Start a Doha per la corsa al diamante

12 Maggio 2022

Venerdì pomeriggio scatta la Wanda Diamond League, vigilia azzurra in Qatar. Le voci di Tamberi (alto), Tortu (200), Battocletti (3000) e Abdelwahed (3000 siepi). DIRETTA Rai 2 e Sky Sport Uno

 

Da Doha alle finali di Zurigo, passando per Roma, giovedì 9 giugno. La Wanda Diamond League riapre i battenti nel consueto caldo afoso della capitale del Qatar, nel pomeriggio di venerdì, con le prime sfide tra le star mondiali e con quattro azzurri: i campioni olimpici Gianmarco Tamberi e Filippo Tortu e i mezzofondisti Nadia Battocletti e Ahmed Abdelwahed. Diretta tv su Rai 2 dalle 18.30 alle 19.40, su Sky Sport Uno e Sky Sport Arena dalle 18 alle 20.

Nella conferenza stampa della vigilia, tra le stelle globali, era presente l’oro del salto in alto Gianmarco Tamberi (Fiamme Oro) insieme al grande amico Mutaz Barshim: “Dopo quello che è successo a Tokyo e l’oro condiviso con Mutaz, Doha è la mia seconda casa - le parole dell’azzurro, campione in carica della Diamond League - quando sono venuto qui ad allenarmi il mese scorso, sono stato accolto alla grande, c’è un feeling speciale con questa città. Sono orgoglioso di cominciare qui la mia stagione. La medaglia condivisa è stato qualcosa di incredibile, il momento più bello della mia vita. Non cambierei nulla di come è andata. Succederà di nuovo a Eugene? No, non accadrà più”, dice insieme a Barshim, che ha annunciato apertamente di voler entrare nella storia diventando il primo uomo a conquistare tre medaglie d’oro mondiali nel salto in alto. Per il 29enne anconetano è il primo impegno della stagione all’aperto dopo il bronzo mondiale indoor di Belgrado (2,31). Riflettori anche sull’oro della rassegna iridata al coperto Woo Sang-hyeok (2,36 in inverno). Occhio pure allo statunitense JuVaughn Harrison e al neozelandese Hamish Kerr, oltre a Brandon Starc (Australia), Django Lovett (Canada) e Shelby McEwen (Stati Uniti).

Missione riscatto dopo il 10.24 nei 100 di Nairobi per Filippo Tortu (Fiamme Gialle): “Sono arrivato a Doha domenica notte e ho avuto qualche giorno per acclimatarmi - racconta lo sprinter azzurro, oro a Tokyo con la 4x100 - È una bella emozione tornare dove sono entrato in finale ai Mondiali del 2019 e non vedo l’ora di scendere in gara domani sera. L’esordio strano di Nairobi mi ha lasciato addosso una sensazione di non completezza che vorrei colmare domani sera. Sono molto carico e concentrato”. Nei 200 metri del Qatar Sports Club promettono fuoco e fiamme l’oro olimpico Andre De Grasse (Canada), l’oro mondiale Noah Lyles (Usa) e l’altro statunitense Fred Kerley. Tante avversarie di primissima fascia anche per Nadia Battocletti (Fiamme Azzurre) nei 3000 metri: “Ho visto le partenti ed è una gara ‘alla morte’, bellissima. Non so ancora su che passaggi vogliano viaggiare, ma resta il fatto che mi sono allenata bene anche sui ritmi veloci. Mi aspetto una gara tiratissima, con tutte le atlete in fila, o almeno lo spero, così si evitano cadute e spintoni”. Al via la due volte campionessa olimpica dei 1500 Faith Kipyegon (Kenya), la connazionale primatista del mondo delle siepi Beatrice Chepkoech, l’etiope bronzo mondiale indoor dei 3000 Ejgayehu Taye, l’argento olimpico degli 800 di Rio Francine Niyonsaba (Burundi). Show anche nelle siepi con l’intero podio di Tokyo: oro Soufiane El Bakkali (Marocco), argento Lamecha Girma (Etiopia), bronzo Benjamin Kigen (Kenya). Ahmed Abdelwahed parte da qui: “C’è un sacco di gente forte - le parole dell’azzurro delle Fiamme Gialle, in finale alle Olimpiadi di Tokyo - non sono ancora al top ma considerando che è la prima gara dell’anno, dopo molti cambiamenti, parto senza troppe aspettative”.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI e PROGRAMMA ORARIO


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate