Bolt accende gli Studenteschi

05 Giugno 2013

La presenza del pluriprimatista mondiale ha entusiasmato gli oltre 800 giovani atleti giunti da tutta Italia per le Finali dei Giochi Sportivi Studenteschi 2013

 

Lo hanno acclamato, applaudito, tifato. Lo hanno sommerso di entusiasmo, alla ricerca di una foto, un autografo, un ricordo da mostrare agli amici. Lo hanno intervistato. Lui è Usain Bolt, il sei volte campione Olimpico e tre volte primatista mondiale, loro sono gli oltre 800 ragazzi partecipanti alle Finali dei Giochi Sportivi Studenteschi 2013. Bolt, a poche ore dai 100 metri del Golden Gala e dal calore dello Stadio Olimpico di Roma, oggi ha anticipato il bagno di folla ‘tuffandosi’ allo Stadio della Farnesina tra i giovani atleti arrivati da tutta Italia o addirittura da oltre Oceano per sfidarsi nella finale dei GSS Studenteschi dedicata agli Istituti di 1° grado.

Il via ai Giochi è stato dato alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò, del presidente della FIDAL Alfio Giomi, del presidente del CIP Luca Pancalli e del direttore generale del Miur, Giovanna Boda. Non c’era invece causa impegni istituzionali il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Prof. Maria Chiara Carrozza, che però ha saputo essere presente con una sentita lettera che riportiamo in calce. 

I rappresentanti di tutte le regioni di’Italia e delle sei squadre delle Comunità Italiane all’Estero (CIE) di Argentina, Brasile, Canada, Stati Uniti, Svizzera e Venezuela hanno sfilato sulla pista dello Stadio della Farnesina, seguiti dall’Olimpionico di Atene 2004 e CT della nazionale giovanile Stefano Baldini e dalla vincitrice delle Paralimpiadi di Londra 2012 Martina Caironi. I due Olimpionici, con l'accompagnamento musicale dei 150 elementi dell’orchestra e coro della Scuola Belli, hanno portato la fiaccola e acceso il braciere in stile olimpico, mentre a pronunciare il giuramento dell’atleta è stata una ragazza della Scuola Media Ricci di Rieti, la squadra vincitrice lo scorso anno sia tra i maschi che tre le femmine.

Poi è arrivato il momento, attesissimo, di Usain Bolt. Il giamaicano è arrivato puntuale, accolto Stefano Baldini, Olimpionico di Atene 2004 – e CT della nazionale giovanile – e Martina Caironi, Olimpionica dei 100 alle Paralimpiadi, e da Oxana Corso, Campionessa Italiana Paralimpica. Sommerso dagli applausi e dall’entusiasmo dei ragazzi, emozionatissimi di poter incontrare dal vivo il loro idolo, Bolt si è sottoposto divertito a una breve intervista ad opera proprio dei giovani atleti, curiosi di sapere della sua prima gara, dei segreti dell’allenamento, dell’origine del famoso gesto con cui festeggia le gare e… di come avere successo con le ragazze. «Non ho consigli da darvi – ha chiosato il giamaicano – infatti sono ancora single!». Particolarmente coinvolgente il momento del saluto, quando il sei volte Campione Olimpico si è concesso agli autografi e alle foto degli atleti in erba, incontenibili nel cercare il contatto con il loro idolo. Di certo per questi giovani atleti in erba, i migliori emersi dalle selezioni regionali,  questa giornata di atletica rimarrà impressa come un ricordo indelebile. 

Intanto questa mattina sono iniziate le gare, che vedono sfidarsi 570 atleti provenienti dagli Istituti di tutta Italia (della categoria Cadetti, ovvero nati negli anni 1999 e 2000), 99 alunni con disabilità (nati dal 1997 al 2000) e 144 ragazzi rappresentanti delle Comunità Italiane all’Estero (CIE). Il programma di oggi prevedeva le prime finali CIP e le qualificazioni delle gare FIDAL. La giornata è stata comunque ricca di spunti: si distinguono nei 1.000 metri Marta Zenoni, bergamasca dell’Istituto Comprensivo Scanzorosciate (Bg) e Nadia Battocletti  dell’Istituto Comprensivo Fondo (Tn), già campionessa nazionale di cross, vincitrici delle rispettive batterie: domani, per conquistare l’oro, bisognerà correre molto vicino alla MPI di categoria (2:49.73 di Annamaria Certo nel 1993). Così come si prevede avvincente la sfida nella gara maschile tra Tindaro Lisa, Vincenzo Grieco e Samule Angelini. Il miglior tempo degli 80 metri femminili è nettamente il 10.22 di Zaynab Dosso (Istituto Comprensivo Rubiera), mentre la battaglia si annuncia ben più aperta fra i coetanei maschi. Nel peso si mette in luce, lanciando vicino alla fettuccia dei 10 metri, Sara Fristachi dell’Einaudi di Varese con 9,94.

L’evento è organizzato da FIDAL, MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e CONI con la collaborazione del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) ed il tradizionale supporto di Kinder+Sport.

Qui di seguito il saluto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza.

Anna Chiara Spigarolo

 

Giochi Sportivi Studenteschi di Atletica Leggera. Intervento Ministro Prof. Maria Chiara Carrozza.

Gentile Presidente,

ho ricevuto il Suo cortese invito alla cerimonia di inaugurazione dei Giochi Sportivi Studenteschi di Atletica Leggera su Pista, ma purtroppo per altri impegni istituzionali non mi sarà possibile partecipare. Ci tenevo in ogni caso a mandarvi un saluto, per manifestare la mia vicinanza ai ragazzi impegnati in queste giornate e per testimoniare l’importanza del legame tra la scuola e l’attività sportiva.

La scuola è il laboratorio della cittadinanza per il nostro Paese, un luogo in cui non si apprendono soltanto nozioni, ma si impara a stare insieme, a collaborare, ad ascoltare le esigenze degli altri. Un luogo dove i ragazzi perseguono traguardi fondamentali: all’interno di regole condivise, possono darsi obiettivi ambiziosi e lavorare alacremente per raggiungerli. Mentre sognano di diventare Usain Bolt, si allenano alla vita.

Pochi giorni fa sono stati assegnati i premi del concorso “Regoliamoci!” organizzato da Libera con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I materiali di ricerca da cui sono partiti gli alunni si concentravano proprio sulle figure paradigmatiche di atleti che attraverso lo sport hanno trasmesso valori fondamentali, di cittadinanza attiva, di giustizia sociale, di allargamento di diritti e di opportunità per tutti.

Tutti questi temi sono quindi in gioco nello sport e consegnano al Governo un compito essenziale: dobbiamo dare ai ragazzi strumenti e spazi migliori per la pratica sportiva, che ha un essenziale e insostituibile ruolo sociale. L’ha ricordato in modo molto efficace il Presidente del Consiglio nel discorso del 29 aprile: “La pratica dello sport significa prevenzione dalle malattie, lotta contro l’obesità, formazione a stili di vita sani, lealtà e rispetto delle regole. Dobbiamo impegnarci per diffondere la pratica sportiva sin dalle scuole elementari con un piano di edilizia scolastica su tutto il territorio nazionale”.

Nello spirito di questi obiettivi, essenziali per una più capillare e agevole diffusione della pratica sportiva e più in generale per il benessere del Paese, vi rinnovo il mio più caro saluto.

Maria Chiara Carrozza

 

Giochi Sportivi Studenteschi - Finale Nazionale Istituti 1° grado

Roma, Stadio della Farnesina

I PODI DELLA PRIMA GIORNATA

CIP – MASCHILI: 80 piani DIRa: (-0.5) 1.Ivan Lo Biondo (G.B. Grassi Privitera Partinico) 10.55; 2. Yao Hermann N'Dri (I.C.Pineta Mare Castelvolturno) 10.58; 3. Andrea Carlos Ristori (IC Bagni di Lucca) 10.94. 80 piani DIRb: Alessandro Solinas (IC Monte Rosello Basso Sassari) 13.05. 80 piani HFD: 1.Giorgio Bottacin (Istituto Comprensivo Albignasego) 43.2; 2. Flurim Osmani (Istituto Comprensivo Toscanella Dozza) 14.22. 80 piani HS: (-0.5)1. Domenico Pero (I.C.Aldo Moro Marcianise) 11.20; 2. Roberto Lella (I.C. Monte Rosello Basso) 12.42;  3. Filippo Antonacci (IC Melissano) 13.7. Salto in lungo DIRa: 1. Manuel Manocchio (IC Montini Campobasso) 4,94; 2. Salvatore De Santis (I.C. Vincenzo Tieri Corigliano) 4,57; 3. Daniel Calogero (I.C. Vittorino Da Feltre Catania) 4,55. Salto in lungo DIRb: 1. Manuel Pagano (IC Genova) 2,56; 2. Matteo Morara (IC Toscanella Dozza) 2,52. Salto in lungo HS: 1. Sebastian Clopotar (S.M. Rinnovata Milano) 4,54.2. Vincenzo Solinas (I.C. N2 Bellini Oristano) 4,22. Vortex DIRa: 1. Lorenzo Pullinger (IC Bagni di Lucca) 62,06; 2. Alessandro Salaris (Bellini Oristano) 59,11; 3. Alessio Orlando (A. Musco Catania) 48,67. Vortex HFC: Massimo Marroni (IC Trofarello) 5,52. Vortex HFD: Salvatore Di Pietro (S.S.I.S L.Pirandello Comiso) 19,80; 2. Mirko Grasso (I.C. Polo1 Galatone)18,46; 3. Calogero Vaccaro (P.G.Frassati Torino) 14,19. Vortex HS: 1. Simone Cossu (S.M. A.Gramsci Sestu) 25,23. Vortex NV: Vincenzo Pitarresi (I.C. Rettore F.Evola Balestrate) 17,94.

CIP – FEMMINILI: 80 piani DIRa: (-0.9) 1. Martina Derenzis (IC Montini Campobasso) 12.72; 2. Pasqualina Pagano (I.C. Corso Dante Casal di Principe) 12.75; 3. Marzia Lelli (I.C. A.Manzi Villalba di Guidonia) 13.00. 80 piani DIRb: (-0.1) 1. Francesca Mollo (I.C. Nazario Sauro Imperia) 13.29; 2. Martina Trudu (Lao-Silesu Quartu S. Elena) 15.03. 80 piani HFD: (+1.6) Mbarka El Moujahid (I.C. G. Pascoli) 12.37; 2. Loredana Pacifico (S.M.Leonardo Bianchi) 15.11; 3. Michela Arrais (SM Primo Grado A.Gramsci) 18.05. 80 piani HS: (+1.6) 1. Viktorya Slyusarchuk (A.Bertola) 13.16. 80 piani NV: (-0.1)1. Micol Gaggiotti (ICG MARCONI) 28,65; 2. Benedetta Lia 42.36. Salto in lungo DIRa: 1. Marie Bernadette Vittore (IC Serra crescentina) 3,86; 2. Alessia Vasta (A. Musco Catania) 3,82; 3. Erika Zammarano (I.C. Giordani-De Sanctis Mafredonia) 3,05. Salto in lungo DIRb: 1. Serra Martina (I.C. Monte Rosello Basso Sassari) 3,19. Vortex DIRa: 1. Anna Cultraro (IC5 a. Musco Catania) 33,95; 2. Erika Giamberresi (SM Gattinara) 33,50; 3. Erika Zaffaroni (Sm Parabiago) 23,20. Vortex DIRb: 1. Michela Cossari (IC Roccella Jonica) 8,69. Vortex HFC: 1. Arianna Palmieri (IC Miramare Rimini) 11,60. Vortex HFD: 1. Valentina Vernice (P.G.Frassati) 7,08; 2. Alessia Abati 4,89. Vortex HS: 1. Martina Benincasa ( I.C.S. Quasimodo) 23,84. Vortex NV: 1. Alessandra Kocsis (I.C. Giovanni XXIII) 5,02.

LA MANIFESTAZIONE VIENE TRASMESSA INTEGRALMENTE IN STREAMING VIDEO ATTRAVERSO QUESTO LINK: http://www.fidal-live.tv

RISULTATI/Results

Le foto della prima giornata

seguici su Twitter [@atleticaitalia]  | Facebook



Condividi con
Seguici su: