Ostacoli e multiple d’Europa: Bol, Warholm e…

11 Agosto 2022

L’olandese vuole la doppietta 400-400hs a Monaco di Baviera, il norvegese punta alla rivincita dopo i Mondiali, Italia con Folorunso. Nel decathlon e nell’eptathlon gli ori di Eugene Mayer e Thiam

 

Karsten Warholm e Femke Bol tra le superstar degli Europei di Monaco di Baviera (15-21 agosto) nel giro di pista con barriere. Ecco le presentazioni delle gare continentali per gli ostacoli, e anche le prove multiple, con i campioni del mondo Kevin Mayer (decathlon) e Nafi Thiam (eptathlon).

di Marco Buccellato

 

OSTACOLI

110 METRI OSTACOLI. Tra i vecchi leoni Pozzi e Martinot-Lagarde (campione uscente ma non nella sua migliore stagione), ecco fiorire la generazione dei giovani come lo spagnolo Asier Martinez (bronzo ai Mondiali) e il talento francese Sasha Zhoya, il futuro, cui la Francia si affida insieme al collaudato Manga e all'altra novità Kwaou-Mathey. Regolari e competitivi il polacco Czykier e lo svizzero Joseph, sempre efficace il cipriota Trajkovic, la gara degli ostacoli alti è apertissima a più scenari. Italia senza medaglie dall'accoppiata d'oro di Eddy Ottoz tra il 1966 e il 1969.
Azzurri in gara: Hassane Fofana (Fiamme Oro), Lorenzo Simonelli (Esercito)

400 METRI OSTACOLI. Karsten Warholm, favorito tra i favoriti assieme a Mondo Duplantis, ha patito a Eugene l'infortunio di Rabat che ne ha compromesso le chances di essere competitivo per il titolo mondiale. Qualche settimana dopo, in condizioni fisiche che si presuppongono migliori, cerca il secondo oro europeo dopo quello conquistato a Berlino. Tra lui e il titolo, la sensazionale crescita del francese Happio, e con ambizioni di podio lo svedese Bengtstrom e il belga Watrin, senza dimenticare l'esperienza del turco Copello. Assente l'estone Magi, carta sicura per le medaglie. 
Azzurri in gara: José Bencosme (Avis Barletta), Giacomo Bertoncelli (Atl. Insieme Verona), Mario Lambrughi (Atl. Riccardi Milano 1946)

100 METRI OSTACOLI. La polacca Pia Skrzyszowska è la specialista più in progresso del panorama europeo, con personali abbattuti a ripetizione e, per ultimo, un roboante 12.51. Per i favori del pronostico, la carta propone la britannica Cindy Sember-Ofili (che intende emulare sua sorella Tiffany Porter, oro nel 2014) e l'olandese Nadine Visser. Assente, com'è noto, la bielorussa campionessa uscente Elvira Herman. La Germania, sempre a podio nelle ultime tre edizioni, non ha specialiste in grado di competere ad altissimo livello.
Azzurre in gara: Luminosa Bogliolo (Fiamme Oro), Elisa Di Lazzaro (Carabinieri)

400 METRI OSTACOLI. Femke Bol sarà alla quarta fatica in pochi giorni nel momento della finale dei 400 ostacoli, considerato l'obiettivo di doppiare 400+400hs. E' solo questo il motivo per cui il 100% del suo successo, sulla carta, non è assicurato, ma l'olandese volante ha abituato a sorprendere. Una finale cui ambiscono le norvegesi Kloster e Iuel, le britanniche Knight e Nielsen, le ucraine Tkachuk e Ryzhykova, l'argento uscente. Fronte Italia (mai sul podio dal debutto della specialità agli Europei, nel 1978) con Ayomide Folorunso neo-primatista nazionale e con rendimento regolare sul piano cronometrico sotto i 55".
Azzurre in gara: Ayomide Folorunso (Fiamme Oro), Rebecca Sartori (Fiamme Oro), Linda Olivieri (Fiamme Oro)


PROVE MULTIPLE

DECATHLON. Una specie di Eugene reload, con molti protagonisti della kermesse in Oregon, a iniziare dall'iridato francese Kevin Mayer, e a seguire l'estone Maicel Uibo (e Oiglane), il campione del mondo di Doha Niklas Kaul, numero uno tedesco ma ben accompagnato dai vari Nowak, Kazmirek e dal campione uscente Arthur Abele, e infine lo svizzero Simon Ehammer, che ai Mondiali ha gareggiato (con bronzo) solo nel lungo per puntare alle dieci fatiche in Europa. Tra i giovani in crescita a livello internazionale, il norvegese 20enne Skotheim e l'azzurro 22enne Dario Dester
Azzurri in gara: Dario Dester (Carabinieri)

EPTATHLON. L'asse formato da Nafissatou Thiam e Anouk Vetter offre la replica a Monaco: oro e argento ai Mondiali di Eugene così come a Tokyo, Thiam oro europeo uscente a Berlino e Vetter due anni prima ad Amsterdam. La coppia del Benelux, una belga e l'altra olandese, domina il quadro dei pronostici, nei quali per il podio sono ben quotate le rispettive connazionali Vidts e Oosterwegel, la giovane elvetica Kalin, la polacca Sulek e, tornata in condizione nelle ultime settimane, la spagnola Maria Vicente.
Azzurre in gara: Sveva Gerevini (Carabinieri)

MONACO 2022 | TUTTI GLI ISCRITTI

LA SQUADRA ITALIANA - PROGRAMMA ORARIO - GLI ORARI DEGLI AZZURRISTATISTICS HANDBOOKLA PAGINA EA DELLA MANIFESTAZIONE

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 CAMPIONATI EUROPEI su PISTA