Eugene, avanti anche Folorunso

25 Luglio 2014

Ayo è la quinta finalista di oggi, l'azzurra promossa nei 400hs (58.47 PB)

 

di Raul Leoni

Arriva nel pomeriggio anche la quinta finalista della giornata per la spedizione azzurra: Ayomide Folorunso (PB 58.47) centra il secondo posto che serve nell’ultima semifinale dei 400hs, alle spalle della leader stagionale Sharien Little. Il meglio della giornata in casa Italia arriva dalla sessione del mattino. Quattro azzurri conquistano la finale ai Mondiali juniores di Eugene: in apertura di giornata si scatena Gian Piero Ragonesi nelle qualificazioni del disco, quarto con 60.30 (seconda prestazione italiana di sempre dietro il record di Eduardo Albertazzi, 61.50). Poi Lorenzo Dallavalle centra la promozione diretta nel triplo all’ultimo salto (ottavo con 15.99/+2.4, sua miglior misura di sempre benché ventosa). Finale e primato italiano allievi sui 3000m siepi per Yohanes Chiappinelli: il senese di origini etiopiche sigla il quarto tempo delle batterie (8:46.82, quinto “under 20” di sempre oltre che MPN allievi). Infine Erika Furlani nell’alto: l’argento dell’alto allievi di Donetsk salta al terzo tentativo la quota richiesta di 1.85 (anche se le sarebbe bastata la misura inferiore): fuori per falli una sfortunatissima Eleonora Omoregie (15^), che era stata in “zona qualificazione” dopo aver saltato 1.82 alla terza prova. Promosso in semifinale negli 800m il bellunese Enrico Riccobon (terzo nella sua batteria con 1:49.96, 12° tempo del turno). Dietro il giapponese Daisuke Matsunaga in molti stabiliscono il proprio PB su pista: tra questi i due azzurri Gregorio Angelini (23° in 43:34.10) e Daniele Todisco (24° in 43:47.06).   

Gli altri protagonisti di giornata. Detto della cavalcata solitaria del giapponese Daisuke Matsunaga, al record dei campionati nella marcia 10000m (39:27.19), il pomeriggio si apre con la finale del martello che presenta il qatariano Ashraf El Seify, primatista del mondo e campione uscente a Barcellona 2012. Il gigante del Golfo  mette a segno una serie tutta oltre gli 80 metri (top stagionale a 84.71, anche se inferiore al suo record mondiale di 85.57). Non c’è filotto per la turca Emel Dereli nel peso: dopo aver vinto nel 2013 i Mondiali allieve e gli Europei juniores (18.04 che qui sarebbe bastato), qui deve accontentarsi del bronzo nella finale dominata dalla cinese Guo Tiangian (17.71). Poi si passa in pista: al termine dei 400hs maschili, più che il neo-campione giamaicano Jaheel Hyde (49.29), festeggia il ragazzo del Bahrein Ali Khamis, autentico personaggio di questa rassegna, argento grazie al terzo primato nazionale in tre giorni (49.55). Perché la “fidanzatina d’America” Kaylin Whitney vinca finalmente un titolo - quello dei 200m (22.82 ventoso, +2.4) - ci vuole un trattamento di riguardo e la “grazia” speciale dopo un’evidente falsa partenza: sul podio anche l’oro di Donetsk, Irene Ekelund (ancora allieva, 22.97) e un’atleta tra le più discusse di questi Campionati, l’ecuadoriana Angela Tenorio. Poi la tribuna impazzisce per la volata di Trentavis Friday nella prova maschile, anche perché ne esce un 20.04 migliore del record dei Campionati detenuto dal nostro Andrew Howe (20.28 a Grosseto 2004): ci sarebbe troppo vento (+2.3), ma tradizionalmente non se ne dovrebbe tener conto per quanto riguarda i CR. E il record mondiale di Usain Bolt è a 19.93. Giro di pista donne: non c’è suspence, tale è la superiorità della sesta junior di sempre Kendall Baisden (basta un 51.87 per l’americana, che vanta 50.46). I primi quattro dell’alto migliorano o eguagliano i loro PB di partenza e si giocano l’oro a 2.26, lasciando fuori dal podio l’argento di Barcellona, il tedesco Falk Wendrich: per il computo degli errori vince il russo Mikhail Akimenko (un solo errore a 2.24), ma il quarto è il giamaicano Christoff Bryan che ha sfiorato il successo col secondo tentativo a 2.26 con l’asticella che cade dopo qualche attimo di incertezza. La brasiliana Izabela da Silva si migliora di oltre due metri, tra qualificazione e finale del disco e il suo oro è più che meritato (primato mondiale stagionale a 58.03): ma all’ultimo turno la tedesca Claudine Vita paga col nullo di pedana un lancio lunghissimo e resta quinta mentre la cinese Liang Yan manca per nove centimetri il podio (56.27 contro 56.36 del bronzo per l’indiana Navjeet Dhillon). Si chiude con i 5000 metri: l’ugandese Joshua Cheptegei prova ad emulare i grandi che hanno fatto doppietta 5000/1000 (dopo Peter Chumba nella prima edizione di Atene, solo due grandissimi come Haile Gebrselassie a Seul 1992 e Daniel Komen a Lisbona ’94 ci sono riusciti). Kenyani ed etiopi, ovviamente, non sono d’accordo: uno-due Etiopia e vince Yomif Kejelcha (13:25.19: l’ugandese resta senza medaglia, quarto).

          

LA SQUADRA AZZURRA - RISULTATI/Results - FOTO/Photos - TUTTE LE NOTIZIE

Le schede della squadra azzurra - Le liste italiane under 20 all-time
Le pagine IAAF sui Mondiali Juniores
ORARIO/Timetable

TV - sabato 26 25 luglio (quarta giornata)
ore 2:50-6:00 diretta su RaiSport 2 
ore 8:30-10:30 sintesi su Eurosport 2 HD (replica ore 11:00-12:30 replica su Eurosport HD)

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia hashtag:  | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

LE GARE DELLA QUARTA GIORNATA (sessione pomeridiana)

400hs (semifinali) – Come nelle semifinali maschili, anche qui due azzurre: nella prima – che è nel complesso la più equilibrata - Valentina Cavalleri ha l’ultimo accredito, il fresco PB della batteria (59.82), e non può evitare l’ultimo posto, stavolta con un tempo nettamente peggiore di ieri (60.98). Ma la ragazza di San Candido, seguita dalla mamma ed ex primatista italiana “Irmi” Trojer, è certamente una delle sorprese positive di questa spedizione a Eugene. Si arriva alla terza, dove c’è Ayomide Folorunso e già si sa che, in caso di ripescaggio, l’obiettivo sarà un 58.46 che richiede un miglioramento del personale da parte dell’azzurra, seguita fin qui dal tecnico di Fidenza Maurizio Pratizzoli. Il talento parmense di origine nigeriana pensa alla tattica più semplice, quella di seguire la leader mondiale stagionale Shamier Little (55.07), che le parte appena davanti: lo fa così bene, che alla fine è seconda in modo molto più netto di quanto si potesse immaginare in partenza. “Ayo” è sempre più seconda anche nella lista italiana di sempre, dietro Virna De Angeli, perché qui fa 58.47 (3/100 meglio dei Mediterranei “under 23”). Nella “pole” della finale è ottava, ma chi può ipotecare il domani? Quanto a Valentina Cavalleri è 20^ nel computo del turno. E con questo, fanno cinque finalisti maturali nella giornata di oggi, non male.      

4x100m (batterie) – Intanto una chiosa sulla gara femminile: su 18 iscritte in cinque non si classificano (parliamo di Gran Bretagna, Francia, Polonia, Canada …) e così in finale ci troviamo la Svizzera – con tutto il rispetto per il simpatico quartetto elvetico - e si entra con 45.38. Insomma, pur sapendo che in staffetta può succedere di tutto, certe volte ci vuole anche un po’ di fortuna: forse per questo la Polonia che, a parte il problema di oggi pomeriggio, aveva solo tre qualificati individuali tra 100, 200 e 400 maschili e femminili, ha schierato tutte e quattro le staffette. Tornando alla prova maschile, il quartetto azzurro sembra individualmente provvisto almeno come quello del bronzo europeo di Rieti – resta Rigali in terza e Cassano viene promosso titolare, con Spanò e Pettenati sui rettilinei – ma la concorrenza appare insormontabile in partenza. Vabbè, si comincia e i britannici vanno fuori al secondo cambio, addirittura per farlo troppo in sicurezza … dentro la Cina ma anche la Thailandia (con 40.24). Poi la batteria con gli americani: praticamente non cambiano, si passano il testimone, e così davanti arriva il Giappone, mentre vanno fuori i canadesi per squalifica. Poi si calcolano i tempi: per passare col ripescaggio, al momento, serve 40.18. Si va così alla terza batteria, quella con i nostri ragazzi in ottava corsia: purtroppo si fa solo 40.72, peggio del test di maggio a Castiglion della Pescaia, e alla fine arriva pure la squalifica – lunghissimo, troppo, il cambio tra Spanò e Rigali. Non ci siamo, davvero non ci siamo: soprattutto perché in finale ci si va con tempi decisamente accessibili.

       

PROGRAMMA E AZZURRI IN GARA (ora locale: in Italia +9 ore)

QUARTA GIORNATA (25 luglio)
10:00     M     Disco          Qual/A                          Giulio Anesa
10:00     M     Marcia 10000m     Finale                            Daniele Todisco – Gregorio Angelini    
10:10     W     Peso        Qual/A-B                 
10:45     M     Triplo         Qual/A-B                     Lorenzo Dallavalle – Simone Forte
11:00     W     100hs         Batterie                 
11:15     M     Disco          Qual/B                           Gian Piero Ragonesi
11:40     M     3000m Siepi     Batterie                   Yohanes Chiappinelli – Umberto Contran    
11:50     W     Alto         Qual/A-B                      Erika Furlani – Eleonora Omoregie    
12:15     W     1500m         Batterie                            Giulia Aprile
12:45     M     Giavellotto     Qual/A                 
12:50     M     800m         Batterie                 Enrico Riccobon – Lorenzo Pilati
14:10     M     Giavellotto     Qual/B                 
18:00     M     Martello     Finale                 
18:05     W     4x100m         Batterie                    ITALIA (Cassano, Spanò, Rigali, Pettenati)
18:30     M     Alto         Finale                         
18:35     W     Peso         Finale                
18:40     M     4x100m      Batterie                 
19:05     W     400hs         Semi-Finali                        Ayomide Folorunso – Valentina Cavalleri    
19:35     M     400hs         Finale                              
19:45     W     Disco         Finale                 
19:55     W     200m         Finale                              
20:10     M     200m         Finale                         
20:30     W     400m         Finale                          
20:45     M     5000m         Finale                                    

QUINTA GIORNATA (26 luglio)
14:30     M     Asta         Finale                                      Luigi Colella
14:35     W     100hs         Semi-Finali                    
15:05     W     4x400m         Batterie                                 ITALIA
15:30     W     Triplo         Finale                                Ottavia Cestonaro
15:35     M     4x400m         Batterie                 
16:05     M     Disco         Finale                                Gian Piero Ragonesi    
16:10     W     400hs         Finale                              Ayomide Folorunso
16:25     M     800m        Semi-Finali                          Enrico Riccobon
16:55     W     3000m Siepi     Finale                 
17:20     W     4x100m         Finale                 
17:35     M     4x100m         Finale                               


Kaylin Whitney vince i 200m (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: