Convegno Italia-Svezia a Celle Ligure

18 Novembre 2013

Sabato 16 novembre la località ligure ha accolto un interessante confronto tecnico internazionale

 

Pista e pedane dello Stadio Olmo e palazzo dello sport di Celle Ligure hanno ospitato, sabato 16 novembre, il Convegno Tecnico Internazionale incentrato sul confronto tra la scuola di atletica leggera italiana e quella svedese. L’iniziativa -  promossa dall’Atletica Arcobaleno Savona con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Celle Ligure, FIDAL e Centro Studi e Ricerche federale, oltre al supporto tecnico del Centro Atletica Celle Ligure - ha avuto un'ottima risposta in termini di partecipazione. 316 gli iscritti all’iniziativa in veste di uditori, con una foltissima presenza degli studenti della facoltà savonese di Scienze Motorie che, affiancati a tecnici FIDAL e dirigenti scolastici, docenti di educazione fisica provenienti da tutto il nord Italia. La bella giornata di sole ha consentito anche di svolgere al meglio le interessanti parti riferite alle esercitazioni pratiche.

Tra le Autorità presenti l’Assessore regionale allo Sport Matteo Rossi, il Sindaco ed il Vice Sindaco di Celle Ligure - Renato Zunino e Luigi Chierroni – il Vice Presidente FIDAL Mauro Nasciuti, il Presidente Regionale CONI Vittorio Ottonello, il Presidente FIDAL Liguria Bruno Michieli. Relatori di assoluto livello si diceva, a partire da Stefano Baldini, indimenticabile oro olimpico nella maratona di Atene 2004 che ha proposto due interessanti interventi. Il primo volto a descrivere nel dettaglio la politica federale nazionale che mira ad incentivare gli interventi legati alla promozione ed allo sviluppo della pratica dell’atletica leggera nell’ambito giovanile; il secondo per narrare ad un attento uditorio la sua storia personale, con il passaggio graduale dagli esordi nella categoria cadetti ai successivi exploit, culminati con l’oro olimpico.

Lo svedese Anders Ryden (tra i massimi dirigenti della struttura federale svedese, referente dei progetti scuola-atletica) ha illustrato il sistema delle Scuole di atletica leggera nel paese nordico. Evidentissimo il divario economico ed organizzativo tra i due paesi, come confermato da Claudio Mazzaufo (tecnico specialista azzurro nel settore salti, tra gli artefici del “miracolo triplo” italiano, ma anche insegnante di educazione fisica che nel suo quotidiano è costretto ad affrontare i noti problemi e le contraddizioni proprie del nostro sistema scolastico).

Nel pomeriggio maggiore spazio alla parte pratica con le relazioni di Valter Superina (genovese, già coach della martellista Silvia Salis) e degli svedesi Bertil Lundquist (poliedrico coach specializzato nel lancio del giavellotto, con al suo attivo il “tutoraggio” di diversi atleti “over 80 metri”, simpatico “attore” molto apprezzato dal pubbblico) e Per Tedenrud (tra i più giovani allenatori federali nel settore del salto in alto, non ancora trentenne, ma con già all’attivo risultati prestigiosi di alcuni suoi allievi). Applauso finale a quanti, nella struttura organizzativa, hanno principalmente seguito il progetto, dal Coordinatore Giorgio Fazio, al suo vice Andrea Rossi e segreteria Francesca Merlo.

(da comunicato stampa Organizzatori)

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

VOTA L'ATLETA DELL'ANNO



Condividi con
Seguici su: