Ayalew e Rop il Campaccio è africano

06 Gennaio 2014

A San Giorgio su Legnano Fatna Maraoui è ottava davanti a Layla Soufyane decima. Tra i primi dieci anche Chatbi (7°) e Fontana (9°).

 

Sole e temperatura mite per il 57° Campaccio Cross Country,  sesta tappa Permits Event IAAF e organizzato come sempre dall’Us Sangiorgese a San Giorgio Su Legnano (Mi). Senza alcuna vera concorrenza italiana ed europea, sono gli atleti degli altopiani a dettare legge fin dall’inizio. Nei 10 chilometri, cinque giri, fin dalle prime battute gli africani alzano il ritmo con il vincitore Albert Rop (kenyano di nascita ma portacolori del Bahrain dopo il cambio di passaporto) che va in testa e corre già il primo chilometro in 2’49. Il gruppo è compatto con tutti e sei i protagonisti (Rop-Korir-Merga-kipkemoi-Kipruto e Birech) a darsi battaglia con notevole distacco sugli inseguitori. Nell’ultimo giro volata finale con Rop che all’ingresso nel campo risulta essere il più brillante fino a vincere con un paio di metri di distacco sul campione del mondo keniano Japhet Korir in 28’19. E’ la prima volta del Barhein nel prestigioso Albo d’oro del Campaccio.

Terzo posto per il campione mondiale di cross del 2011 Imane Merga in 28’25”. Primo italiano, al settimo posto in 29’53”, è Jamel Chatbi (Atl. Riccardi Milano) che paga nel finale il ritmo dei primi due giri, quando tenta di stare incollato al gruppetto di testa. Bravo il lecchese Michele Fontana (Aeronautica), nono in 30’04”: “Volevo confermare quanto di bello avevo fatto con l’ottavo posto agli europei under 23 di dicembre. Ci sono riuscito, ora sono cresciuto soprattutto nella convinzione di essere un atleta ormai seniores e nella gestione della gara. Sento di essere maturato. Certo che là davanti sono davvero extra-terrestri”. Gianmarco Buttazzo (Atl. Casone Noceto), già orientato ai tricolori di maratonina (Verona, 16 febbraio) dove punta a confermare il titolo, entra nei primi dieci in 30’32”.

Era la favorita e la vicecampionessa del mondo di cross e non ha deluso.

L’etiope Hiwot Ayalew segna nei 3 giri (6km), un super 18’59” finale, di gran lunga il crono femminile più veloce mai visto a San Giorgio su Legnano. A scatenarsi sin dall’inizio è stato quartetto composto dalla stessa Ayalew, da Teferi (seconda in 19’06”), da Linet Masai (terza in 19’09”) e Mimi Belete (quarta in 19’17”) che si sono studiate e rincorse fino all’allungo decisivo dell’ultimo giro. Prima italiana è Fatna Maraoui (Esercito) in ottava posizione in 20’36” davanti a Layla Soufyane (Esercito), decima in 20’39”. Un plauso ad Alice Gaggi (Runner Team 99) campionessa del mondo di corsa in montagna che ha terminato undicesima in 20’58”.

(Da comunicato stampa organizzatori)

RISULTATI/Results



Condividi con
Seguici su: