Societari: i più attesi delle quattro finali

16 Settembre 2022

Il weekend decisivo dei Campionati di Società Assoluti a Brescia, Perugia, Palermo e Saronno. Nella prima giornata della Finale Oro in pedana Fantini nel martello, Osama Zoghlami in Umbria nelle siepi

 

di Nazareno Orlandi

Corpo a corpo. Un punto in più, una posizione guadagnata, può determinare i destini della propria squadra e cambiare la classifica. La prestazione, intesa come crono e come misura, certamente conta. Ma nelle finali dei Campionati di Società Assoluti è ancora più importante portare il massimo bottino al club di appartenenza. Accadrà a Brescia per la Finale Oro, a Perugia per l’Argento, a Palermo per il Bronzo e a Saronno (Varese) per la finale B. Nella prima giornata di Brescia, spicca la presenza del bronzo europeo del martello Sara Fantini, che oggi, venerdì, spegne 25 candeline (auguri!). Tra gli azzurri, nel day 1, da seguire anche Edoardo Scotti e Alice Mangione nei 400, Gloria Hooper nei 100, Ludovica Cavalli nei 1500, Dariya Derkach nel triplo, Francesco Fortunato e Valentina Trapletti nella marcia. A Perugia i 3000 siepi del bronzo europeo Osama Zoghlami e il martello dell’oro mondiale U20 Rachele Mori. A Palermo il triplo del cubano campione della Diamond League Andy Diaz. Sabato e domenica diretta streaming su www.atletica.tv per la finale-scudetto di Brescia, differita su RaiSport+HD nei giorni successivi. Ecco, nel dettaglio, gli atleti più attesi del weekend che esalta la sana competizione tra società. 

ISCRITTI E PROGRAMMA ORARIO - BRESCIA - PERUGIA - PALERMO - SARONNO

LA FINALE ORO DI BRESCIA (Campo di atletica Gabre Gabric)

SPRINT - Cento e duecento, oltre alla staffetta: triplo impegno per Gloria Hooper (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco), la staffettista azzurra che ha contribuito al bronzo europeo della 4x100 correndo in batteria. Nei 100 incontra le U23 Giorgia Bellinazzi (Atl. Brugnera Friulintagli) e Hope Esekheigbe (Assindustria Sport), nei 200, peraltro mai affrontati in stagione, si misura ancora con Bellinazzi. È il primo duecento dell’anno anche per Edoardo Scotti che difende i colori della sua società di provenienza, il Cus Parma: su questa distanza si confronta con il cubano dell’Enterprise Sport&Service Arnaldo Romero e con Andrea Federici (Atl. Biotekna), sui “suoi” 400 invece si preannuncia una lotta con gli altri specialisti azzurri Brayan Lopez (Athletic Club 96 Alperia), Pietro Pivotto (Atl. Biotekna) e Lapo Bianciardi (Avis Barletta). Tanta Nazionale anche nel giro di pista al femminile, con Alice Mangione (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco), Virginia Troiani (Cus Pro Patria Milano), Ayomide Folorunso (Cus Parma), Raphaela Lukudo (La Fratellanza 1874 Modena) e Giancarla Trevisan (Bracco Atletica). Per il bottino pieno nei 100, invece, il duello più probabile è quello fra Federici e il cubano Jenns Fernandez (Enterprise Sport&Service). Curiosità nelle staffette: una frazione della 4x100 della Studentesca Milardi Rieti per la primatista dell’asta Roberta Bruni, il testimone della Firenze Marathon passerà anche per le mani della lunghista Larissa Iapichino.

MEZZOFONDO - Fari su due mezzofondiste della generazione 2000, anche in prospettiva stagione del cross. Ludovica Cavalli (Bracco Atletica) ha stupito per personalità nella batteria continentale dei 1500 a Monaco di Baviera: a Brescia si sdoppia tra la sua distanza preferita e gli 800 metri, sfidando rispettivamente Giulia Aprile (Atl. Firenze Marathon) e Joyce Mattagliano (Atl. Brugnera Friulintagli). All’Olympiastadion non c’era invece Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino) che ha dovuto rinunciare agli Europei e che rientra sulla pista del quartiere Sanpolino nei 5000 metri: tra le sue avversarie anche Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano). Nei 3000 siepi va seguita l’azzurra di Monaco Laura Dalla Montà (Assindustria Sport) opposta a Ilaria Bruno (Atl. Brugnera Friulintagli). Al maschile, Giovanni Filippi (La Fratellanza 1874 Modena) si presenta con i migliori accrediti negli 800 e nei 1500: nel primo caso potrebbe battersi con Zohair Hadar (Avis Barletta), nell’altra specialità con il lettone dell’Enterprise Sport&Service Janis Razgalis. Duelli d’Africa nei 5000 (l’ugandese dell’Avis Barletta Peter Maru contro il burundese della Quercia Trentingrana Egide Ntakarutimana) e nei 3000 siepi: il tunisino dell’Athletic Club 96 Alperia Mohamed Jhinaoui vs il keniano della Virtus Lucca Albert Kipchirchir.

OSTACOLI - L’ultima fatica di Ayomide Folorunso sui 400 ostacoli. La primatista italiana (54.34 ai Mondiali di Eugene), settima agli Europei, onora la maglia del suo Cus Parma in una sfida tra presente e futuro con la junior di casa Alessia Seramondi (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) cresciuta quest’anno fino a 57.29. Nel giro di pista con barriere al maschile, parte da n.1 José Bencosme che a trent’anni, dopo stagioni difficili, ha violato i 49 secondi ai Giochi del Mediterraneo (48.91). Interessante il match dei 100hs con Nicla Mosetti (Bracco Atletica) che sempre a Orano ha bussato alle porte dei tredici secondi (13.02), con Elena Carraro (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) e con Giada Carmassi (Atl. Brugnera Friulintagli). Francesco Ferrante (Atl. Firenze Marathon) gioca il ruolo di favorito nei 110hs. 

SALTI - Sono salti azzurri, quelli in rosa. Lo spirito di appartenenza spinge Roberta Bruni in pedana per accendere la sua Studentesca Rieti Milardi: Brescia arriva dopo il 4,72 da record di Rovereto e il quarto posto nella finale di Diamond League a Zurigo. Nell’asta si rinnova il duello con la finalista mondiale indoor Elisa Molinarolo (Atl. Riviera del Brenta) nel quale prova a inserirsi la junior Great Nnachi (Battaglio Cus Torino) appena salita al personale di 4,30. Lungo e triplo per Dariya Derkach (Acsi Italia), due volte oltre i quattordici metri nell’hop-step-jump nelle ultime due uscite a Padova e Formia: ai Societari la attendono la lunghista bronzo mondiale U20 Marta Amani (Cus Pro Patria Milano) e la triplista Veronica Zanon (Assindustria Sport). Alto con Teresa Maria Rossi (Cus Pro Patria Milano) e Rebecca Mihalescul (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco). Una star internazionale per l’asta al maschile: è il brasiliano campione olimpico di Rio e bronzo di Tokyo (nonché argento mondiale indoor di Belgrado) Thiago Braz, in maglia Avis Barletta, rivale di lusso per Matteo Oliveri (Atl. Virtus Lucca). Lungo con Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia), triplo con Fabio Pagan (Atl. Biotekna), alto con Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter).

LANCI - L’applauso più forte sarà per lei, la donna che sta spostando i confini del martello azzurro, la medaglia di bronzo degli Europei di Monaco Sara Fantini, già quarta ai Mondiali in Oregon: nella gara che apre la finale di Brescia la portacolori del Cus Parma chiude la stagione insieme ad altre tre atlete in ascesa come Cecilia Desideri (Studentesca Rieti Milardi), Lucia Prinetti (Assindustria Sport) ed Emily Conte (Atl. Riviera del Brenta). Dal fronte peso, Nick Ponzio vs Leonardo Fabbri si prospetta il duello più appassionante dell’intera finale. I due lanciatori azzurri che rappresentano l’Athletic Club 96 Alperia e la Firenze Marathon incrociano le lame per la decima volta in questa stagione e nessuno vuole farsi sfuggire la prima piazza: un Fabbri in netta ripresa è riuscito a mettere la testa avanti per la prima volta a Padova con 21,16. La lotta si estende anche al terzo pesista degli Europei, Sebastiano Bianchetti (Studentesca Rieti Milardi). Ponzio è iscritto anche nel disco, specialità che ritrova Federico Apolloni, svestiti i panni di tecnico e indossati di nuovo, per un giorno, quelli di atleta, per amore della sua società Firenze Marathon. Nel disco femminile, Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi) è fresca di record italiano U20 (54,80 a Pietrasanta) e nello scorso weekend a Pescara ha dimostrato di poter allungare ancora: l’ostacolo per la vittoria è Emily Conte. Studentesca Rieti da leader stagionale anche nel peso femminile con Martina Carnevale, al cospetto dell’impagabile Assunta Legnante (Acsi Italia), nel martello maschile con Simone Falloni, faccia a faccia con Giacomo Proserpio (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), e nel giavellotto con Giovanni Bellini, testa a testa con Simone Comini (Atl. Biotekna).

MARCIA - In gara i due migliori marciatori azzurri della 20 km agli Europei di Monaco di Baviera: Francesco Fortunato (Enteprise Sport&Service) e Valentina Trapletti (Bracco Atletica). Fortunato, quinto in Germania, quindicesimo ai Mondiali di Eugene, sui 10.000 su pista deve respingere i potenziali attacchi di Andrea Cosi (Atl. Firenze Marathon) che sulle strade di Monaco si è classificato decimo, e di Riccardo Orsoni (Cus Parma). Di spessore è stata anche la stagione di Valentina Trapletti (Bracco Atletica), a sua volta quinta a Monaco, ottava in Oregon: nei 5000 l’insidia maggiore è la freschezza della junior Alexandrina Mihai (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco).

LE ALTRE FINALI

PERUGIA (Finale Argento) - A Perugia la copertina è per i gemelli Osama e Ala Zoghlami. Il tandem del Cus Palermo si spartisce le gare del mezzofondo: al bronzo europeo dei 3000 siepi Osama, oltre alla sua specialità toccano anche i 5000 metri, ad Ala gli 800 e i 1500. In maglia Atletica Livorno lancia la campionessa del mondo U20 del martello Rachele Mori. Sprint per gli staffettisti azzurri Matteo Melluzzo (Milone Siracusa) e Irene Siragusa (Atletica 2005), nei salti Simone Biasutti (Trieste Atletica) per triplo e lungo, nei lanci i discoboli Stefania Strumillo (Atletica 2005) e Alessio Mannucci (Atl. Livorno) e il pesista Riccardo Ferrara (Cus Palermo), nella marcia l’azzurra Federica Curiazzi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter).

PALERMO (Finale Bronzo) - La scena, a Palermo, è per la co-primatista italiana del disco Daisy Osakue (Sisport) e per tre atleti stranieri di ottimo livello: su tutti il campione della Diamond League con 17,70 nel triplo Andy Diaz (Libertas Unicusano Livorno) ma anche il cingalese da 9.96 nei 100 Yupun Abeykoon (Nissolino Sport) e l’ottocentista bosniaco Amel Tuka (Atl. Insieme Verona) già argento mondiale a Doha 2019. In gara anche il duecentista Diego Pettorossi (Libertas Unicusano Livorno), la saltatrice in alto Marta Morara (Atl. Lugo), il marciatore Gianluca Picchiottino (Libertas Unicusano Livorno), i discoboli Enrico Saccomano (Atl. Malignani Libertas) e Carmelo Musci (Aden Exprivia Molfetta).

SARONNO (Finale B) - Tra i protagonisti annunciati di Saronno (Varese) il discobolo Giovanni Faloci (Atl. Avis Macerata), la saltatrice in alto Idea Pieroni (Atl. Virtus Lucca), la marciatrice Simona Bertini (Francesco Francia Bologna).

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it  



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate