Ancona: Malavisi riparte da 4,45

17 Gennaio 2021

Torna in quota l’astista azzurra all’esordio stagionale indoor, nell’alto 2,20 per Meloni. A Padova debutta Battocletti in 9:20.47 sui 3000, a Modena 6.68 per Ferraro nei 60 metri

 

Esordio convincente nella nuova stagione di Sonia Malavisi, al Palaindoor di Ancona. L’astista azzurra supera 4,45 e si riporta vicina ai suoi massimi livelli, a sei centimetri dal personale. Una misura ottenuta dalla 26enne romana alla seconda prova, come alle precedenti quote di 4,20 e 4,35 mentre era entrata in gara senza errori a 4,00, e prima di chiudere con tre nulli a 4,55. Arrivano quindi i primi riscontri per la saltatrice delle Fiamme Gialle che è rientrata ad allenarsi a Castelporziano (Roma), sotto la guida tecnica di Emanuel Margesin, dopo l’esperienza di un paio di anni a Cuba. Al secondo posto con 4,00 l’umbra Alessandra Lazzari (Atl. Arcs Cus Perugia). Nell’alto Eugenio Meloni (Carabinieri) torna a 2,20. È il personale indoor del 26enne sardo: un centimetro in meno di quello all’aperto di 2,21 realizzato a Tallinn nel 2015, quando riuscì a conquistare la medaglia di bronzo agli Europei under 23, e poi eguagliato aggiudicandosi il titolo agli Assoluti di Trieste nel 2017. La misura vincente alla prima prova, dopo un percorso netto anche alle quote precedenti, per poi cimentarsi a 2,23 senza successo. Il recordman cadetti Mattia Furlani (Studentesca Rieti Milardi) debutta da allievo con 2,02. Nei 400 metri il siciliano Riccardo Meli (Cus Palermo), vent’anni ancora da compiere, abbassa il personale indoor a 47.99 davanti all’ottocentista Simone Barontini (Fiamme Azzurre), 48.75 in rimonta sul tricolore promesse Alessandro Moscardi (Sef Stamura Ancona, 48.83). Al femminile la 21enne pugliese Francesca Veneto (Atl. Firenze Marathon) scende fino a 54.31. Sul rettilineo nei 60 metri in 6.80 sfreccia Angelo Ulisse (Fiamme Gialle Simoni), campione italiano allievi dei 100 e classe 2003, mentre il successo tra le donne è per Francesca Romana Cattaneo (Lazio Atl. Leggera, 7.60). In evidenza nei 200 metri la 15enne Giulia Colonna (Acsi Italia Atletica): 24.87 al primo anno di categoria under 18. Sulla pedana del peso Sofia Coppari (Atl. Fabriano) cresce con 14,78 e diventa la sesta allieva di sempre a livello nazionale. [RISULTATI/Results]

PADOVA - È il mezzofondo a prendersi la scena del pomeriggio al Palaindoor di Padova. Nei 3000 metri c’è il debutto di Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) in 9:20.47, appena un paio di secondi in più rispetto al suo primato di 9:18.33 che è ancora il record italiano della categoria juniores, stabilito due anni fa. La ventenne trentina, bicampionessa europea under 20 di cross, nella scorsa stagione è tornata a vincere il titolo assoluto nei 5000 su pista. Nell’impianto della città veneta si aggiudica il confronto diretto con la tricolore dei 1500 metri Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata), seconda in 9:26.38 togliendo una decina di secondi al proprio limite, poi la junior Aurora Bado (Freezone) a 10:03.02. Sugli 800 metri Irene Baldessari (Esercito) ricomincia da 2:07.94. [RISULTATI/Results]

MODENA - Nel rettilineo indoor di Modena torna in azione Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946). Per il velocista partenopeo il tempo è di 6.68 in finale nei 60 metri, dopo aver rotto il ghiaccio in 6.75 nella batteria e sulla stessa pista del record personale stabilito quattro anni fa con 6.60. Alle sue spalle nella finale Michael Kyereme (Self Atl. Montanari & Gruzza Reggio Emilia), sceso a 6.77, e Samuele Ceccarelli (Atl. Firenze Marathon, 6.80). La non ancora 18enne Gaya Bertello (Pol. Novatletica Chieri) è la più rapida al femminile in 7.59, con otto centesimi di progresso personale. [RISULTATI/Results]

CASALMAGGIORE - Debutto con la nuova maglia dei Carabinieri per i campioni italiani di prove multiple a Casalmaggiore (Cremona). Nei 60 metri Sveva Gerevini si migliora di nove centesimi con 7.70 e poi chiude in 7.73 nel secondo round, dopo aver lanciato il peso a 11,76 nella gara vinta da Danielle Madam (Bracco Atletica), 12,69. Al maschile personale indoor nel peso di Dario Dester a 13,32 - con il successo a Paolo Vailati (N. Atl. Fanfulla Lodigiana, 16,19) - prima di correre in 7.13 e 7.14 sui 60 metri. Nel peso Emmanuel Musumary (Atl. Estrada) esordisce tra gli juniores con 17,09. [RISULTATI/Results]

SARONNO - In pista sui 60 ostacoli a Saronno (Varese) due tricolori giovanili, entrambi all’ingresso nella nuova categoria. Prime gare da under 23 per Franck Brice Koua (Cus Pro Patria Milano) in 8.02 e 8.03, mentre lo junior Paolo Gosio (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) fa meglio nel secondo round con 8.05 dopo aver iniziato da 8.19. Sfide equilibrate al femminile: la promessa Veronica Crida (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) timbra il crono più veloce con 8.68 in gara-2, nei confronti delle under 20 Veronica Besana (Atl. Lecco Colombo Costruzioni, 8.70) e Giorgia Marcomin (Osa Saronno Libertas, 8.73) che si era aggiudicata la prima prova in 8.75 (seguita da Besana 8.81 e Crida 8.85). [RISULTATI/Results]

BERGAMO - Nell’impianto al coperto di Bergamo, in pedana i saltatori in alto: al femminile 1,76 per Teresa Maria Rossi (Cus Pro Patria Milano), invece tra gli uomini 2,11 di Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) sull’allievo Edoardo Stronati (Pro Sesto Atletica, 2,05). [RISULTATI/Results]

PARMA - Nella seconda giornata di gare al PalaLottici di Parma, nell’alto 2,06 del ventenne Manuel Lando (Atl. Vicentina). [RISULTATI/Results]

l.c.

(hanno collaborato Mauro Ferraro, Cesare Rizzi, Stefano Ruggeri)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- Il protocollo FIDAL per le competizioni indoor
- Eventi di interesse nazionale (da coni.it)

Nadia Battocletti sulla pista di Padova (foto Ardelean/FIDAL Veneto)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate