Fiamme Gialle verso il 2022: celebrati gli ori olimpici

10 Dicembre 2021

Le medaglie d’oro Palmisano, Tortu, Patta e Desalu atleti dell’anno per il club gialloverde, insieme alla campionessa paralimpica Sabatini. A Donato il premio alla carriera

 

Si è svolto oggi a Roma, nel Salone d’Onore del CONI, il tradizionale incontro di fine anno delle Fiamme Gialle con la stampa e le autorità, contenitore di molteplici iniziative: dalla presentazione della stagione agonistica 2022, alla premiazione degli atleti delle sezioni giovanili che si sono particolarmente distinti nella stagione appena conclusa, dalla presentazione del calendario da tavolo, all’assegnazione di numerosi riconoscimenti speciali. Momento clou della cerimonia, alla quale ha partecipato il presidente della FIDAL Stefano Mei, l’assegnazione dei premi di atleta dell’anno alle medaglie d’oro delle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo: per l’atletica Filippo Tortu, Lorenzo Patta, Fausto Desalu (4x100), Antonella Palmisano (20 km marcia) e Ambra Sabatini (100 metri paralimpici), insieme a Valentina Rodini, che ha trionfato nel canottaggio, e al velista Ruggero Tita. A ricevere il premio alla carriera è stato il triplista Fabrizio Donato, primatista italiano all’aperto e indoor, pluricampione europeo e vincitore della medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, che ha lasciato l’attività agonistica. Poi è toccato ai giovani tra i quali il velocista Angelo Ulisse, bronzo nella staffetta 4x100 agli Europei under 20, e agli allenatori delle sezioni giovanili Lorenzo Dessi, Claudio Licciardello e Valentino Brichese. Il premio “Compagni di viaggio” è andato invece a Massimo Stano (Fiamme Oro), medaglia d’oro nella 20 km di marcia alle Olimpiadi di Tokyo, sotto la guida del tecnico gialloverde Patrizio Parcesepe, ma sono stati premiati inoltre i rappresentanti delle squadre che hanno partecipato alla “Staffetta dell’Amicizia” nel corso del meeting “We run togheter”.

Ad aprire la serie di interventi il Gen.B. Flavio Aniello, comandante del Centro Sportivo della Guardia di Finanza, che ha sottolineato come “dall’ultima cerimonia, svoltasi qui nel dicembre del 2019, poco prima che l’emergenza Covid ci travolgesse, lo sport è stato uno dei pilastri su cui la nostra società e soprattutto i nostri giovani si sono potuti appoggiare per superare questi mesi difficilissimi, un vero volano di resilienza contro lo stress e la depressione, grazie anche all’esempio dei nostri atleti chiamati a resettarsi completamente per il rinvio dell’Olimpiade di Tokyo”. “Le Fiamme Gialle - ha proseguito il Gen. Aniello - vogliono dare un seguito anche per il futuro ai successi olimpici giapponesi, in cui con il 22% delle medaglie italiane abbiamo eguagliato il nostro record assoluto. Abbiamo già iniziato a farlo, perché il 15 novembre sono stati arruolati 23 giovani atleti che costituiscono un investimento per i prossimi anni, il cui numero siamo pronti ad incrementare ulteriormente. Inoltre è con particolare orgoglio che ci apprestiamo, già dalle prime settimane del prossimo anno, a pubblicare il primo bando per la contrattualizzazione di 6 atleti paralimpici, straordinario traguardo per il raggiungimento della totale parità di trattamento con gli atleti normodotati”.

È seguito l’intervento del presidente di Sport e Salute, Vito Cozzoli, che orgoglioso di essere un finanziere onorario si è detto “in particolare sintonia con l’attività delle Fiamme Gialle, cui Sport e Salute è legata da una stretta comunanza di intenti per la centralità data al valore sociale dello sport, di tutti e per tutti. Non ci si limita al supporto economico, ma si lavora insieme per lo sport di base”.

Ha preso quindi la parola il condirettore generale del partner UnipolSai Assicurazioni, Enrico San Pietro: “Sono davvero orgoglioso di avere avuto l’opportunità di supportare le Fiamme Gialle in quest’iniziativa, considerato il loro impatto nel panorama nazionale e internazionale che ha un peso, ad esempio nel medagliere olimpico, superiore a Paesi come la Spagna”. “Numerosi studi - ha sottolineato - dimostrano la significativa correlazione tra i successi sportivi e il clima di fiducia in un paese, ed il conseguente impatto positivo sull’economia. Da qui possiamo comprendere l’importanza di investire nello sport”.

Ha chiuso il presidente del CONI Giovanni Malagò che ha fatto gli onori di casa, salutando e ringraziando le autorità, la stampa e gli atleti: “I successi straordinari di quest’anno, che almeno ancora per qualche giorno mi possono far vivere di rendita, hanno fatto bene al Paese”, affermando inoltre che “c’è grande soddisfazione nel sapere di poter contare sull’impegno della Guardia di Finanza nello sport, come mi ha confermato recentemente il Comandante Generale Gen.C.A. Giuseppe Zafarana: noi ci siamo, mi ha detto, parole che sottendono orgoglio e consapevolezza . Le scelte oculate, tecniche e di collaborazioni, i costanti investimenti fatti sugli impianti, l’attenzione ai giovani contribuiscono a rafforzare lo sport italiano”. Chiamato a premiare i tecnici delle Fiamme Gialle che si sono distinti nella stagione appena conclusa, il nuovo assessore allo sport di Roma Capitale, Alessandro Onorato, ha ricordato: “Sono di Ostia, e posso personalmente testimoniare come in quel territorio le Fiamme Gialle svolgono da decenni un lavoro sociale enorme, e costituiscono una autentica alternativa, per i nostri giovani e giovanissimi, a strade molto più pericolose. Per questo mi sento in dovere di ringraziarle”.

Infine, ringraziato nei rispettivi interventi sia dal Gen. Aniello che dal presidente Malagò, che avevano scherzato sul suo ingresso in una sorta di “semestre bianco”, visto che nel prossimo mese di giugno lascerà definitivamente il suo servizio nelle Fiamme Gialle, il Gen. Vincenzo Parrinello ha concluso la cerimonia dicendo: “Questa è l’ultima volta che partecipo a questa cerimonia, quantomeno in questa veste. Desidero ringraziare tutti i miei collaboratori per quanto hanno fatto in questi anni, e in particolare ognuno di voi: atleti, tecnici, dirigenti, autorità, stampa. Se abbiamo potuto raccontarvi tante cose in questi anni, è stato anche grazie al vostro affetto e alla vostra amicizia”.

Presenti inoltre alla cerimonia la vicepresidente vicaria del CONI Silvia Salis e il vicepresidente vicario del CIP Roberto Valori, i membri onorari del Comitato Olimpico Internazionale, Franco Carraro e Manuela Di Centa, il delegato allo sport del Presidente Regione Lazio, Roberto Tavani. Gli atleti sono i protagonisti del tradizionale calendario da tavolo 2022 realizzato ancora, come da consolidata tradizione, da “Marchesi Grafiche Editoriali”, che quest’anno è giunto al ragguardevole traguardo del 30° anniversario. Tra gli appuntamenti della prossima stagione, spiccano le Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di febbraio a Pechino con due atleti gialloverdi, Sofia Goggia e Giacomo Bertagnolli, nel ruolo di portabandiera.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate