Madrid: Fortunato quinto nella 10 km di marcia

16 Maggio 2022

Buona prova del campione italiano che chiude in 39:21. Più indietro l’oro olimpico Stano, staccato già nel primo chilometro e tredicesimo in 40:21. Vittoria allo svedese Karlstrom (38:42)

 

Quinta piazza per Francesco Fortunato, meno brillante del solito il campione olimpico Massimo Stano. È il verdetto della 10 km di marcia andata in scena stamattina a Madrid sulla Gran Via, nel cuore della capitale spagnola. Buona prova per Fortunato (Fiamme Gialle), tre volte campione italiano della distanza: completa la prova in 39:21, nella sfida dominata dallo svedese Perseus Karlstrom (38:42) che sferra l’azione decisiva nell’ultimo chilometro, dopo aver dettato fin dal primo metro i ritmi della gara, sempre in pieno controllo. Più indietro Stano (Fiamme Oro) che chiude al tredicesimo posto, mai realmente in gara, staccato dai migliori già nel primo chilometro: 40:21 il crono finale. Nella gara femminile, diciannovesimo posto per Simona Bertini (Francesco Francia Bologna) in 47:35, ventiquattresima Beatrice Foresti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 51:00), assolo per la cinese oro olimpico della 20 km di Londra Qieyang Shijie (43:07).

Gara tutta in rimonta quella di Fortunato, sempre a suo agio sulla distanza dei 10 km, seguito a Madrid dal suo coach Riccardo Pisani. Il 27enne pugliese che è stato quindicesimo nella ‘venti’ delle Olimpiadi di Tokyo manca di soli quindici secondi il primato personale, realizzato a Modena nell’ottobre del 2020 (39:06). Nella seconda parte, recupera sul quintetto che era passato in testa a metà gara e che si era progressivamente sfilacciato per effetto del forcing del bronzo mondiale della 20 km Karlstrom. Secondo posto per lo spagnolo Diego Garcia Carrera (38:49), terzo il brasiliano Caio Bonfim (39:13), quarto il cinese Zhang Jun (39:18), sulla sua scia Fortunato. Un minuto in più per Stano che negli ultimi mesi si è concentrato sulla 35 km (trionfo a Dudince in 2h29:09), senza dedicarsi nello specifico ai ritmi veloci.

“La 10 km è la ‘mia’, ho chiuso in 3:55, 3:55, 3:51 negli ultimi tre chilometri - racconta Fortunato - il percorso era veramente tosto, con tanta pendenza, simile a quello dei Mondiali a squadre in Oman. Però stavolta mi ci sono trovato bene, ero davvero in giornata e questo risultato serviva dopo alcune trasferte che sono andate non come avrei voluto. Dovevo solo ingranare e ‘beccare’ la gara. Ho distribuito bene, passando in 19:38 ai cinque chilometri e restando sempre nel vivo, prima di riprendere diversi avversari che mi stavano davanti. Ora penso alla 20 km del 28 maggio a La Coruña per ottenere lo standard mondiale”.

“Mi sono accorto subito che la gamba non andava, provavo a spingere ma niente - le parole di Massimo Stano, al terzo impegno in meno di un mese dopo la 35 km di Dudince e la 20 km di Alberobello - non è mai bello arrivare così indietro perché oggi mi confrontavo con avversari di altissimo livello. L’umore si abbassa un po’ ma tornerò a lavorare più forte di prima, nella prossima settimana: l’importante sono le distanze estive con la 35 km dei Mondiali e la 20 km degli Europei”.

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate