48.71 e Laura Dalla Montà (GS Valsugana Trentino) 10.55.48.

Disco uomini - L'aviere Federico Apolloni, oggi in maglia Firenze Marathon, si vede superato (53,22 a 53,45) al secondo turno dalla promessa Martin Pilato (La Fratellanza 1874), ma la reazione del 29enne romano non tarda ad arrivare. In successione per lui 53,87 e 55,67. Pilato chiude, invece, con 53,49. Terzo Daniel Compagno (Athletic Club 96 AE) 53,16 davanti al 51,18 dello junior Leonardo Fabbri (Firenze Marathon).

Triplo donne - La leadership di Ottavia Cestonaro non è mai in discussione. La forestale dell'Atletica Vicentina apre la sua serie con 13,16 (+1.8) e poi aggiunge altri due centimetri grazie ad un 13,18 (+0.9) che resterà la miglior misura dell'intera competizione. Dietro la campionessa europea junior del 2013 è la volta della tricolore assoluta Dariya Derkach (ACSI Italia) con 13,06 (+0.4) seguita da Maria Moro (Bracco Atl.) 13,04 (+0.9).

1500 uomini - Il finale allo sprint lo risolve a suo favore Soufiane El Kabbouri (Riccardi Milano, 3:49.29) che trova uno spunto migliore di quello di Yassine Rachik della Cento Torri Pavia (3:49.97). Riccardo Tamassia per la Fratellanza Modena completa il podio tutto datato 1993 (3:50.31).

1500m donne - Federica Del Buono fa praticamente tutto da sola e lascia in fretta il resto della compagnia. 2.23.5 il passaggio agli 800 metri della forestale dell'Atletica Vicentina che poi prosegue indisturbata al comando (2:50.0/1000m e 3:25.9/1200m) vincendo in solitaria in 4:12.06. Nettamente staccata Elisa Bortoli (Atl. Brescia 1950) 4:23.81, mentre al terzo posto spunta la vicecampionessa europea di maratona Veronica Inglese (ACSI Italia) che sfrutta l'occasione per migliorarsi a 4:27.51. Quinta - alle spalle di Joyce Mattagliano (Brugnera Friulintagli) 4:29.43 - l'allieva Marta Zenoni (Bergamo 1959 Creberg) in ripresa dopo i problemi fisici che l'hanno messa fuori gioco negli ultimi mesi. La talentuosa azzurrina oggi stringe i denti nel finale e porta a termine la sua prova in 4:29.70.

400 uomini - Piazza entrambi i suoi atleti sul podio la E.Servizi Futura Roma. Il più veloce è Mario Di Giambattista, con il 47.48 che gli basta per mettersi alle spalle l'ostacolista azzurro Mario Lambrughi (Atletica Riccardi Milano) 47.85 e il compagno della formazione capitolina Emanuele Grossi (48.51).

400m donne - In pista ci sono tre quarti della 4x400 azzurra sesta ai Giochi Olimpici dove ha riscritto anche il record italiano. E, infatti, il podio di giornata è monopolizzato dalle tre quattrocentiste dell'Italia Team: nell'ordine, Ayomide Folorunso (CUS Parma) 52.99, Maria Enrica Spacca (Studentesca Rieti Milardi) 53.23 e Maria Benedicta Chigbolu (Studentesca Rieti Milardi) 53.76. Attenzione al tempo della Folorunso perchè "Ayo", ora in forza alle Fiamme Oro, abbatte il muro dei 53 secondi e demolisce il primato personale outdoor di ben 28 centesimi (al coperto ha 53.16) correndo in una non certo agevole prima corsia.

E in attesa di compiere 20 anni il prossimo 17 ottobre, l'azzurra colleziona il terzo PB consecutivo in tre diverse gare consecutive dopo il 23.53 sui 200 (12 settembre) e l'11.83 sui 100 (13 settembre). E domani la vedremo di nuovo in azione sui 400hs, la specialità che quest'anno l'ha vista quarta agli Europei di Amsterdam e semifinalista olimpica.

Asta uomini -
Otto punti alla Enterprise: li garantisce il lettone Mareks Arents (atleta con un PB di 5,70) con il 5,40 superato al secondo tentativo, prima di tre errori ai 5,55, mentre gli altri si erano già fermati su quote più contenute. Vale 5,10 il secondo posto di Marco Boni (Assindustria Sport Padova), con 4,80 è terzo Matteo Rubbiani della Fratellanza Modena.

100m uomini - Il pronostico della vigilia non viene smentito con due atleti dell'Atletica Riccardi Milano sul podio. Vittoria per Federico Cattaneo in 10.63 (-0.5), quattro centesimi meglio del compagno di squadra e campione europeo U23 Giovanni Galbieri (10.67). In mezzo a loro sbuca Gaetano Di Franco con un 10.65 che vale 7 punti per i campani dell'Enterprise S&S.  

