Antidoping: chiesti 7 mesi per Haidane

10 Aprile 2014


 

L’Ufficio Procura Antidoping comunica di aver disposto il deferimento dell’atleta Abdellah Haidane (tesserato FIDAL) alla Prima Sezione del Tribunale Nazionale Antidoping del CONI, per la violazione dell’art. 2.1. del Codice WADA, a causa della positività per presenza di Tuaminoeptano, riscontrata in occasione del controllo antidoping disposto dalla FIDAL al termine dei Campionati Italiani Assoluti Indoor, disputati ad Ancona il 23 febbraio 2014, con richiesta di squalifica per 7 mesi, a decorrere dalla data del prelievo.

(da coni.it)



Condividi con
Seguici su: