L’atletica piange il giovane Sarigne

21 Giugno 2022


 

Si è tuffato nel Piave per soccorrere il fratello in difficoltà e la corrente ha portato via entrambi. È morto così, a Fagarè di San Biagio di Callalta, nel Trevigiano, Bassirou Bop Sarigne, giovane velocista d’origine senegalese, tesserato per l’Atletica San Biagio. “Bas”, come tutti lo chiamavano, aveva 18 anni. Il fratello Fallou, accomunato nello stesso tragico destino, quattro in meno. Il presidente dell’Atletica San Biagio, Silvano Tomasi, lo ricorda così: “Un bravo ragazzo, tranquillo, educato, di una famiglia ben inserita nella vita del paese. Faceva 100 e 200, si allenava con il tecnico Mauro Franzero. Non sarebbe diventato un campione, ma correva con voglia. E quando gli si chiedeva una mano per organizzare qualcosa, era sempre disponibile. Una tragedia enorme”. Ai familiari di Bassirou Bop Sarigne va l’ideale abbraccio del presidente FIDAL Stefano Mei, del Consiglio federale e di tutta l’atletica italiana. 

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate