Chihuahua, 50 km con finale thrilling




 

Una gara bellissima ed estrema (per le condizioni ambientali, tra il caldo e il forte vento) ha aperto la Coppa del Mondo di marcia a Chihuahua (Messico). La prova sui 50 chilometri, svoltasi con una temperatura superiore ai 30 gradi, ha premiato a sorpresa, al termine di una finale thrilling, lo slovacco Matej Toth (3h53:30), che ha recuperato posizioni su posizioni negli ultimi 10 chilometri di tracciato, fino a superare il messicano (nativo di Chihuhua e sostenuto dal folto pubblico) Horacio Nava proprio all'ultimo giro, con poco più di un chilometro da percorrere. Terzo, il grande battuto, l'australiano Jarred Tallent, l'argento olimpico di Pechino, che aveva rimontato su Nava, portandosi al comando in coppia con il messicano, al quarantesimo chilometro. Poi, prima la reazione di Nava, e infine la clamorosa rimonta di Toth. Quattordicesimo, e primo degli italiani, il romano delle Fiamme Gialle Marco De Luca, che ha chiuso in 4h00:45, crollando nel finale dopo una gara perfetta fino al quarantesimo chilometro (quando era transitato nel gruppetto del quarto posto, insieme al vincitore Toth). Ventiseiesimo posto per Diego Cafagna (Carabinieri) in 4h10:18, ventisettesimo per il giovane Federico Tontodonati (Cus Torino), 4h11:29, che va elogiato per l'eccellente condotta di gara, alla prima esperienza ai massimi livelli internazionali. Trentaseiseimo posto, infine, per Andrea Adragna (Riccardi Milano, 4h18:53). Nella classifica a squadre, l'Italia finisce sesta: l'oro va alla Cina, di un solo punto nei confronti del Messico (che paga così due volte il sorpasso di Toth nei confronti di Nava), il bronzo alla Russia.

"Peccato, ci speravo proprio - le parole di De Luca - e dico questo perché almeno fino al quarantesimo chilometro mi sentivo in grandissime condizioni, ero proprio con Toth e gli spagnoli, sulle tracce dei primi, in rimonta. Poi, non sono più riuscito a seguire il ritmo, probabilmente ho pagato più degli altri l'arrivo del vento, che si è alzato dopo il 35simo chilometro. Quando poi mi sono reso conto che la gara, almeno per le prime posizioni, era andata, ho abbassato il ritmo, anche per evitare di prendere una lezione difficile da recuperare". "Non è andata benissimo, ma dopo la rinuncia di Schwazer, in questa gara non avevamo molte altre carte da giocare - il commento di Vittorio Visini, responsabile della marcia italiana - possiamo però guardare con un pizzico di soddisfazione le prestazioni dei giovani, soprattutto quella di Tontodonati, che qui si è migliorato fino addirittura al personale, in una prova in cui tutti sono andati ben al sotto dei propri standard".

Nel pomeriggio messicano (la notte italiana), le prove sui 20 chilometri donne (senza nessuna azzurra iscritta), e quella sui 10 chilometri junior maschili, con tre giovani italiani in gara. Domani, si chiude con la 20 chilometri maschile, e la 10 chilometri junior femminile. Complessivamente otto gli italiani in gara.

m.s.

Nella foto, una fase della gara sotto il sole di Chihuahua (Giancarlo Colombo/FIDAL)

COPPA DEL MONDO DI MARCIA
Chihuahua (MEX), 15 e 16 Maggio 2010
LA SQUADRA ITALIANA 

20 km senior
Ivano BRUGNETTI (G.A. Fiamme Gialle)
Fortunato D'ONOFRIO (C.S. Aeronautica Militare/Bruni Pubbl. Atl. Vomano)
Matteo GIUPPONI (C.S. Carabinieri/Atl. Bergamo 1959 Creberg)
Jean Jacques NKOULOUKIDI (G.A. Fiamme Gialle)
Daniele PARIS (C.S. Aeronautica Militare)

10 km junior
Leonardo DEI TOS (Atl. Lib. Tonon SpA Vittorio Veneto)
Giovanni RENO' (Atletica Don Milani)
Massimo STANO (Atl. Aden Exprivia Molfetta)

DONNE / Women

10 km junior
Federica CURIAZZI (Atl. Bergamo 1959 Creberg)
Antonella PALMISANO (Atletica Don Milani)
Cecilia STETSKIV  (ASD Agg. Hinna)

 




Condividi con
Seguici su: