Alloh sprint in 7.32

02 Febbraio 2014

A Casal del Marmo, la velocista a 2 centesimi dal personale. Nei 400 di Padova tra Galvan e Tricca finisce 47.35 a 47.36, Chiara Rosa 17,57 nel peso. Bonfanti si migliora a Genova: 53.89.

 

Acuto della sprinter Audrey Alloh che oggi pomeriggio sul rettilineo dell'impianto indoor di Casal del Marmo (Roma) ferma il cronometro a 7.32. La velocista delle Fiamme Azzurre dopo aver eguagliato lo stagionale in batteria (7.36), in finale ha messo a segno la sua seconda migliore performance di sempre. In carriera la tricolore assoluta dei 60 metri ha fatto meglio solo in occasione del primo turno degli Euroindoor di Goteborg 2013 dove corse in 7.30. Quel crono ha messo la fiorentina di origine ivoriana al terzo posto nelle liste italiane alltime, alle spalle di Marisa Masullo (7.19) e Manuela Levorato (7.20). Tornando, invece, ai risultati odierni, sempre nei 60, in crescita il siciliano Federico Ragunì (CUS Palermo) che centra il miglior tempo della giornata con 6.76 in batteria, seguito da 6.78 in finale. RISULTATI/Results

GALVAN-TRICCA NEI 400 DI PADOVA - Oggi a Padova, Matteo Galvan è tornato, a cinque anni di distanza dal memorabile oro con la 4x400 azzurra agli Euroindoor di Torino, a correre i 400 metri su una pista coperta. I due giri sull'anello del nuovo palas veneto l'hanno visto tagliare il traguardo in 47.35 tallonato da Michele Tricca (47.36) davanti all'altro finanziere Giordano Benedetti (48.09). Dei tre azzurri a far registrare il personal best è stato proprio quest'ultimo; l'ottocentista trentino, infatti, aveva un unico precedente sulla distanza indoor, 48.71 ad Ancona nel 2013. 46.26, invece, è il miglior crono realizzato da Galvan in sala nel 2009 e che ad oggi rappresenta ancora la MPI Promesse; 47.23 il personale di Tricca che nel 2012 gli valse anche il record nazionale indoor junior. Benedetti e Galvan dovrebbero essere di nuovo in pista, rispettivamente su 3000 e 400 metri, a Genova il prossimo week-end, quando Tricca sarà impegnato ad Ancona per i Tricolore di categoria. Tornando a Padova, invece, i 400 metri femminili hanno registrato il successo di Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) in 54.25. Sulla pedana del peso è quindi andata in scena la prima stagionale del bronzo europeo Chiara Rosa. La lanciatrice veneta delle Fiamme Azzurre, in ripresa dopo una serie di fastidi fisici, ha trovato la miglior misura alla sesta ed ultima prova a disposizione: 17,57. Seconda la promessa Francesca Stevanato (Atl. Brescia 1950) con 14,84, mentre il concorso maschile ha premiato Tommaso Parolo (Assindustria Sport Padova), 17,15. Nel lungo da segnalare lo junior Harold Barruecos (Atl. Vicentina) che atterra più lontano di tutti migliorandosi a 7,42. Nel triplo, infine, primi hop-step-jump del 2014 per la campionessa europea junior Ottavia Cestonaro (Forestale) davanti a tutte con 12,83.

RISULTATI/Results

a.g.

ANCONA: GRECO LUNGHISTA 7,44, CATANIA 7,73 - Oggi al Banca Marche Palas di Ancona è tornato in pedana Daniele Greco dopo aver vinto ieri il triplo. Il 24enne delle Fiamme Oro stavolta si mette alla prova nel salto in lungo, a quasi tre anni dalla sua ultima gara in questa specialità: finisce quarto con 7,44, una misura che vale il record personale (aveva 7,20 indoor e 7,25 all’aperto, risultati ottenuti entrambi da junior). Il successo va ad Emanuele Catania (Fiamme Gialle) con 7,73 nel quinto turno, a sei centimetri da quanto saltato domenica scorsa nell’impianto marchigiano, con il secondo posto a Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle/7,47) e il terzo di Emanuele Formichetti (Atl. Studentesca CaRiRi/7,46). Per Greco soltanto due salti validi: 7,44 al secondo, regalando qualcosa alla battuta, poi 7,07 nel quarto, nulli gli altri. All’ultimo, però, va ben oltre l’asse e si scompone, finendo sulla sabbia. “Sento una buona efficienza fisica - spiega il campione europeo in sala del triplo allenato da Raimondo Orsini - e corro forte, però va registrata la rincorsa, come abbiamo visto ieri. Anche per questo ho deciso di scendere nuovamente in gara”. Vittoria quindi per Catania, pur senza incrementare il primato stagionale: “La prestazione di oggi è comunque significativa - dichiara il 25enne romano seguito dal tecnico Roberto Pericoli - perché non ero al meglio della condizione, con qualche dolore all’anca e al tallone. Ora mi pongo il traguardo di un bel risultato nei prossimi Assoluti, anche dal punto di vista della misura”. Sui 200 femminili in evidenza la junior Ayomide Folorunso (Cus Parma) che corre in 24.52 e si inserisce al nono posto delle liste italiane all-time under 20, al primo anno di categoria, lasciandosi alle spalle la promessa Anna Bongiorni (Forestale), seconda con 24.98. Bella volata sui 200 maschili, vinti dal pesarese Lorenzo Angelini (Atl. Avis Macerata) in 22.02 per un centesimo su Marco Emilio Gai (Pol. Rocco Scotellaro Matera), 22.03. In questa gara ben 106 atleti al via, distribuiti su 22 serie. Nei 60 ostacoli, 8.30 in finale per Andrea Cocchi (Aeronautica), autore di un 8.15 in batteria. (ha collaborato Luca Cassai/CR FIDAL Marche) RISULTATI/Results

SCHEMBRI 7,39 NEL LUNGO A BERGAMO - Test nel salto in lungo anche per l'altro triplista azzurro Fabrizio Schembri (Carabinieri), impegnato oggi a Bergamo nella seconda giornata dei campionati regionali indoor Juniores/Promesse organizzati dall’Atletica Bergamo ’59 Creberg. Il 33enne di Rovellasca, ottavo ai campionati mondiali di Mosca 2013 nel salto triplo, atterra a 7,39 al primo tentativo.

Alle sue spalle Andrea Aldeghi, azzurrino dell’Atletica Lecco Colombo, sigla 7,28. Tra le donne alle spalle dell’1.78 di Serena Capponcelli del CUS Pisa Atl. Cascina l’eterno duello tra Chiara Vitobello (Geas) e Teresa Maria Rossi (CUS Pro Patria Milano) stavolta premia Rossi, che ottiene 1.76 (contro 1.74 della compagna di allenamenti) e vince il titolo regionale Promesse. RISULTATI/Results (sa comunicato stampa CR FIDAL Lombardia)

BONFANTI PB: 53.89 A GENOVA - Nuovo limite personale e primo sub-54 al coperto per la quattrocentista azzurra Elena Maria Bonfanti, che al PalaFiera di Genova nella prima uscita agonistica dell’anno ferma i cronometri a 53.89. La portacolori dell’Atletica Lecco Colombo Costruzioni migliora così il precedente 54.14 siglato lo scorso febbraio ad Ancona. Al maschile la gara è vinta dall’atleta della Cento Torri Pavia Paolo Danesini in 48.57, mentre nei 1500 femminili si impone l’atleta di casa, appartenente alla categoria Allieve, Chiara Ferdani (Spectec CariSpezia) in 4:45:16 e tra gli uomini il serbo di stanza a Milano Goran Nava (Pro Patria, 3:49.01) davanti a Mor Seck (Atletica Monza, 3:49.25). RISULTATI/Results

JEMAI 49,64 A LIVORNO - Oggi a Livorno, durante la seconda prova regionale dei campionati invernali di lanci valida come campionato toscano individuale e organizzato dall’Atletica Livorno, ha lanciato a ridosso dei 50 metri nel giavellotto Sara Jemai. L’azzurra dell’Esercito ha fatto segnare la misura di 49,64 (con un altro lancio da 49.10). RISULTATI/Results

ASTA A MODENA E UDINE - A Udine, nel corso del Campionato Regionale Indoor Assoluto, il campione italiano Cadetti Max Mandusic (Trieste Atletica), ora al primo anno della categoria Allievi, salta 4,65.  Nei campionati regionali indoor dell’Emilia Romagna organizzati a Modena dall’AS La Fratellanza valicano 4,00 Giorgia Benecchi (Esercito) e Miriam Galli (Bracco Atletica). 

a.c.s.

CRONACA E RISULTATI DELLE GARE INDOOR DI SABATO 1° FEBBRAIO 2014:
- Trost 1,92 alla seconda
- Ancona: Greco 16,65 Donato 16,58
- Dibaba 1500 record, cresce Magnani

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: