Domani a Modena la Corrida di San Gemignano




 
La Corrida di San Gemignano compie domani 32 anni, un’età notevole per una prova podistica. La classica modenese prenderà il via alle ore 14,30 da Via Berengario, con arrivo al Parco Novi Sad dopo che il classico percorso di 13,250 km porterà i concorrenti a Cognento prima di fare ritorno nel capoluogo di provincia. La classica organizzata dall’As La Fratellanza 1874 quest’anno dovrebbe essere un affare fra stranieri, visto che i principali mezzofondisti italiani, molti dei quali impegnati ai Campionati di Società di cross nell’ultima domenica, hanno rinunciato all’impegno. Difficile però trovare un favorito nel panorama dei partecipanti, fra cui spiccano i nomi di Philemon Kipkering (Ken/Atl.Gonnesa) battuto a Macerata dal solo Caimmi; Nickson Rugut Kiptolo, che domenica si è aggiduicato la classica Maratonina dei 3 Comuni a Nepi sui 22,5 km; Joshua Kipchumba Rop (Ken/Assi Banca Toscana) primo nella maratona di Ragusa del 22 gennaio. Ma tra keniani e marocchini è facile ipotizzare che il trio dei personaggi sopracitati possa anche alzare bandiera bianca. Se in campo maschile è arduo sperare in una prestazione di rilievo da parte dei corridori nostrani, diverso è il discorso fra le donne, dove spicca la presenza di Gloria Marconi (Prosport Ferrara) reduce dallo stage di allenamento con i maratoneti a Riva degli Etruschi. Con lei da seguire la sua compagna di squadra Romina Sedoni, vincitrice dell’ultima Maratona d’Italia a Carpi, e Fatma Maraoui (Cover Mapei), principali rivali della marocchina Nadia Ejiafini (Runner Team Volpiano), seconda domenica nel cross lungo a Macerata dietro l’ungherese Kalovics. Da notare che al via ci saranno una selezione israeliana e una palestinese: ancora una volta lo sport riesce ad andare oltre le divisioni politiche e sociali. Nella foto: Gloria Marconi (archivio Fidal) File allegati:
- IL SITO DELLA SOCIETA' ORGANIZZATRICE



Condividi con
Seguici su: