Cross Edimburgo: Farah battuto e Dini ottavo

09 Gennaio 2016

Nel XXVII Great Edinburgh XCountry il pluri campione olimpico è superato da Garreth Heath. Lorenzo Dini migliore del Team Europe, 16° posto per Veronica Inglese. 


 

Mo Farah è secondo nel XXVII Great Edinburgh Country vinto da Garreth Heath con Lorenzo Dini all’ottavo posto, migliore atleta del Team Europe. Il cross internazionale, che oppone le selezioni di Stati Uniti, Gran Bretagna ed Europa, ha visto il rientro sui prati dopo diversi anni di assenza del pluri campione olimpico britannico: davanti al pubblico di casa Farah non è riuscito però a contenere la progressione dello specialista statunitense, che ha attaccato sui saliscendi dell’ultimo giro (su un anello da 1,5km) e poi affondato ancora il piede sull’acceleratore nelle battute finali, vincendo in 25:29, con due secondi di vantaggio. Terzo Scotta Faubl (25:38). Nella gara, condotta per tre quarti da un gruppone britannico-statunitense (oltre a Farah e Heath, fra gli altri ci sono anche Ross Millington, Callum Hawkins, lo stesso Faubl) si è distinto anche Lorenzo Dini, capace di correre una gara accorta ed intelligente. Alla fine il toscano (argento europeo junior a Rieti 2013) è ottavo in 25:54, il primo al traguardo con la maglia blu del team Europe. Le condizioni del terreno, fangoso e scivoloso per via della pioggia che cade per gran parte della mattinata, esaltano gli specialisti della corsa sui prati e imballano le gambe agli altri: non a caso Heath a Holyrood Park è stato capace di battere, negli anni, campioni come Kiprop, Kiplagat, Birech, Lagat, Bekele, Soi, Longosiwa.

La pioggia oggi inizia a cadere già durante la staffetta 4x1giro, una formula divertente che alterna un uomo a una donna sull’anello da poco più di un chilometro. Margherita Magnani, scelta per la quarta frazione del team Europe, riceve il testimone per ultima a 13 secondi dalle prime. Un gap troppo elevato, ed infatti la cesenate non riesce a risalire. Davanti ci pensa la scozzese Laura Muir a creare il vuoto sulle avversarie, suggellando la vittoria del quartetto scozzese (11:34) che infiamma il pubblico. Europa settima (12:04). 

Sui 6km femminili è 16esima in 22:09 Veronica Inglese, pagando un terreno poco adatto alle sue caratteristiche. Vince la 24enne Kate Avery in 21:05, riuscendo finalmente a battere sia l’irlandese Fionnuala McCormack (Team Europe) che la britannica Gemma Steel (21:31). Decimo posto (19:52) per l’oro europeo under20 dei 10.000 Pietro Riva nella gara junior. Il migliore, al traguardo, è il triathleta Alex Yee (19:23). Fra le junior, si comporta bene Ilaria Fantinel, che sui 4km costruisce una prova in rimonta sino al 9° posto finale (14:45) nella gara vinta dall’oro europeo junior dei 1500 Bobby Clay (14:09). Nella classifica a squadre dominano i britannici con 125 punti, poi l’Europa (197) e ultimi gli Stati Uniti (232).

a.c.s.

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: