La Torre: “Voglio un’Italia con tanta passione”

09 Dicembre 2022

Gli azzurri arrivati a Venaria Reale per gli Europei di cross di domenica: “Se non sei un leone, su un percorso così duro ti perdi. Crippa fuoriclasse creativo, Battocletti la più continua, con la staffetta possiamo competere”

 

“Che squadra mi aspetto? Estremamente tosta e combattiva”. A due giorni dagli Europei di cross, nel pomeriggio di oggi il team azzurro è arrivato a Venaria Reale, alle porte di Torino, teatro della rassegna continentale di domenica, con qualche goccia di pioggia e il termometro che supera di poco gli zero gradi: sabato mattina al Parco La Mandria è prevista la classica ricognizione della vigilia per studiare il percorso, già in larga parte conosciuto dal team azzurro. Il direttore tecnico Antonio La Torre, nell’ultimo appuntamento di una stagione ricca di soddisfazioni, sa perfettamente che tra freddo e tracciato impegnativo bisognerà lottare: “Su questo percorso se non sei un leone o una tigre c’è il rischio di perdersi - le parole del DT - oltre a richiedere tanta preparazione, in questi EuroCross è fondamentale la ‘passionaccia’: quelle due salite secche ti fanno scoppiare il cuore in gola e non c’è tanta spiegazione fisiologica, si tratta soltanto di chiudere gli occhi e andare. Sarà davvero una campestre per donne e uomini duri”.

Determinazione e compattezza sono le parole chiave che il DT userà nella riunione di squadra della vigilia: “Non sono molte le occasioni per mettere insieme i big e gli emergenti: questa è un’unica Nazionale con gli assoluti e gli allievi, da Crippa alla Sidenius che è del 2006. Siamo un blocco unico e lo spirito deve permeare completamente il gruppo”. In questo senso, è significativa la presenza in squadra in qualità di ‘team ambassador’ del re del cross Andrea Lalli, unico a vincere in ognuna delle tre categorie: “Può mettere la sua ‘cazzimma’ a disposizione degli azzurri, è una bella iniziativa perché riannodare i fili della nostra storia è importante”.

Inutile negare che l’assenza di Iliass Aouani positivo al Covid richieda un impegno ancora maggiore degli altri azzurri nella gara senior: “Perdiamo un profilo importante, soprattutto per quello che aveva fatto vedere nei cross all’estero. Ma non dobbiamo avere alibi: in squadra c’è un fuoriclasse creativo come Yeman Crippa che deve a tutti dare la spinta. È in una condizione fisica e psichica completamente diversa dallo scorso anno, è entrato in un’altra dimensione: insieme a Nadia Battocletti è il leader indiscusso di questa squadra, esempio per tutti”.

Battocletti, appunto. “È tra le atlete che ha avuto più continuità negli ultimi anni - continua il DT, ricordando le sue tre vittorie consecutive nelle categorie giovanili - ha già detto che non ha fretta e può giocarsela ancora tra le U23, pur avendo la classe per competere a livello assoluto. Qui abbiamo ambizioni individuali e di squadra più che solide: Arnaudo ha saputo dare del ‘tu’ al percorso in maniera convincente al J Medical Cross, è un volto gentile che dentro ha rabbia agonistica enorme. E da Cavalli e Bado mi aspetto la proverbiale generosità”. L’Italia può recitare un ruolo importante anche nella staffetta: “Con Arese, Bouih, Del Buono e Sabbatini possiamo per la prima volta competere per i piazzamenti che contano, da Gaia mi aspetto l’anteprima di un 2023 che sia diverso dall’estate ’22”. Venaria Reale è anche l’occasione per i più giovani, per “vivere il contesto internazionale e per prendere dagli Europei tanta carica e non la paura”.

IL PROGRAMMA GARE
9:35 - U20 uomini (6 km)
10:03 - U20 donne (4 km)
10:30 - Staffetta mista (4 x 1,5 km)
11:30 - U23 uomini (8 km)
12:03 - U23 donne (6 km) 
12:33 - Senior donne (8 km) 
13:10 - Senior uomini (10 km)

TUTTI GLI ISCRITTI - LA SQUADRA AZZURRA - IL SITO UFFICIALE www.piemonte2022-lamandriapark.com

naz.orl.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate

 CAMPIONATI EUROPEI di CROSS