A Roma nel Catalano lo sprint parla straniero




 
Bel clima al Meeeting Anna Catalano, svoltosi ieri pomeriggio allo stadio delle Terme di Caracalla (Roma) , ed arricchito anche dalla presenza sugli spalti di Pietro Mennea. La freccia del sud ha premiato gli atleti dei 100 piani, con Deji Aliu (Nigeria) vincitore in 10.44 (v.+0,8)su Maurizio Checcucci (FFOO), 10.49, e Marco Torrieri (Aeronautica), terzo in 10.51. Tra le donne vittoria di Dia Fabe (Francia) in 11.70, su Anita Pistone (Esercito) 11.79, e Giulia Arcioni (Forestale) 11"81 (v.-0,4). nei 400 uomini vittoria di Stefano Braciola (Sp. Club Catania) in 47.39. Tra le donne, si è imposta Olabisi Afolabi (Nigeria) in 54.01, mentre Emiliano Pizzoli (Carabinieri) si è aggiudicato a sorpresa i 110hs in 13.91, avendo ragione del più quotato Brasiliano Castel Blanco Thiago, 13.92 (v. + 2,0). Nei 100 hs donne successo di Erica Barani (Cus Cagliari) in 13.84. Da segnalare le prestazioni di Filippo Campioli (Esercito), salito nell'alto a 2,22, e di Stefano Agresti (FFOO), primo nel Lungo con 7,73. Peso femminile alla Checchi (17,53), davanti ad Assunta Legnante (17,45). (Roberto De Benedittis, Comitato Organizzatore).


Condividi con
Seguici su: