Azzurre, promozione sfiorata, Frullani terzo




 

Quinto posto per la squadra maschile, terzo per quella femminile (a soli 23 punti dalla promozione in Super League). Questo il verdetto in chiave italiana della due giorni di Coppa Europa di prove multiple - First League, andata in scena nel weekend a Hengelo (Olanda). In evidenza in campo individuale William Frullani (terzo con 7621 punti nel Decathlon) e Francesca Doveri (sesta con 5841 punti nell'Eptathlon), migliori esponenti di una squadra italiana non troppo fortunata. Tra gli uomini a vincere è la Polonia, con ampio margine sulla Repubblica Ceca (entrambe promosse nella Super League 2011), e sulla Gran Bretagna. L'Italia è quinta, a poco più di 600 punti dall'ultimo posto utile per la promozione. William Frullani (Carabinieri) si difende bene, ed è terzo nella classifica individuale, con un buon 7621, stagionale migliorato, ma al di sotto del minimo di partecipazione ai Campionati Europei di Barcellona (7800). Questo il dettaglio delle dieci fatiche del fiorentino: 11.06 (847 punti); 7,06 (828); 13,17 (678); 2,04 (840); 49.90 (819); 14.74 (881); 43,43 (735); 4,60 (790); 57,30 (697); 5:09.55 (506). Dietro di lui, Michele Calvi (GS Self Montanari Truzza) è quindicesimo (7021 punti); Lukas Lanthaler (SV Lana Raika) è ventesimo (6859). Vittoria allo svizzero Walter Simon con 7820, a precedere il polacco Dawid Pyra (7759), e come già detto, il nostro Frullani.

Tra le donne, la promozione nella Super League sfugge alle azzurre davvero di un soffio. Grecia e Olanda finiscono davanti in classifica, con le olandesi a precedere le italiane di uno scarto minimo (23 punti su oltre 16.000 di score). Nella classifica individuale, Francesca Doveri (Esercito) è sesta, con 5841 punti. Il risultato migliora lo stagionale (5816 nel Multistars di Desenzano, ad inizio maggio), ma, come accaduto a Frullani tra gli uomini, lascia la toscana ancora una volta al di sotto del minimo stabilito per la partecipazione agli Europei di Barcellona (5900). Vittoria per l'olandese Remona Fransen, 5993 punti, davanti alla bielorussa Maksimava, 5958, e alla greca Ifadidou, 5931. Poca fortuna per la Doveri anche nel conto personale con le velocità del vento, piccolo muro contrario ieri (-2.2 m/s nei 200, -1.8 nei 100hs), e un pizzico d'aiuto nel lungo oggi (+2.2 nel miglior salto a 6,18). Questo comunque il resoconto completo della due giorni della 27enne azzurra: 13.63 (1031 punti); 1,66 (806);12,68 (706); 24.77 (908); 6,18 (905); 36,21 (595); 2:15.20 (890). Buona prova d'assieme, in ogni caso, di tutta la squadra, con Laura Rendina (GS Valsugana Trentino) undicesima, 5454 punti; Elisa Bettini (Fiamme Azzurre) tredicesima, 5410; Elisa Trevisan (Fiamme Azzurre), 5309.

m.s.

Nella foto d'archivio, William Frullani (Giancarlo Colombo/FIDAL)

 

File allegati:
- RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: