Berlino: apre le porte Casa Italia Atletica




 

Con la conferenza stampa odierna ha preso il via ufficialmente l’avventura di Casa Italia Atletica ai mondiali di Berlino. A fare gli onori di casa il presidente federale Franco Arese: « Sono felice che l’atletica sia qui a rappresentare proprio le eccellenze dell’Italia, e che grazie al supporto dell’ambasciata italiana in Germania, si sia riusciti a fare di Casa Italia Atletica una sorta di vetrina di quanto di meglio il nostro paese sia in grado di offrire al mondo intero. Passeggiando per Berlino in questi giorni ho potuto toccare con mano quanto interesse, quanto amore ci sia in Germania per il nostro Paese. Segni concreti come la presenza di numerosi operatori commerciali che riconducono all’Italia, alle nostre tradizioni culturali ed enogastronomiche. Insegne con modi di esprimersi riconducibili al nostro territorio, vetrine ricche di prodotti italiani, e tanti nostri connazionali a spendere il proprio tempo in giuro per il centro città. C’e’ di che essere fieri che un paese come la Germania guardi al nostro mondo con tanta attenzione e partecipazione, e che questa attrazione sia effettivamente bipolare. Arte, turismo, cultura, sport: credo sia un cocktail vincente, destinato ad incontrare sempre più attenzione da parte dei tanti tedeschi che amano l’Italia. Da parte nostra, speriamo di fornire sul palcoscenico del mondiale, occasioni di soddisfazione per i nostri connazionali, portando in giro quella maglia azzurra che è diventata un pò il biglietto da visita del nostro paese».

Poi la parola a Gabriele Meucci, Primo Consigliere, in rappresentanza dell’Ambasciatore: «Ringrazio la Fidal che si fa carico di una azione di promozione del Made in Italy. La natura dell’atletica, percepita come attività genuina ed il fermento cultuale di Berlino producono una serie di valori molto interessanti. Direi che a 20 anni dal 1989 è un ottimo modo per ricordare l’anniversario di unità e di comunità che sono poi gli stessi valori dello sport e dell’atletica».

Infine il responsabile di Casa Italia Atletica, Mario Ialenti: «Ringrazio  il consigliere Meucci e tutto lo staff dell’Ambasciata, il dottor Montini dell’Enit ed il dottor Pesce dell’ICE perché anche queste istituzioni ci hanno dato una grossa mano nelle varie attività promozionali svolte in Germania fin dal mese di gennaio. Sono due gli obiettivi fondamentali di Casa Italia Atletica: offrire una assistenza di qualità alla squadra azzurra e promuovere le eccellenze italiane ed il Made in Italy nel mondo. Casa Italia Atletica vuole essere ancora una volta il palcoscenico ideale per accomunare diversi enti ed aziende istituzionali intenzionati ad incontrare gli operatori legati al settore turistico ed a quello enogastronomico per illustrare le peculiarità di territori e prodotti tipici della Penisola attraverso filmati, degustazioni per far “toccare con mano” l’originalità delle bellezze e dei sapori italiani. La novità di quest’anno è una mostra di pittura interamente dedicata all’atletica dal titolo la leggerezza nello sport e nell’arte. Poi i seminari enogastronomici condotti dal dottor Pasquale Di Lena, per valorizzare nel migliore dei modi i primati del nostro Paese, per quanto riguarda le produzioni biologiche e le eccellenze alimentari certificate. Per questo desidero ringraziare tutti i provider ed i partner istituzionali di Casa Italia Atletica, enti simbolo della qualità italiana. A partire al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, impegnato in prima linea in iniziative finalizzate a coniugare i concetti di sana alimentazione e pratica sportiva fino ad arrivare all’Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, all’Istituto Commercio Estero, alla provincia autonoma di Bolzano, al Molise (con l’Unione delle province molisane e l’Unioncamere Molise), al Veneto, alla Campania (Assessorato all’Agricoltura e alle Attività Produttive), alla città di Reggio Calabria (con la Camera di Commercio), al comune di Milano, alla provincia di Ragusa, all’ICE Puglia e alla provincia di Ascoli Piceno».

Giovanni Esposito

Da sinistra Adriano Rossi, presidente di Fidal Servizi, Marco Montini, direttore Enit Francoforte, Mario Ialenti, responsabile Casa Italia Atletica, Francesco Arese, presidente Fidal, Gabriele Meucci, Primo Consigliere, in rappresentanza dell’Ambasciatore e Paolo Pesce, in rappresentanza dell’ICE.

File allegati:
- Il sito di Casa Italia Atletica



Condividi con
Seguici su: