Bianchetti e Bonvecchio sul podio di Arad

13 Marzo 2016

In Coppa Europa, il giovane pesista esordisce in Nazionale assoluta con un 19,78 che vale il terzo posto come il 76,66 del giavellottista trentino. Argento per il team senior maschile.


 

di Alessio Giovannini

Dopo quello di Marco Lingua nel martello, oggi arrivano altri due terzi posti per l'Italia dei lanci in Coppa Europa che festeggia anche l'argento con la squadra senior maschile ad appena 53 punti dalla Bielorussia (4344 contro i 4291 degli azzurri). Ad Arad (Romania) il pesista Sebastiano Bianchetti onora il suo battesimo in Nazionale assoluta con un 19,78 che vuol dire tante cose. Il ventenne della Studentesca CaRiRi, infatti, non solo conquista il podio del trofeo continentale, ma anche 38 centimetri di personal best rispetto al suo 19,40 indoor dello scorso 6 febbraio, l'ingresso nella top10 assoluta della specialità e la seconda migliore prestazione italiana under 23 di sempre all'aperto dopo il 19,92 di Alessandro Andrei (Firenze, 1981). Senza dimenticare che con questo risultato l'azzurro fa 3 centimetri meglio dello standard d'iscrizione (19,75) indicato nei criteri di partecipazione per gli Europei di Amsterdam (6-10 luglio). Oggi in Romania, il possente lanciatore di Contigliano (Rieti), pluriprimatista nazionale e bronzo europeo junior nel 2015, è stato autore di una serie con quattro lanci oltre i 19 metri: 19,16 - 18,92 - 18,97 - 19,78 - 19,45 - 19,24. Era da almeno 11 anni che un pesista italiano non si esprimeva su questi livelli: l'ultimo a mandare a referto una misura del genere era stato Marco Dodoni con un 19,85 indoor nel 2005 a Schio (VI) dove Bianchetti ormai da un paio di stagioni si allena sotto la guida tecnica di Paolo Dal Soglio che proprio oggi ha superato nel ranking nazionale Promesse (19,76 a Sheffield nel 1992). Nella storia della Coppa Europa di lanci c'è stato soltanto un altro atleta italiano in grado di piazzarsi tra i primi tre nel peso maschile: il nome è sempre quello di Dal Soglio, secondo con 19,96 a Nizza nel 2001 nella prima delle sedici edizioni della manifestazione.

"Quando ho visto che la palla di ferro era caduta praticamente sopra la linea dei 20 metri credevo davvero di averli fatti! - il commento di Bianchetti - Sono esploso in un urlo di gioia e sono subito corso ad abbracciare Paolo (Dal Soglio, ndr). Era più emozionato di me: è stato un onore che a farmi la matricola siano stati lui e un altro grande campione azzurro come Nicola Vizzoni. Mi hanno rasato la testa a croce e, visto che mi ha portato bene, non escludo di rifarmi lo stesso look alla prossima occasione: magari proprio agli Europei. Sono felice perchè oggi è arrivata la conferma che anche in un contesto internazionale riesco a mantenere la testa sulle spalle. E ora ho un sogno ancora più grande, perchè andare oltre i 20 metri significa puntare a quel 20,50 che rappresenta il minimo olimpico. Credetemi: lavorerò sodo per abbattere presto anche questo muro". Oggi, intanto, ad aggiudicarsi la gara è stato il romeno Andrei Gag che con 20,68 ha lasciato dietro di sè il portoghese Tsanko Arnaudov (19,85).

Giornata no per il finanziere romano Daniele Secci che, complice un fastidio al polpaccio sinistro, esce di pedana senza misura dopo cinque nulli.

Terzo anche il giavellottista Norbert Bonvecchio grazie ad una spallata d'apertura di 76,66. Il 30enne trentino - alla seconda gara dell'anno - viene preceduto dal bielorusso Uladzimir Kazlou, vincitore con 79,34, e dal francese Jeremy Nicollin, leader del gruppo B con 76,77. "E' il primo podio della mia carriera in un evento internazionale - racconta Bonvecchio -. Le sensazioni sono buone e mi sento pronto per fare qualcosa di più soprattutto in termini di misura. E' ora di tornare oltre gli 80 metri!". Sesto posto per il campione italiano invernale Antonio Fent: il carabiniere veneto trova la miglior misura all'ultimo ingresso in pedana, 74,80.

DONNE - L'intramontabile Mélina Robert-Michon conquista il quinto podio consecutivo in altrettante edizioni di Coppa Europa. Stavolta la 36enne discobola francese sbaraglia la concorrenza con 62,05. La migliore delle azzurre è la tricolore invernale Natalina Capoferri, sesta (53,04) davanti al bronzo dell'Universiade Stefania Strumillo (52,92). La moldava Zalina Marghieva domina il martello con 72,58: battute la francese, bronzo mondiale, Alexandra Tavernier (70,79) e la tedesca, ex primatista mondiale, Betty Heidler (69,83). E' la Francia a trionfare nella classifica finale del trofeo continentale mettendo in fila con 4249 punti i team di Repubblica Ceca (3854) e Ucraina (3726).

UNDER 23 - Poca fortuna per il ventenne giavellottista Roberto Orlando: il suo 61,31 lo lascia in fondo alla classifica (15esimo) dominata dal tedesco Julian Weber. Il campione europeo junior di Rieti 2013 centra il PB con 81,24, misura che gli avrebbe permesso di imporsi nettamente anche nella prova senior. Il pesista Andrea Caiaffa chiude decimo con 16,11, la vittoria va al turco Osman Ozdeveci (18,59). Meglio la discobola Giada Andreutti, sesta con 50,97: successo alla slovena Veronika Domjan (54,04). Nel martello femminile - nessuna atleta italiana in gara - affermazione della bielorussa Hanna Malyshik (68,76 PB). Germania al vertice tra gli under 23 (4083 punti), quinti gli azzurri (3709), mentre al femminile si impone l'Ungheria (3606). 

VIDEO | IL LANCIO DI 19,78 DI SEBASTIANO BIANCHETTI IN COPPA EUROPA AD ARAD

 
Sebastiano Bianchetti, terzo con 19,78 in Coppa Europa!

#atletica VIDEO | un'esplosione di gioia per il ventenne pesista Sebastiano Bianchetti che onora il suo battesimo in Nazionale assoluta con il terzo posto in Coppa Europa grazie ad un lancio di 19,78! CRONACA e RISULTATI: http://goo.gl/hJzUJ7

Pubblicato da Federazione Italiana di Atletica Leggera su Domenica 13 marzo 2016

RISULTATI/Results

LE PAGINE EA SULLA MANIFESTAZIONE

IL SITO DEGLI ORGANIZZATORI LOCALI

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: