Parigi: sesto Desalu, Fraser-Pryce 10.67

18 Giugno 2022

Settima tappa della Diamond League: il campione olimpico 20.52 nei 200, ottava Vallortigara nell'alto con 1,88 (Mahuchikh 2,01), ritirato Crippa nei 5000. Vola la sprinter giamaicana nei 100

 

Sesto Desalu, ottava Vallortigara, ritirato Crippa: questo il verdetto in chiave azzurra della settima tappa della Wanda Diamond League allo stadio Charlety di Parigi. Una prestazione in linea con le due precedenti nei 200 metri per Fausto Desalu (Fiamme Gialle), campione olimpico della 4x100: è sesto con lo stagionale di 20.52 (+0.6), distante dallo scatenato sudafricano Luxolo Adams che vola in 19.82, davanti al dominicano Alexander Ogando (20.03) e al francese Mouhamadou Fall (20.26). Quarto, ancora senza guizzi, il canadese oro olimpico Andre De Grasse (20.38), quinto con lo stesso tempo di Desalu il francese Amaury Golitin. Per l’azzurro era la terza uscita in Diamond League nei 200 dopo il 20.54 di Doha e il 20.59 del Golden Gala. Ottavo posto per Elena Vallortigara (Carabinieri) nel salto in alto, illuminato dalla migliore prestazione mondiale 2022 dell’ucraina Yaroslava Mahuchikh (2,01, poi tre errori a 2,05). L’azzurra oltrepassa 1,88 e non riesce a superare 1,92. È tripletta ucraina: dopo l’oro mondiale indoor si classificano Iryna Gerashchenko (1,98) e Yuliya Levchenko (1,95). Nei 5000 vinti dall’etiope Selemon Barega (12:56.19) si ferma dopo 3700 metri il primatista italiano Yeman Crippa (Fiamme Oro) che per oltre metà gara era rimasto nel cuore del gruppo.  

LE ALTRE GARE - Eterna Shelly-Ann Fraser-Pryce (Giamaica), 10.67 nei 100 (+0.5) per pareggiare la sua migliore prestazione mondiale dell’anno. World lead anche nei 3000 siepi per Winfred Yavi (Bahrain) con un sontuoso 8:56.55 che la spedisce al quarto posto di ogni epoca. Spettacolare gara di triplo con il dominio di tre cubani o ex cubani: Jordan Diaz 17,66 (-1.4), Andy Diaz (Libertas Unicusano Livorno) al maestoso personale di 17,65 (-0.8), Pedro Pichardo (Portogallo) 17,49 (-1.1). Doppietta Bahamas nei 400 metri con l’affermazione dei campioni olimpici Steven Gardiner (44.21) e Shaunae Miller-Uibo (50.10). Spunta il francese Benjamin Robert negli 800 metri: il suo 1:43.75 è prima cancellato per squalifica, poi riammesso. Primato continentale d’Africa per Tobi Amusan e il suo regale 12.41 (-0.4) nei 100hs, specialità che invece al maschile premia Devon Allen (Usa, 13.16/-0.2). Nell’asta con 5,80 il belga Ben Broeders piega l’idolo di casa Renaud Lavillenie (5,80 alla seconda). Vivacità nei lanci: il polacco oro olimpico Wojciech Nowicki firma il record della Diamond League nel martello (81,25), la discobola americana Valarie Allman scaglia l’attrezzo a 68,68, nel giavellotto 63,13 per la giapponese Haruka Kitaguchi.

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate