Studenteschi: Veso in luce a Pescara

31 Maggio 2022

Nella manifestazione dedicata agli istituti scolastici, la saltatrice a 6,01 nel lungo allieve. Assegnati i primi titoli della Finale Nazionale

 

L’entusiasmo di tanti giovani accende Pescara nella Finale Nazionale dei Campionati Studenteschi di atletica. È un gradito ritorno della rassegna su pista per le scuole, dedicata agli istituti di primo e secondo grado: cadetti (nati nel 2008 e 2009) e allievi (dal 2005 al 2007). Una manifestazione che entra nel vivo, nella seconda delle tre giornate previste, con dodici titoli assegnati. Nel lungo Mifri Veso (Mattiussi-Pertini Pordenone) atterra per la prima volta sopra i sei metri con 6,01 (+1.8) e trentanove centimetri di progresso dopo aver già sfiorato di recente un’altra barriera, quella dei tredici nel triplo (12,97 a metà maggio) di cui è campionessa italiana indoor di categoria. Un’altra allieva friulana, la pesista Giada Cabai (Liceo scientifico Marinelli Udine), si impone con 14,99 a un paio di giorni dal 15,03 vincente al Brixia Meeting di Bressanone. In pista nei 100 ostacoli conquistano i titoli Chiara Grio (Liceo scientifico Galilei Trieste) in 14.45 (+0.7), davanti al 14.53 dell’atleta di casa Federica Giorgetti (Liceo D’Annunzio Pescara), e Giacomo Pietro Catalano (Liceo Moscati Grottaglie) con 13.27 (+0.4), mentre la velocista Alice Pagliarini (Liceo Nolfi-Apolloni Fano) impressiona correndo la semifinale dei 100 in 11.82 (+0.3), a tre centesimi dal fresco record personale e in attesa della finale di mercoledì mattina.

L’evento, organizzato dal Ministero dell’Istruzione con FIDAL, Sport e Salute, CONI e CIP, è anche un’occasione per far emergere il talento di volti nuovi del panorama giovanile. Negli 80 metri sfreccia sul rettilineo Kelly Doualla Edimo (Morzenti Sant’Angelo Lodigiano), tredici anni da compiere a novembre. Per ora a livello federale gareggia ancora nella categoria ragazze (under 14) ma si fa notare per le sue qualità di sprinter e domina in 9.95 (-0.6) dopo il 9.83 (+0.3) della semifinale di lunedì con cui aveva avvicinato il 9.79 (+1.3) ottenuto nella fase regionale di due settimane fa a Brescia. È nata nel 2009 anche Silvia Poko Canape (Tortona B) che valica la quota di 1,60 nell’alto. Al maschile il cadetto più veloce è Lorenzo Taddei (Orvieto Montecchio) con 9.49 (+0.7) sugli 80 metri, invece negli 80 ostacoli riescono a prevalere il trentino Diego Basteri (Bassa Anaunia Tuenno) in 11.63 (+1.2) e la biellese Isabella Pastore (Schiaparelli Occhieppo Inferiore), 12.55 (-1.1). Dalle pedane arrivano anche i successi di Gabriele Ciappesoni (Volta Lecco), 1,70 alla prima prova nell’alto, e dell’altoatesina Hannah Thaler (Brunico II) con 5,31 (+0.6) nel lungo, mentre la gara del vortex cadetti premia il lancio di Alfusaim Camara (Antonio Ugo Palermo) a 74,80. Nella mattinata conclusiva, mercoledì, in palio i restanti 16 titoli individuali e quelli per gli istituti scolastici.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su: