''Doha sulla strada verso i Giochi di Tokyo''

26 Settembre 2019

Il presidente della FIDAL Alfio Giomi e il direttore tecnico Antonio La Torre inquadrano i temi dei Mondiali al via il 27 settembre allo stadio Khalifa


 

“L’ultima fermata nella corsa verso i Giochi di Tokyo”. Così il presidente della FIDAL Alfio Giomi ha inquadrato i Mondiali di Doha al via domani, venerdì 27 settembre. Nella consueta conferenza stampa della vigilia, il numero uno della Federazione Italiana di Atletica Leggera ha sottolineato l’ottima stagione vissuta dagli azzurri, a ogni livello, nei mesi che hanno preceduto il Mondiale. “È stata un’annata straordinaria per risultati ottenuti - le parole del presidente Giomi - risultati che non sono frutto di una mano fatata, per quanto sia bravo Antonio La Torre: questa è la stagione in cui finalmente abbiamo messo a frutto il lavoro di anni. La grande differenza è che la squadra si è fatta trovare pronta al momento giusto, nel posto giusto: dalle World Relays di Yokohama con cinque staffette su cinque qualificate ai Mondiali, al quarto posto degli Europei a squadre di Bydgoszcz che ha dato il senso del gruppo ed è stato molto oltre le previsioni. L’obiettivo era proprio arrivare al meglio qui a Doha”.

Il direttore tecnico Antonio La Torre ha dettagliato i temi del Mondiale azzurro: “Se questi fossero gli Europei, sarei il direttore tecnico più felice del mondo, per quanto siamo cresciuti in questa stagione. Non si può non considerare tutto quello che è stato fatto fino a ora in termini di risultati: quello rimane. Però ho detto ai ragazzi di buttarsi tutto alle spalle. Qui misuriamo lo spessore internazionale di questa squadra e misuriamo anche - secondo i miei standard - chi l’anno prossimo andrà a Tokyo. Ho chiesto ai ragazzi di confermare la statura dimostrata nel 2019. Iniziamo i Mondiali con lo spirito di chi ha vinto gli Euroindoor a Glasgow con Tamberi nell’alto e di chi ha visto emergere nuovi leader in squadra: per Luminosa Bogliolo la finale sarebbe come un oro, stessa cosa per Ayomide Folorunso in una specialità che si è mossa moltissimo verso l’alto, o per Davide Re che vuole percorrere la strada verso un sogno perché sarebbe il primo italiano nella finale dei 400 metri”. Il DT La Torre ha anche dato notizia delle condizioni fisiche di Sara Dossena, impegnata domani sera alle 22.59 italiane nella maratona mondiale: “Si è riacutizzato un piccolo problema al piede sinistro - spiega il DT - ma sta facendo di tutto per essere domani alla partenza. È nella migliore condizione della vita, vale ampiamente il record italiano”. Dal fronte della strada, con l’incognita delle gare in notturna, l’Italia schiera carte di primissimo piano: “Eleonora Giorgi ha fatto un percorso di vita: l’abbiamo convinta a passare dalla 20 km alla 50 km, è un’avventura personale che l’ha portata al record europeo - osserva La Torre - Così com’è cresciuto anche Massimo Stano con il record italiano della 20 km. Ma spero di muovere la placing table non soltanto con la strada, ma anche con le gare nello stadio. Vedo tanta energia nelle staffette”.

naz.orl.

START LIST E RISULTATI/Results - FOTO/PhotosISCRITTI/Entries - ORARIO E AZZURRI IN GARA - LA SQUADRA ITALIANA/Italian Team - TV E STREAMINGTUTTE LE NOTIZIE/News - LE PAGINE IAAF SUI MONDIALI

TEAM GUIDE CON SCHEDE DEGLI AZZURRI (PDF)

LE PRESENTAZIONI GARA PER GARA: SPRINTMEZZOFONDO - MARATONA E MARCIA - OSTACOLI E MULTIPLESALTILANCI

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 CAMPIONATI MONDIALI su PISTA