100m donne -
L'azzurra Audrey Alloh sfoggia un inedito look con i capelli biondi ed è l'unica atleta in pista a scendere sotto i 12 secondi. Il suo 11.98 (-0.3) regala 8 punti all'Atletica Firenze Marathon e le permette di superare la milanese Marta Maffioletti (Bracco Atletica) 12.06 (-0.5). Sei punti e terzo posto la romana Ilenia Draisci (ACSI Italia Atletica) 12.09 (-0.3).

Alto donne - Ultimo scontro di fine stagione tra Alessia Trost e Desirèe Rossit. Le due azzurre che a Rio 2016 hanno condiviso l'emozione della finale olimpica oggi si ritrovano in pedana a Cinisello Balsamo con le maglie delle società civili in cui sono cresciute: Brugnera Friulintagli per la Trost e Malignani Libertas Udine per la Rossit. In questa occasione quello che conta di più è il piazzamento per massimizzare il punteggio dei rispettivi club. La Trost ha qualche incertezza di troppo a 1,82, ma il suo terzo assalto è quello giusto e da qui anche il successivo 1,86 è centrato alla prima: è il salto vincente che vale 8 punti. La Rossit, infatti, dopo aver superato senza intoppi 1,82, si gioca una sola prova (sbagliata) a 1,86 e poi tenta il colpaccio a 1,88. Niente da fare, però, per lei a questa quota dove anche la Trost alza bandiera bianca. Podio interamente friulano completato dalla promessa Eleonora Omoregie (Malignani Libertas Udine) con 1,80.

110hs - Una maglia rossoblu tra due canotte biancoverdi. E' quella di Luca Trgovcevic (Studentesca Milardi Rieti) che sfida anche un muro di vento (-3.3) e si prende gli 8 punti della vittoria in 14.37. Battuti i due ostacolisti dell'Atletica Riccardi Milano, Carlo Giuseppe Redaelli (14.49) e Ivan Mach di Palmstein (14.56).

100hs -
Veronica Borsi fa valere il suo rango di primatista italiana assoluta e, malgrado il vento contrario (-1.7), mette in fila tutte in 14 netti. 8 punti per le capitoline dell'ACSI Italia Atletica. Seconda Sara Balduchelli (Bracco Atletica) 14.07 e terza la junior Abigail Gyedu (GS Valsugana Trentino) 14.11. Quinto posto in 14.44 per la campionessa europea under 18 Desola Oki (CUS Parma), alle spalle di Giada Carmassi (Brugnera Friulintagli) 14.31.

Martello donne -
I primi 8 punti della giornata vanno nella cassaforte del CUS Parma che grazie alla junior Sara Fantini centra la vittoria nel martello con un lancio da 58,71. Dietro di lei Noa Ndimurwanko (GS Valsugana Trentino) 56,92 e Nadia Maffo (Malignani Libertas Udine) 56,17.

IL REGOLAMENTO – Ogni squadra potrà schierare 20 atleti in almeno 16 diverse specialità (non più di due per ogni gara individuale e non più di una staffetta). Ogni singola prova assegnerà 8 punti al vincitore, 7 al secondo classificato, 6 al terzo, 5 al quarto, 4 al quinto, 3 al sesto, 2 al settimo e un punto all’ottavo: la squadra che collezionerà più punti sarà proclamata campione d’Italia.

Finale "ORO" - Cinisello Balsamo (MI), 24-25 settembre 2016
CLUB MASCHILI: Enterprise Sport&Service, Atletica Riccardi Milano 1946, Studentesca Rieti Andrea Milardi, Athletic Club 96 AE, Atletica Firenze Marathon, La Fratellanza Modena 1874, E.Servizi Atletica Futura Roma, Virtus CR Lucca, Atletica Cento Torri Pavia, CUS Palermo, Assindustria Padova, Atletica Vicentina.
CLUB FEMMINILI: Studentesca Rieti Andrea Milardi, ACSI Italia Atletica, Atletica Brescia 1950, Bracco Atletica, CUS Parma, GS Valsugana Trentino, La Fratellanza Modena 1874, Atletica Vicentina, Atletica Firenze Marathon, Atletica Malignani Libertas Udine, Atletica Brugnera Friulintagli, Atletica Bergamo 1959 Creberg.

CdS ASSOLUTI 2016 - LA COMPOSIZIONE DELLE FINALI NAZIONALI

ISCRITTI/Entries:
Finale ORO: Cinisello Balsamo (MI)
Finale ARGENTO: Orvieto (TR)
Finale B Nord-Est: Conegliano (TV)
Finale B Nord-Ovest: Torino
Finale B Tirreno: Agropoli (SA)
Finale B Adriatico: Montecassiano (MC)

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it


L'arrivo dei 100 metri vinti da Federico Cattaneo (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: