Folorunso tra gli ostacoli di Marsiglia

01 Luglio 2019

L'azzurra di nuovo nel giro di pista con barriere, martedì 2 luglio, contro la star americana Sydney McLaughlin. In gara anche Fraresso nel giavellotto e Zenoni nei 1500 metri


 

È il meeting di Marsiglia, in Francia, a ospitare la quarta uscita stagionale di Ayomide Folorunso nei 400 ostacoli. Martedì 2 luglio torna in gara l’azzurra delle Fiamme Oro, pochi giorni dopo aver avvicinato il proprio tempo limite nel giro di pista senza ostacoli a Nembro con 52.43, stavolta con l’ambizione di migliorare il primato stagionale siglato al debutto a Imola (55.56). La staffettista medaglia di bronzo agli Euroindoor di Glasgow con la 4x400 e terza classificata alle World Relays di Yokohama, ha già ottenuto lo standard per i Mondiali di Doha e la prossima settimana vivrà un’altra tappa di avvicinamento con l’Universiade di Napoli. Ma a Marsiglia, nel frattempo, la attende un’avversaria di lusso come la rivelazione degli ostacoli mondiali, la non ancora ventenne statunitense Sydney McLaughlin, straordinaria primatista del mondo under 20 (52.75) e candidata a dominare la scena nei prossimi anni. Per l’atleta allenata da Maurizio Pratizzoli anche il confronto con un’altra atleta da sub-55 come la russa finalista europea Vera Rudakova (54.48). Nelle precedenti apparizioni stagionali sui 400 ostacoli, dopo l’esordio da 55.56 a quattro decimi dal personale dello scorso anno, “Ayo” ha corso in 55.99 al Golden Gala e poi ha onorato la maglia della sua società d’origine (Cus Parma) nella Finale Oro dei Societari Assoluti con la vittoria in 57.32, nella specialità che l’ha già vista campionessa europea under 23 e quarta agli Europei “dei grandi” ad Amsterdam 2016.

Nella riunione francese alla quale ha rinunciato Davide Re dopo il super 44.77 del record italiano, Mauro Fraresso prova a tornare sugli standard che gli competono nel giavellotto. Lontano dagli ottanta metri a Conegliano (71,82) e a Nembro (72,13), l’azzurro cerca di dare una scossa alla propria stagione, che in inverno si era impennata con l’81,79 dei Tricolori di Lucca e che si era riaperta a fine maggio con il promettente 79,39 di Savona. Il trevigiano delle Fiamme Gialle dovrà vedersela con rivali del calibro del polacco Marcin Krukowski (88,09), quarto lo scorso anno agli Europei di Berlino. Impegno internazionale anche per Marta Zenoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) che sarà in pista nei 1500 metri a caccia di miglioramenti, per proseguire un percorso di rientro che le sta dando nuova fiducia. Il proprio limite risale al 2015 (4:14.50) ma il 26 aprile l’ha sfiorato a Milano con 4:14.63 e sulla distanza ha pure conquistato il titolo italiano under 23. Si preannuncia una gara tirata con avversarie anche da 4:02.90 come l’ugandese Esther Chebet.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI/Entries


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 FOLORUNSO AYOMIDE TEMILADE